05 Giugno 2020 Segnala una notizia
Liceo Statale Frisi di Monza: "Agire come una comunità dopo queste tragedie"

Liceo Statale Frisi di Monza: “Agire come una comunità dopo queste tragedie”

13 Febbraio 2020

Agire come una comunità. Questo l’invito della dirigente scolastica, Lucia Castellana, alle decine di genitori che ieri hanno partecipato alla riunione straordinaria indetta a seguito della tragica morte di due studenti.

Psicologi e terapeuti a disposizione degli alunni e dei genitori. Adeso è il momento di rielaborare il lutto. È stato anche fatto un accordo con il San Gerardo per cui chiunque chiami l’ospedale, dichiarando di essere uno studente del Frisi, avrà una visita psicologica con priorità rispetto ad altri e già da domani il numero del nosocomio sarà affisso nella bacheca della scuola.

I fatti. Nell’arco di poco più di due settimane, due studenti di questa scuola, il Liceo Statale Frisi di Monza, si sono suicidati. la dirigente scolastica ha allontanato ogni dubbio sul fatto che ci possano essere dei collegamenti. Otre a questo è stato detto che dietro a queste tragedie, non c’è nessun gioco di ruolo tra ragazzi, né alcun atto di violenza se non quella che si sono autoinflitti per dei motivi personali.

Tutto questo non aiuta lo stesso ad accettare la scomparsa dei due studenti. Un vero choc per tutti: studenti, insegnanti e genitori. “Dobbiamo reagire uniti, come una comunità, per rielaborare un dolore più grande di noi” – dice la preside.
La riunione di ieri sera è servita per dare ai genitori degli strumenti per comunicare meglio con i loro figli e per spiegargli che cosa sta facendo la scuola stessa per aiutare i ragazzi a rielaborare questi lutti e eventi traumatici. Non solo quindi la presenza della psicologa dottoressa Raffaella Rigamonti, che oramai da 4 anni lavora nell’istituto, cosa che dimostra una grande sensibilità alle problematiche adolescenziali e giovanili, ma anche l’intervento dell’EDMR psicologi specializzati proprio nel post evento traumatico da grande stress.

Nel frattempo, per due settimane saranno sospese verifiche e interrogazioni proprio per poter dare agli alunni il tempo per rielaborare il lutto. All’interno di queste due tragiche vicende ci sono studenti più coinvolti, perché conoscevano le vittime o erano in classe con loro, e altri quasi estranei che però potrebbero comunque porsi delle domande e avere anch’essi bisogno di un aiuto. La Preside ricorda inoltre come gli studenti non siano numeri, quindi il voto che lo studente prende non è un voto alla persona, ma ad un compito in classe e questo deve partire anche dalle famiglie nel senso che quel voto non rappresenta un giudizio nei confronti del ragazzo o dei genitori, ma solo su come è stato svolto un compito. È quindi il momento di ritrovarsi come comunità al Frisi.

La riunione si scioglie. Non è questo il momento di dare delle risposte, di cercare dei colpevoli per forza. Questo è il momento della rielaborazione del dolore dove anche Monza, tutta, senza giudizi dovrebbe stringersi come comunità intorno a questa scuola piegata dal dolore.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Marta Migliardi
Sono una giornalista e scrittrice con la valigia in mano, i piedi ben piantati a terra e lo sguardo, ogni tanto, verso il cielo. Vivo tra l’Africa (Zanzibar) e l’Italia, in eterno movimento. Monza è la mia casa, ovunque mi trovi. Bisogna sempre avere un posto in cui tornare. Amo gli animali e amo scrivere. Il resto è di passaggio.


Articoli più letti di oggi

Covid19 e trombosi. I ricercatori del San Gerardo di Monza scoprono il legame

Lo studio dell'Università Milano-Bicocca spiega come il virus potrebbe infettare direttamente la superficie interna dei vasi nei pazienti con complicanze trombotiche.

“Bonus Mobilità”: i sindaci di Seregno, Desio e Lissone scrivono al Premier Conte

I Comuni vengono di fatto esclusi dai benefici della norma pur presentando caratteristiche che meriterebbero maggiore attenzione.

Rivendevano strumenti di terapia intensiva dell’ospedale: in manette un imprenditore di Barlassina e una farmacista

In manette una dirigente dell'area logistica della farmacia dell’ospedale di Saronno e un imprenditore di Barlassina: rivendevano illecitamente strumenti di terapia intensiva dell’ospedale di Saronno.

Vimercate, ultimo paziente Covid lascia la terapia intensiva. Ecco i dati di Regione Lombardia al 5 giugno

L'ultimo paziente ricoverato a Vimercate in terapia intensiva ha lasciato ieri il reparto.

Arcore, il poliambulatorio Med4you offre visite specialistiche senza liste di attesa

Nel centro polispecialistico prestano servizio 25 medici specializzati in diverse discipline. L'approccio nella gestione del paziente è multidisciplinare.