25 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Seregno. Quarantuno fotografie di Carlo Silva in mostra per aiutare i bambini siriani

Seregno. Quarantuno fotografie di Carlo Silva in mostra per aiutare i bambini siriani

20 Gennaio 2020

“Esistono molte cose nella vita che catturano lo sguardo, ma solo poche catturano il cuore: segui quelle”.  La frase la pronunciò Wiston Churchill, ma questa è la motivazione che ha spinto il seregnese Carlo Silva, architetto e fotografo di fama internazionale, ad esporre quarantuno delle sue fotografie scattate in vent’anni di carriera, in sala civica Mariani a Seregno.

“Era da tempo in realtà che non facevo una mostra – dice – ma quando mi è stata spiegata la finalità ho accettato subito con entusiasmo”.  La mostra “Album – le mie fotografie”  sarà inaugurata il 1 febbraio e il ricavato delle vendite, grazie alla collaborazione tra l’artista, il Comune di Seregno,  l’Unicef di Monza e Brianza ed il patrocinio di Lions Club Seregno AID, sarà interamente devoluto al sostegno dei tantissimi bimbi della Siria .

La mostra

Verrà aperta il pubblico alle 16.30 del 1 febbraio. “Album – Le mie fotografie” è una mostra antologica di quarantuno immagini che sono state stampate nel grande formato 50×75 cm. Sono fotografie scattate dal 1998 al gennaio 2020 e selezionate tra migliaia di immagini, alcune premiate in concorsi fotografici nazionali e internazionali, altre tra le preferite dell’autore.

“Non è stato facile scegliere queste quarantuno, perché ognuna di loro mi lega ad un ricordo particolare – spiega l’autore – però una a cui tengo particolarmente c’è: nella mostra ci sarà la foto scattata ad un bimbo mentre gioca con il tablet, il suo viso è illuminato dalla luce del display. Una luce particolare. Quel bimbo è mio nipote. Ho scelto di scattare questa foto in particolare in bianco e nero per sottolineare un po’ il contrasto con le immagini di alcuni bambini dell’India, che sono invece a colori perché nonostante vivano in situazioni di estrema povertà,  incontrarli, emana sempre grande gioia”.

La mostra, proposta da Unicef Monza e Brianza, ha il grande obiettivo di raccogliere fondi per aiutare in tanti bimbi siriani, che vivono in un paese colpito dalla guerra da ben otto anni: “aiutarli non è sempre facile – spiega Maria Luisa Sironi, presidente Unicef Monza e Brianza – per entrare in Siria bisogna richiedere tantissimi documenti e spesso i nostri convogli vengono fermati. Ma facciamo il possibile. Dal caldo delle nostre case, non abbiamo idea delle reali condizioni in cui vivono questi bambini ma vi assicuro che la situazione è davvero difficile ecco perché sapere che un’artista come Carlo Silva ha deciso di aiutarci nella causa ci ha riempito il cuore di gioia”.

La mostra però, nonostante il suo fine, non è dedicata solo ai bambini.  Le fotografie, infatti,  trattano anche di altri temi affrontati da Silva nel corso degli anni: ritratti di gente comune, paesaggi, architetture, cibo. E, per la prima volta a Seregno, sarà proposta la fotografia “Melone Modigliani”, già esposta alla Galleria Belvedere e a Palazzo del Senato a Milano, alla Galleria privata Bellini di Firenze durante l’evento “Italia a Tavola” e, da maggio a settembre 2010, ai Kew Gardens di Londra dove è stata premiata all’International Garden Photographer of the Year 2010.

Come sarà possibile aiutare l’Unicef di Monza e Brianza a raccogliere fondi? Durante la mostra saranno messe a disposizione dall’artista Carlo Silva delle copie delle sue fotografie, in formati diversi, il ricavato delle vendite verrà interamente devoluto. All’inaugurazione, inoltre, sarà presente, tra gli altri, Pasquale Diaferia, Creative Chairman e uno dei più qualificati web influencer italiani e internazionali.

L’artista

Carlo Silva, architetto, nato e residente a Seregno ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi fotografici nazionali e internazionali. Le sue immagini sono state esposte in diverse mostre personali e collettive a Milano, Como, Roma, Firenze, Bologna, San Marino, Barcellona, Madrid, Londra, Losanna, Cracovia. Nel 2005 e 2009 per le mostre “Prima Visione – Fotografie di un anno da Milano al mondo” è stato selezionato da Roberto Mutti, critico fotografico de “La Repubblica”, tra i migliori 25 fotografi lombardi. I suoi ritratti di giovani agricoltori lombardi sono stati esposti da ottobre 2011 a gennaio 2012 al Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano nell’ambito della campagna di comunicazione ai cittadini “La faccia giovane dell’agricoltura lombarda” a cura della Direzione Generale Agricoltura di Regione Lombardia e pubblicate sul libro di racconti “L’agricoltura cambia faccia alla tua vita”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi

Coronavirus: gli ultimi aggiornamenti da Regione Lombardia

In corso la conferenza stampa con il presidente Fontana e l'assessore alla Sanità Gallera.

San Gerardo riaperti i reparti chiusi, ecco le nuove disposizioni per il coronavirus

Il Pronto Soccorso è operativo, il Centro Unico Prenotazioni è operativo.

Lissone shock: dalle sterpaglie spunta il cadavere di un 38enne

Trovato cadavere di un uomo di 38 anni tra le sterpaglie di via Toti in frazione Bareggia di Lissone. Indagini in corso per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Brianza, effetto Coronavirus: supermercati e stazioni vuote… Autostrade piene

Questa mattina invece, erano completamente deserte le stazioni ferroviarie. La maggior parte dei lavoratori ha scelto l'auto.

Coronavirus: la risposta dei supermercati agli assalti (ingiustificati) dei clienti

Effetti del Coronavirus si ripercuotono sui principali supermercati presi di mira: rifornimenti in continuo aggiornamento