28 Maggio 2020 Segnala una notizia
Il sindaco: "Sottopasso in centro città a Seveso: facciamo un po’ di chiarezza"

Il sindaco: “Sottopasso in centro città a Seveso: facciamo un po’ di chiarezza”

2 Gennaio 2020

Riceviamo e pubblichiamo la lettera scritta da Luca Allievi, Sindaco di Seveso.

“Nelle sedute di Consiglio Comunale del 25 e 28 novembre e del 10 dicembre scorsi sono stati approvati importanti progetti relativi alle infrastrutture che saranno costruite nei prossimi anni sul territorio di Seveso. Purtroppo, a valle di questi tre Consigli Comunali, sono circolate affermazioni, interviste, dichiarazioni e ricostruzioni giornalistiche non perfettamente aderenti al vero contenuto e alle motivazioni sottostanti le scelte adottate dal Consiglio Comunale, soprattutto con riferimento al progetto di raddoppio ferroviario in centro città e alla realizzazione del sottopasso veicolare in centro.

Per prima cosa, sgombriamo il campo da un equivoco di fondo: perché si è scelto di far passare il sottopasso veicolare dal tracciato via Zeuner/via Sanzio, anziché dal tracciato via Sanzio/via Corridoni (quest’ultima ipotesi era la proposta prevista dalla precedente Amministrazione)? Per un semplice e oggettivo motivo: perché il sottopasso di via Sanzio/via Corridoni avrebbe avuto un’operatività limitata e sarebbe già nato con delle criticità tecniche non certo trascurabili per la sua realizzazione. In primis, quel sottopasso, non avrebbe permesso il transito di pullman, mezzi di soccorso (ad esempio Vigili del Fuoco) e nemmeno il passaggio di due ambulanze una accanto all’altra. Tale problema è stato confermato dai tecnici di FerrovieNord presenti in Consiglio Comunale. Inoltre, quel sottopasso “piccolo” avrebbe avuto un’alta probabilità di confliggere con le fondamenta dei palazzi presenti in via Corridoni/Manzoni. Al contrario, l’ipotesi da noi proposta sul tracciato via Zeuner/via Sanzio, senza interferenze nel sottosuolo, permetterà di avere un sottopasso “vero”, che potrà essere usato anche dai mezzi di soccorso e dai pullman, soprattutto quelli del trasporto scolastico che, invece, nell’ipotesi del sottopasso “piccolo” di via Sanzio/via Corridoni avrebbero dovuto girare attorno a Seveso, passare da Cesano Maderno, per poi andare verso le destinazioni finali. Una soluzione, quest’ultima, francamente poco efficiente, se non addirittura “fantozziana”, se si pensa che già ora gli studenti e i loro insegnanti ci chiedono costantemente di poter arrivare in orario alle lezioni senza scontare giornalmente i 10/15 minuti di ritardo dovuti ai passaggi a livello abbassati.

Il secondo tema riguarda la chiusura dei passaggi a livello. Il progetto ricevuto da Regione Lombardia prevedeva la chiusura dei passaggi a livello di via Manzoni (come già nella precedente previsione della precedente Amministrazione) e anche il passaggio a livello di via Dante/Montello, con la contestuale realizzazione di due sovrappassi ciclopedonali in corrispondenza dei passaggi a livello da chiudere. Valutate le diverse criticità, la maggioranza consiliare ha richiesto di inserire tra le varie prescrizioni che il passaggio a livello di via Dante/Montello non sia chiuso e che quindi, di conseguenza, non sia realizzata la passerella ciclopedonale in sua corrispondenza. Non è vero quindi che vogliamo che via Dante diventi a fondo cieco, come qualcuno invece va in giro a dire.

Terzo tema: si dice che realizzare un sottopasso “vero”, come quello da noi previsto, attirerà traffico aggiuntivo in città. Noi pensiamo che quando si deve fare un’opera la si debba fare funzionale. Quindi prevedere un sottopasso a misura e funzionalità ridotta non ha alcun senso. Crediamo invece che si possa realizzare un sottopasso funzionale, governando poi il traffico di conseguenza, con tutti gli strumenti che il Codice della Strada e un Piano Urbano del Traffico ben strutturato possono metterci a disposizione.

Luca Allievi, Sindaco di Seveso”

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Polmoni “bruciati” dal Coronavirus, 18enne salvato da trapianto record

Francesco era giovane e perfettamente sano, il virus lo ha infettato e gli ha danneggiato irrimediabilmente i polmoni, 'bruciando' ogni capacità di respirare normalmente. 

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 28 maggio

Nella regione Lombardia i casi positivi registrati al 28 maggio sono 88.183 dall’inizio dell’epidemia. I nuovi casi positivi sono 382 (2.5% rapporto con i tamponi giornalieri).

A Monza e Brianza 5.466. Ecco l’aggiornamento dei sindaci

La provincia di Monza e Brianza dall’inizio dell’emergenza conta: 5.466 (+6)

Brugherio, incendio nella pizzeria Lo Stregone: evacuate 3 famiglie

Notte di fuoco a Brugherio. Intorno alle 4.00, un incendio è divampato all'interno della pizzeria Lo Stregone. Nessun ferito, tre famiglie evacuate residenti ai piani superiori.

San Gerardo, da giugno un ambulatorio multidisciplinare per i pazienti post Covid

L'ASST di Monza vuole proporre una risposta innovativa ad un bisogno di salute emergente nella popolazione interessata da questa malattia.