01 Ottobre 2020 Segnala una notizia
Coronavirus, Cgil Monza e Brianza: “Ci vuole un coordinamento europeo”

Coronavirus, Cgil Monza e Brianza: “Ci vuole un coordinamento europeo”

13 Marzo 2020

L’emergenza Covid-19 sta mettendo a dura prova chiunque. Dalle singole persone, in particolare quelle più anziane, alle attività commerciali ed economiche. Nella speranza che la tempesta duri il meno possibile e lasci spazio presto alla quiete di leopardiana memoria, ognuno deve farsi carico di un così grande problema collettivo e rispettare, per il proprio bene e per quello degli altri, le previste misure di prevenzione e sicurezza in grado di ridurre la diffusione del contagio del Corona-virus.

Ma, “da un grande potere, derivano grandi responsabilità”, affermava Ben Parker, zio di Peter, protagonista del famoso fumetto “Spider-Man”. Ed allora, in questa diffusa emergenza sanitaria, probabilmente qualcuno deve ancora fare completamente la propria parte.

“L’Unione europea deve mettere in campo un coordinamento maggiore, non va bene, in una logica di crescita comunitaria, che ogni Paese vada per la propria strada in questo caso – afferma Angela Mondellini (nella foto in alto), Segretaria generale della Cgil Monza e Brianza – sappiamo, infatti, che nello scacchiere europeo se una commessa non può essere assolta da un’azienda italiana, viene portata a termine da una di un’altra Paese”.

La Mondellini, che nei giorni scorsi ha scritto un’accorata lettera rivolta “ai lavoratrici e ai lavoratori, alle pensionate e ai pensionati, a tutti i giovani in questo periodo di emergenza” (vedi qui), racconta in quest’intervista ad MBNews come la Cgil di Monza e Brianza riesca ad essere vicina, anche in questo periodo, ai propri assistiti e quali saranno, una volta terminata l’emergenza, le maggiori difficoltà da vincere per il mercato del lavoro del nostro territorio.

Salve Segretaria, prima di tutto una domanda per nulla scontata in questo periodo. Come sta?

Io, per fortuna, mi sento bene, ma c’è molta preoccupazione tutto quello che sta succedendo in questo periodo.

Il Corona-virus è una sorta di tornado che sta cambiando le nostre abitudini e la nostra vita più in generale. La Cgil Monza e Brianza come si sta muovendo dal punto di vista operativo per garantire i propri servizi ai lavoratori?

Parte del nostro personale, nel rispetto delle norme in vigore, è in sede per fornire una serie di prestazioni indifferibili, come le domande di cassa integrazione e Naspi. Tutto il resto, che può essere svolto telematicamente, viene assolto grazie ai mezzi informatici a disposizione e via telefono.

Quali sono le difficoltà che state riscontrando nel mercato del lavoro in questo periodo?

Stiamo lavorando per dare copertura e sostegno a tutti. Abbiamo cominciato nelle prime settimane con l’essere al fianco dei lavoratori degli esercizi commerciali, delle cooperative delle scuole e delle mense, che vedono in pericolo il proprio reddito. Adesso, sempre più, ci stiamo occupando anche delle tutele individuali dei licenziati, dei somministrati e dei contratti a termine. Inoltre, visto che molte aziende continuano a lavorare, la nostra attenzione è sui Decreti approvati in questi giorni. Ci giungono segnalazioni da parte dei lavoratori, infatti, del mancato rispetto in tutti gli spazi aziendali delle norme di sicurezza e prevenzione.

Quanto sarà difficile, secondo lei, la ripresa economica una volta terminata l’emergenza da Covid-19?

Tutto dipenderà dalla durata dell’emergenza stessa. Naturalmente prima riusciamo ad uscirne e minori saranno le conseguenze negative. Effetti pesanti sulle Borse ci sono già. Io credo che il tessuto industriale di Monza e della Brianza, fatto soprattutto di piccole e piccolissime imprese, avrà molte difficoltà a riprendersi.

Le realtà più grandi, che pure sono presenti nel nostro territorio, spero reggano meglio. In ogni caso è necessario un coordinamento maggiore da parte dell’Europa. In una logica di crescita comune, infatti, non è possibile che ogni Paese possa prendere iniziative individuali. Anche perché, come sappiamo, se una commessa, a causa di questa situazione, non può essere assolta dall’Italia, lo faranno altri Paesi.

Che ruolo dovrebbe avere l’Unione europea?

Sicuramente i fondi europei di cui si è parlato fino ad ora non sono sufficienti. C’è bisogno di ben altre risorse rispetto al fondo da 7,5 miliardi annunciato. E’ necessario aumentarle per incentivare la domanda interna, innanzitutto dei servizi e del commercio, ma anche per sostenere lo sviluppo e incrementare le esportazioni.

In una sua lettera di pochi giorni fa (Il testo) ha rivolto un pensiero soprattutto alle donne e agli uomini impegnati in prima linea nei presidi ospedalieri lombardi. Come giudica nella nostra Regione la situazione attuale della sanità, tema su cui la Cgil sta lottando da tempo (leggi l’articolo)?

Dobbiamo interrogarci sul sistema sanitario pubblico, a partire da quello lombardo. E’ stato depauperato negli anni e, in questa occasione, si cerca di porre rimedio con assunzioni dell’ultima ora. Noi lo diciamo da tempo e lo ribadiamo anche adesso: le risorse disponibili, anche se poche, vanno spese per gli organici, la formazione, il turnover e l’acquisto di macchinari. Negli ultimi anni, invece, i soldi di Regione Lombardia sono stati dati ai privati per aprire studi radiologici. Il risultato è che ora ci troviamo con pochi posti in terapia intensiva.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Gli eredi del soldato hanno letto MBNews: la piastrina della Seconda Guerra torna a “casa”

Il figlio Franco, residente a Monza, è stato trovato grazie ai lettori di MBNews che hanno fornito alla nostra redazione informazioni importanti sulla famiglia Svanoni.

Arcore e la polemica sui fuochi d’artificio a Villa San Martino per il compleanno di Berlusconi

Il sindaco risponde alle polemiche: “E’ stata regolarmente chiesta autorizzazione e sono stati regolarmente autorizzati. Secondo le norme. Punto”.

Brugherio, ritrovata piastrina della Seconda Guerra Mondiale: si cercano gli eredi di Salvatore Svanoni

Si tratterebbe di Salvatore Svanoni, nato a Monza nel 1919 da Francesco Svanoni e Vavassori Anna. Adesso inizia la sfida più difficile: rintracciare la famiglia.

Intervista ad Andrea Tagliabue, l’agricoltore brianzolo premiato per la “Marmellate del banchiere”

Premiato da Coldiretti con gli Oscar green per le sue “Marmellate del Banchiere”, un prodotto unico ed innovativo.

Monza: 51enne sul monopattino si scontra con un’auto e finisce in ospedale

L'uomo caduto sull'asfalto è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale San Gerardo in codice verde.