26 Settembre 2020 Segnala una notizia
Coronavirus, l'avvertimento di Fontana: "Se non state a casa chiederemo misure più restrittive""

Coronavirus, l’avvertimento di Fontana: “Se non state a casa chiederemo misure più restrittive””

18 Marzo 2020

Bisogna stare a casa. “Per adesso ve lo diciamo con la consueta tranquillità ma, se si dovesse andare avanti, chiederemo al Governo anche le maniere forti“. Queste le parole che il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha rivolto ai lombardi “indisciplinati” che, invece di seguire le indicazioni date, noncuranti dei rischi, ancora escono di casa senza urgenti necessità.

Dovete stare a casa – ha aggiunto Fontana – stiamo chiedendo un sacrificio per salvare vite umane. E’ un appello che faccio tutti i giorni, lo sto dicendo in modo educato, fra poco bisognerà cambiare tono perchè se non la capite con le buone dovremo essere un poco più aggressivi: non dovete uscire. Purtroppo i numeri del contagio non si riducono, continuano ad essere alti; ogni uscita è un rischio per voi e per altri”.

Nonostante i numerosi appelli, infatti, Regione Lombardia mette in evidenza uno scenario in cui il 40% dei cittadini lombardi si recherebbe fuori dalle proprie abitazioni per futili motivi.

Anche nella provincia di Monza e Brianza sono stati numerosi i sindaci che hanno dovuto richiamare al buon senso i propri concittadini. Proprietari di cani, runner, infaticabili della passeggiatina o della pedalata: i borgomastri invitano ad adottare comportamenti più responsabili. Ma non è solo la “boccata d’aria fresca” ad essere definita inopportuna in questo delicato momento storico: c’è chi trascorre anche un’ora in fila davanti ai supermercati per acquistare un etto di prosciutto cotto, make up, e articoli vari magari non di prima necessità.

E così, laddove il rigore civico non prevale, ci hanno pensato i negozianti vietando l’acquisto di beni secondari.

Il presidente Fontana ha poi lanciato  un appello, condiviso anche con i sindaci della Lombardia, a medici e infermieri “che sono andati in pensione negli ultimi 2 anni” e a quelli che “lavorano in strutture private e agli specialisti che lavorano in strutture private affinché si mettano a disposizione per dare una mano”.  “Con la loro collaborazione – ha detto – potremo dare risposte ancora più importanti e una maggiore assistenza”.

Chi volesse dare la propria disponibilità può inviare una mail a perlalombardia@regione_lombardia.it

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Villa Reale chiusa, il Comitato: “Il Consorzio cacci il privato altro che risarcimento!”

Il Comitato del Parco e "La Villa è anche mia" tornano sul tema della parziale chiusura della Reggia di Monza. Raccontando cosa, a loro parere, non è andato bene.

Monza, locale etnico in pessime condizioni igieniche: multe per 10 mila euro

Il cibo veniva scongelato, lavorato e ricongelato più volte: è stato pertanto posto sotto sequestro amministrativo.

“Il Brianteo sarà da 25mila posti”. Ecco i progetti dell’AC. Monza guidato da Adriano Galliani

Ac. Monza pensa già al nuovo Brianteo: sarà come lo stadio dell'Atalanta e Udine: sarà mantenuta la tribuna centrale, avvicinato il campo agli spalti e sarà posizionata una nuova copertura a forma di "C".

Commercio: bando di 100 mila euro per negozi e PMI di Villasanta, Arcore, Macherio, Biassono e Vedano

La domanda può essere presentata entro e non oltre le ore 17.00 del 10 novembre 2020. I fondi sono stati stanziati da Regione Lombardia.

Contratti a termine e blocco licenziamenti, Cgil MB: “Spesso legge aggirata”

L'Ufficio vertenze del sindacato di via Premuda lancia l'allerta sulle falle dei provvedimenti normativi, a volte sfruttate dagli imprenditori a danno dei lavoratori. Preoccupazione per i prossimi mesi.