07 Agosto 2020 Segnala una notizia
Esportazioni, novità doganali nel 2020: seminario di Confimi Monza e Brianza

Esportazioni, novità doganali nel 2020: seminario di Confimi Monza e Brianza

14 Gennaio 2020

La propensione all’internazionalizzazione delle imprese lombarde è nota. E nel 2020 le loro aspettative verso l’estero, secondo Promos, l’Azienda speciale per l’internazionalizzazione della Camera di commercio di Milano, MonzaBrianza Lodi, restano molto positive. Ma tra le problematiche principali che, secondo le aziende stesse, potrebbero rallentare lo sviluppo di questo tipo di business, c’è sicuramente la burocrazia.

Su quest’ultimo fronte, una delle novità pronte a scattare nel 2020 sono i cambiamenti di natura doganale. Che prevedono anche l’annullamento della prassi di previdimazione dei certificati EUR1, EUR MED ed ATR per il rilascio dei certificati attestanti l’origine preferenziale delle merci.

Novità sulla carta in vigore da fine gennaio, ma con la possibilità per gli Uffici locali della Dogana di una proroga a 90 giorni. Il cambiamento, comunque, rischia di provocare un rallentamento nei tempi di emissione dei certificati attestanti l’origine preferenziale delle merci. Soprattutto se l’imprenditore non è a conoscenza di tutte le implicazioni previste dalle norme.

Proprio in un’ottica informativa e di supporto, rivolta a tutti gli operatori interessati, Confimi  (Confederazione dell’industria manifatturiera e dell’impresa privata) Monza e Brianza ha organizzato il 15 gennaio, presso il Centro Congressi Giovanni XXIII di Bergamo, un seminario dal titolo “Novità doganali e status di esportatore autorizzato” (clicca qui per programma ed iscrizioni).

“Con questo appuntamento, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Bergamo, vogliamo fare luce su questioni tecniche, come le problematiche relative allo status di esportatore autorizzato, ma anche informare sulle novità doganali – spiega Cristian Lo Re dell’Ufficio Estero di Confimi – è anche un tentativo di sfatare la preoccupazione molto radicata che la Dogana sia per lo più un vigile pronto a sanzionare e creare ostacoli”.

“Per le aziende che esportano all’estero c’è una riduzione dei dazi su specifici prodotti, grazie ad accordi commerciali tra l’Unione europea ed altri Paesi – continua – sul fronte certificazioni attestanti l’origine preferenziale delle merci, che sono rilasciate dalla Dogana, è previsto che la vidimazione venga effettuata ad ogni spedizione e non più, come fino ad ora, con un sistema di previdimazione”.

Questo apparente appesantimento burocratico ha, nella mente del legislatore, un obiettivo ben preciso. “Si vuole incentivare la digitalizzazione dei processi doganali – afferma Lo Re – per arrivarci, però, le aziende devono essere certificate dalla Dogana”.

Ed ecco, allora, che in questa direzione nel 2020 le novità in materia prevedono anche lo status di esportatore autorizzato. Che rappresenta la possibilità per le aziende di attestare il carattere originario dei propri prodotti mediante una dichiarazione, resa su fattura, indipendentemente dal valore delle operazioni di esportazione.

“Per ottenere questo status, che semplifica la pratica della vidimazione delle certificazioni doganali, l’azienda deve soddisfare alcuni requisiti” spiega il referente  dell’Ufficio Estero di Confimi Bergamo, associazione imprenditoriale che a livello nazionale riunisce 40mila aziende, con circa 500 mila addetti complessivi e un fatturato aggregato di circa 80 miliardi di euro annui.

“Essenzialmente l’azienda deve poter dimostrare che la sua organizzazione interna è strutturata e competente, secondo determinati standard, sul fronte dei suoi rapporti con l’estero” continua.

Le foto sono d’archivio

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Monza, la storia di Francesco Cingi, barista dell’Auchan in cammino sulla via Francigena

Ceetrus, la società che gestisce la galleria commerciale, ha ricomprato gli scarponi rubati al monzese. Il Direttore Corrado Stivanin: "Vogliamo sostenerlo in questo suo percorso diventando una sorta di assicurazione contro eventuali disagi o momenti di difficoltà che potrà trovare lungo il cammino".

Lombardia, nessun decesso. In Brianza 7 nuovi contagi

Nessun decesso, due persone uscite dalla terapia intensiva, nessun contagio a Cremona e 152 guariti e dimessi in più. Questi i principali dati di venerdì 7 agosto.

Monopattini a Monza, sventato il primo tentativo di furto. La ditta sporge denuncia

Tentativo di furto sventato dall'Arma dei Carabinieri di Monza a danno della nuova flotta di monopattini della Dott, primo operatore a offrire l’innovativo servizio di sharing nella città di Teodolinda.

Brugherio, una roulotte e un camion avvolti dalle fiamme. Vigili del fuoco in azione

Ieri alle ore 20.45, le squadre del Comando dei Vigili del fuoco di Monza e Brianza sono intervenute nel Comune di Brugherio, in via Quarto, per l'incendio di un camper ed un camion.

Anziana morta, svolta nelle indagini. Il marito confessa: “L’ho strangolata”

Le motivazione del gesto sono ancora da approfondire ma non si esclude l’impeto di ira in un contesto familiare drammatico delineato da tanta sofferenza.