30 Marzo 2020 Segnala una notizia
Coronavirus, sindacati lombardi in sciopero il 25 marzo: "La salute non ha prezzo"

Coronavirus, sindacati lombardi in sciopero il 25 marzo: “La salute non ha prezzo”

23 Marzo 2020

L’ultimo decreto, varato dal Governo nella serata di ieri domenica 22 marzo, è stato accolto da diverse polemiche, specialmente tra le fila dei principali sindacati del Paese.

In queste ultime ore al centro della querelle c’è la decisione di restringere il numero di imprese che possono restare aperte durante l’emergenza sanitaria del Coronavirus. Già oggi da Nord a Sud sarebbero partiti i primi scioperi. Secondo quanto riporta la Fiom, avrebbero incrociato le braccia i lavoratori di almeno una decina di aziende.

Tra i primi a schierarsi pubblicamente contro le decisioni prese dal Governo Conte, ci sono i lavoratori delle aziende metalmeccaniche della Lombardia, che hanno proclamato uno sciopero il giorno mercoledì 25 marzo della durata di 8 ore. I sindacati, nello specifico, hanno chiesto la chiusura di tutte le attività non strategiche o necessarie in questi giorni di emergenza.

I sindacati Lombardi: “Il valore della vita e della salute non ha prezzo”

«A differenza di quanto annunciato in precedenza dal Governo alle parti sociali e al Paese – scrivono in una nota i segretari lombardi di Cgil, Cisl e Uil – il provvedimento assunto la scorsa sera (in ragione delle forti pressioni esercitate dalle associazioni d’impresa, a partire da Confindustria, che anziché privilegiare la vita e la salute delle persone, hanno scelto ancora una volta il profitto e l’economia) inserisce tra le attività d’impresa da considerarsi essenziali una serie di attività di vario genere che di essenziale, strategico e necessario in questa emergenza non hanno nulla, con l’effetto di ridurre ai minimi termini il numero delle lavoratrici e dei lavoratori di aziende non essenziali che lunedì mattina potrebbero “rimanere a casa”».

«Lo ripetiamo da settimane – proseguono i sindacati – così non si può! Il valore della vita e della salute non ha prezzo e non può essere barattato con nessuna ragione economica, lo stesso protocollo sottoscritto una settimana fa a difesa della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro non è stato ovunque applicato con rigore e puntualità. Se questo vale su tutto il territorio nazionale, con l’obiettivo di prevenire l’estensione dei contagi, tanto più è vitale in Lombardia, dove si tratta di invertire “senza se e senza ma” la drammatica condizione della crescita costante dei contagi, dei ricoveri, dei morti che stiamo subendo, tra cui sempre più lavoratrici e lavoratori».

Si fermano anche i settori del chimico, tessile dell’energia e della manifattura

Oltre ai metalmeccanici, si fermeranno anche i settori chimico, tessile dell’energia e della manifattura in Lombardia. Anche per loro lo sciopero è previsto per il prossimo mercoledì 25 marzo. A comunicarlo sono state, in una nota ufficiale, le segreterie Filctem, Femca e Uiltec.
«Ci mobilitiamo per difendere la vita e la salute – si legge. – Il Decreto del governo tiene conto solo in misura parziale delle istanze che Cgil, Cisl e Uil hanno posto all’attenzione dell’Esecutivo; infatti molte attività non essenziali nè indispensabili sono state inserite tra quelle che possono continuare a lavorare. Ciò depotenzia il decreto. Così non va».

«Chiediamo alle Associazioni Datoriali e alle Aziende – concludono i sindacati – di avere senso di responsabilità e di non determinare ulteriori tensioni ed esasperazioni tra i lavoratori. Pertanto auspichiamo l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per consentire la fermata dei lavoratori».

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Coronavirus, in Brianza 2.265 positivi. A Monza si superano i 400 casi

Il San Gerardo di Monza ha gli stessi pazienti delle aree calde perchè grazie ai trasferimenti si riesce a far reggere ancora anche i presidi più esposti.

Coronavirus, ANACI: “Attenzione ai condomini, le parti comuni sono a rischio”

I condomini, in piena emergenza Coronavirus, sono un luogo di potenziale contagio. L'allarme di ANACI e il vademecum che ogni palazzo dovrebbe rispettare.

Cesano Maderno, beccato a fare una grigliata in giardino, insulta i Carabinieri: denunciato

Cesano Maderno: 26enne stanco della clausura imposta dalla quarantena ha organizzato una grigliata nel giardino condominiale. Beccato dai Carabinieri li ha poi insultati sui social. Denunciato per vilipendio All'Arma.

Coronavirus, i contagi nella provincia di Monza e Brianza. Dati in crescita

Cresce il numero dei pazienti positivi al Coronavirus in Brianza. Nell’intera provincia ieri si contavano 1.750 casi.

Coronavirus, a Monza e Brianza 2.086 positivi. +138 rispetto a ieri

Nella provincia di Monza e Brianza sale ancora il numero dei contagi: sono 2.086 i pazienti positivi al Covid-19 (+138 rispetto a ieri). Una crescita lenta ma costante.