20 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Notte Bianca dei Licei, a Monza il 17 gennaio porte aperte allo Zucchi e al Dehon

Notte Bianca dei Licei, a Monza il 17 gennaio porte aperte allo Zucchi e al Dehon

14 Gennaio 2020

Negli ultimi tre anni la crescita delle iscrizioni ai Licei è stato un trend costante. E anche l’anno scolastico 2019/20 ha confermato che la scelta di puntare su una solida formazione di base, in grado di preparare al meglio anche per un successivo percorso universitario, è tornata a piacere ai ragazzi e alle ragazze italiani. Soprattutto a queste ultime. Che rappresentano, secondo i dati del Ministero dell’Istruzione (clicca qui), il 60,5 % dei nuovi iscritti agli studi liceali.

A beneficiare del rinnovato appeal di questo indirizzo della scuola superiore è anche il Liceo Classico, con una quota di nuovi ingressi salita del 6,7% nell’anno scolastico in corso. Indagini socio-economiche e culturali, nei prossimi anni, sapranno probabilmente spiegarci le ragioni di questo fenomeno.

Intanto, però, si può considerare più di un’ipotesi che tra i fattori decisivi ci sia anche la Notte Nazionale del Liceo Classico, uno degli eventi più innovativi nella scuola degli ultimi anni. Che, nato da un’idea di Rocco Schembra, docente di Latino e Greco presso il Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale, in provincia di Catania, nel 2020 celebra la sua sesta edizione.

A Monza, venerdì 17 gennaio, dalle ore 18 alle 24, il Liceo Classico e Musicale “Bartolomeo Zucchi” parteciperà all’evento, in contemporanea con altri 439  istituti in tutta Italia. Ci saranno, come vuole il format della Notte Nazionale del Liceo Classico, momenti comuni a tutti gli istituti.

Quest’anno, in particolare, l’apertura sarà affidata al brano inedito “L’ombra delle nuvole” del cantautore fiorentino Francesco Rainero. Sarà letto nel corso della serata, inoltre, il testo di Gabriel Bianchi, studente del liceo classico “Repetti” di Carrara, che ha vinto il concorso per la composizione di un elaborato che si ispirasse a un passo del “De causis plantarum” di Teofrasto (IV-III sec. a.C.), in cui il filosofo di Ereso discute dei cambiamenti climatici determinati dall’intervento dell’uomo sulla natura.

Proprio l’emergenza climatica, la cui denuncia in tutto il mondo è condotta in prima linea dai giovani dei Fridays for future (leggi l’articolo), sarà uno dei temi conduttori di questa edizione della Notte Bianca dei Licei. Come testimonia anche il fatto che la locandina dell’evento, realizzata da Valeria Sanfilippo, docente del Liceo Spedalieri di Catania, rappresenta una figura femminile di grandi dimensioni, Madre Natura, con in mano il grande libro della cultura.

Il 17 gennaio il Liceo Zucchi aprirà le porte alla cittadinanza di Monza con una serie di iniziative. Nelle sei ore previste dall’evento, infatti, ci sarà spazio per un’offerta varia e multidisciplinare (qui il programma completo). Quasi come la vastità che è capace di offrire la cultura classica.

Dalla conferenza del noto teologo e docente, Vito Mancuso, dal titolo “La coscienza morale. Esiste davvero?” ai numerosi concerti con musiche di Beethoven, Bach e Mozart. Senza disdegnare brani più moderni, come l’Halleluia di Cohen. D’altro canto lo storico istituto monzese attivo dal 1871, ormai da 7 anni, all’indirizzo tradizionale ha aggiunto  l’insegnamento musicale.

Nella Notte Bianca dello Zucchi, tra incontri, conferenze, giochi e laboratori, ci sarà un continuo rimando tra l’antichità greca e romana e l’attualità. Così, se da un lato si parlerà di “Processo decisionale e assunzione di responsabilità nella democrazia greca”, dall’altro, nello spazio “Spesso ritornano”, dedicato a ex studenti del Liceo monzese che salgono in cattedra, si allungherà lo sguardo sull’ormai imminente Brexit con “La ribellione di chi si ferma, raccontata da chi se ne va (in UK)”.

Non mancheranno momenti più leggeri. Almeno dal punto di vista dell’impegno mentale. Ad esempio il rinfresco, fornito dall’istituto alberghiero Olivetti e la tradizionale tombolata, curata dal personale Ata dello Zucchi.

“E’ un evento cui teniamo moltissimo perché unisce tutte le componenti e le anime della scuola, ci stimola a comunicare e a interagire con l’esterno, ci permette di riscoprire la nostra storia e ci fa vivere emozioni autentiche” afferma la Professoressa Emanuela Gravina, una delle referenti dell’evento allo Zucchi.

“Ormai la Notte Bianca è un appuntamento fisso per ex studenti, ex colleghi, che tornano molto volentieri nel nostro istituto per rivivere dei bei momenti e riscoprire le proprie radici – continua – la viviamo come una vera e propria festa, che ci rende felici e ci motiva a fare sempre meglio nel nostro lavoro quotidiano a scuola”.

Il 17 gennaio sarà Notte Bianca anche all’Istituto “Leone Dehon”, altro storico Liceo di Monza. Filo conduttore, in questo caso, sarà il tema “ALTERITAS Dal mondo classico incontri e scontri con L’ALTRO” (qui il programma completo).

Un modo per approfondire l’inclusione e l’esclusione. Concetti quanto mai attuali in una società che sta vivendo, in maniera sempre più aggressiva e, a volte, pericolosa, il rapporto con tutti coloro che, anche in base a stereotipi ripescati dal passato più fosco, sono considerati “diversi” o “stranieri”. Fino a mettere in gioco il nostro livello di umanizzazione, un principio basilare del bene comune.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Nova Milanese: aggredito dal suo cane, lo uccide per salvarsi

L'uomo che ieri è stato aggredito a Nova Milanese dal suo cane, ha riportato gravi ferite al pene e ai testicoli. Purtroppo il 40enne per difendersi ha ucciso il suo cane a colpi di coltellino (che aveva con sé).

La Monza più bella è su Rai 1: la nostra città in onda a “Linea Verde Life”

Il prossimo sabato 22 febbraio la città di Monza sarà su Rai 1, alla trasmissione "Linea Verde Life". Al centro della puntata il complesso della Villa Reale e del Parco di Monza, ma anche i temi della sostenibilità ambientale. Tutti i dettagli.

Prevenire infarti e ictus? Il Cab polidiagnostico spiega come!

Dal Cab polidiagnostico, la dottoressa Teresa Mustica spiega come prevenire i fattori di rischio che causano infarti e ictus.

Movimento 5 Stelle: “Lo spot di Trenord con Pozzetto? Una presa in giro”

Nello spot si parla di pulizia, puntualità: tematiche, queste, che hanno fatto insorgere il Movimento 5 Stelle Lombardia tanto da definire la trovata pubblicitaria "un insulto alla pazienza dei viaggiatori". 

Monza in maschera: torna il Carnevale tra eventi, trenino e coriandoli

Due weekend, dal 21 febbraio all’1 marzo, con iniziative dedicate soprattutto a bambini e famiglie.