28 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Seveso, diossina: arriva l'orto sperimentale per verificarne la presenza

Seveso, diossina: arriva l’orto sperimentale per verificarne la presenza

5 Febbraio 2020

Arriverà in primavera, a Seveso, un orto sperimentale per verificare la presenza di diossina nei prodotti agricoli e, di conseguenza, aiutare i cittadini a evitare il rischio da esposizione. Voluto da comune e Ats, il progetto era stato proposto a dicembre dal geologo Gianni Del Pero, che infatti supervisionerà il progetto, in occasione del convegno “Indagine di valutazione di rischio da esposizione alla Diossina residua dell’Incidente Icmesa” tenutosi alla Fondazione Lombardia per l’Ambiente.

Nel frattempo, Del Pero stenderà un vademecum da distribuire ai cittadini: una serie di buone pratiche da tenere a mente per tutti coloro che hanno a disposizione un piccolo orto nella zone che potrebbero riportare ancora i segni della contaminazione da diossina in seguito al disastro Icmesa del 1976. Un esempio su tutti: meglio evitare le cucurbitacee (zucchine, zucche e cetrioli), che più facilmente assorbono la diossina dal terreno.

«Rispetto alla proposta fatta al convegno, il comune di Seveso ha dato l’incarico a me per disporre un vademecum per i cittadini, attivando questo progetto nel suo territorio – conferma il geologo -. Ho coinvolto Ats nella valutazione – aggiunge – perché è l’ente deputato al controllo sugli alimenti, ed è quindi fondamentale collaborarvi. Il comune convocherà a giorni un tavolo tecnico a cui parteciperanno anche Arpa e Fla – annuncia -. I risultati saranno poi condivisi con i cittadini di tutti i comuni, per diffondere le buone pratiche agricole e orticole».

L’obiettivo è quello di estendere l’analisi del rischio in tutte le aree agricole, verificando con Ats tutti quei terreni in cui si è scoperto che c’è ancora presenza di diossina, in quantitativi minori di quelli per i quali si potrebbe richiedere una bonifica, ma comunque sufficienti per creare problemi per l’alimentazione.

Una battaglia che sta a cuore anche al senatore Gianmarco Corbetta (M5S), che, insieme anche a Del Pero, aveva già chiesto ad Ats per sollecitare controlli sulle produzioni agricole della zona, in occasione del decreto ministeriale che imponeva nuovi limiti ai livelli di inquinamento agricolo: Ats però non aveva potuto fare nulla perché nell’area non risultano attività ufficiali, mentre chiunque conosca la zona sa che esistono tante piccole coltivazioni, a partire dai piccoli orti per uso privato. «Ora abbiamo la possibilità di ricucire quell’informazione – aggiunge Del Pero ricollegandosi anche alle istanze di Corbetta -, da un lato diffondendo le buone pratiche, dall’altro verificando quanto produciamo nel territorio».

«Credo che siamo di fronte a un’ottima idea – ha commentato in merito il sindaco di Seveso, Luca Allievi -. Un orto sperimentale è la soluzione migliore per giungere in breve tempo a ottenere dei dati scientifici da utilizzare per la redazione di un vademecum sui comportamenti da adottare nelle aree agricole interessate dalla presenza di diossina residua».
Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Riapertura delle scuole: la Lombardia decide nel weekend

Per sapere se lunedì 2 marzo sarà possibile tornare a scuola bisognerà attende il fine settimana. Le dichiarazioni del presidente Fontana e del vice Sala.

Coronavirus, le buone notizie dalla Brianza: la dipendente di Agrate ricoverata, torna a casa

Coronavirus, buone notizie dalla Brianza: è tornata a casa la donna positiva al test, che lavora ad Agrate ed è risultato negativo il presunto contagiato, ricoverato in isolamento all'ospedale di Carate.

Primo caso in Abruzzo: è un impiegato di banca di Brugherio

La famiglia è tenuta in isolamento domiciliare fiduciario e nessuno dei componenti presenta al momento sintomi.

Coronavirus, confermato il caso in Abruzzo. Il sindaco: “Nessuna misura qui a Brugherio”

Ieri sera il secondo test eseguito allo Spallanzani di Roma ha confermato la positività al coronavirus del brugherese.

Ministero Beni Culturali: concorso per 500 custodi. Titolo di studio: Licenza media

Le figure ricercate dal Ministero sono: operatori alla custodia, vigilanza e accoglienza da assumere a tempo pieno e indeterminato.