26 Settembre 2020 Segnala una notizia
Briosco. L’azienda CartaStampa contro la PlasticTax: “rischiamo di chiudere”

Briosco. L’azienda CartaStampa contro la PlasticTax: “rischiamo di chiudere”

14 Gennaio 2020

Non ha dubbi Roberto Corbetta, responsabile commerciale dell’azienda brioschese Cartastampa: “questa non è una legge salva ambiente come vogliono far credere, è solo un prelievo forzato alle aziende – esorta – se non verrà modificata, noi abbiamo sei mesi di vita: non so se saremo in grado di sostenere questa tassa e probabilmente nell’anno nuovo saremo costretti a fare dei tagli”. Ecco perché, Cartastampa ha deciso di fermare l’intera produzione per convocare un incontro straordinario con i dipendenti e renderli così al corrente delle criticità della plastic tax e le sue possibili conseguenze sull’andamento economico e occupazionale delle aziende.

Fermi tutti: CartaStampa blocca la produzione

La plastic tax, che entrerà in vigore dal 1 luglio 2020, prevede imposte su prodotti monouso come bottiglie di plastica, buste e vaschette in polietilene. Sono compresi nella tassa anche il polistirolo, i tappi delle bottiglie, le etichette e materiali plastici usati per protezioni e imballaggi. L’obiettivo, per chi la legge l’ha proposta, è quello di sviluppare un’economia circolare, ridurre la quantità di rifiuti e l’inquinamento, tutelando così l’ambiente. Ma per Roberto Corbetta è un altro: cioè quello di affossare un intero settore. E in Brianza, di aziende che producono e lavorano con la plastica ce ne sono un bel po’, almeno una ventina. 

Nella mia azienda ci sono 50 dipendenti, cioè 50 famiglie, che non sanno cosa succederà nel nuovo anno – si sfoga il responsabile marketing – oramai si è creata una vera e propria psicosi tanto che anche i clienti scelgono di non chiudere contratti proprio perché c’è paura ed incertezza su una tassa che ancora oggi non è chiara. Sa qual è la mia sensazione? Che la politica viva in un altro mondo”. 

Aziende già tassate con il CONAI

Sulla questione è più volte intervenuta anche Confidustria che, attraverso un comunicato stampa, ha espresso perplessità su questa legge che “non ha finalità ambientali, penalizza i prodotti e non i comportamenti, e rappresenta unicamente un’imposizione diretta a recuperare risorse ponendo ingenti costi a carico di consumatori, lavoratori e imprese”.

Si legge, anche: “Le imprese del settore già oggi pagano il contributo ambientale CONAI per la  raccolta e il riciclo degli imballaggi in plastica per un ammontare di 450 milioni di euro all’anno, dei quali 350 vengono versati ai Comuni per garantire la raccolta  differenziata. Peraltro, il CONAI ha effettuato una modulazione di contributo sulla qualità del materiale messo in commercio: maggiore è la riciclabilità e la qualità del materiale che finisce nella raccolta urbana, minore sarà il contributo  richiesto alle imprese per garantire la corretta gestione del fine vita. L’introduzione di una “tassa sulla plastica” equivarrebbe, quindi, a una sorta di doppia imposizione e – come tale – sarebbe ingiustificata sia sotto il profilo ambientale che economico- sociale e colpirebbe anche i prodotti di imballaggio  contenenti materiale riciclato”.

Netta la posizione di Corbetta: “per salvare l’ambiente non servono leggi, ma solo buona educazione. Non sono le aziende come la mia che inquinano, ma gli incivili: la plastica nei nostri mari non ci arriva da sola – conclude – dovrebbero dare alle aziende incentivi piuttosto che ulteriori costi da sostenere”.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi

Monza, locale etnico in pessime condizioni igieniche: multe per 10 mila euro

Il cibo veniva scongelato, lavorato e ricongelato più volte: è stato pertanto posto sotto sequestro amministrativo.

Villa Reale chiusa, il Comitato: “Il Consorzio cacci il privato altro che risarcimento!”

Il Comitato del Parco e "La Villa è anche mia" tornano sul tema della parziale chiusura della Reggia di Monza. Raccontando cosa, a loro parere, non è andato bene.

Contratti a termine e blocco licenziamenti, Cgil MB: “Spesso legge aggirata”

L'Ufficio vertenze del sindacato di via Premuda lancia l'allerta sulle falle dei provvedimenti normativi, a volte sfruttate dagli imprenditori a danno dei lavoratori. Preoccupazione per i prossimi mesi.

“Il Brianteo sarà da 25mila posti”. Ecco i progetti dell’AC. Monza guidato da Adriano Galliani

Ac. Monza pensa già al nuovo Brianteo: sarà come lo stadio dell'Atalanta e Udine: sarà mantenuta la tribuna centrale, avvicinato il campo agli spalti e sarà posizionata una nuova copertura a forma di "C".

Commercio: bando di 100 mila euro per negozi e PMI di Villasanta, Arcore, Macherio, Biassono e Vedano

La domanda può essere presentata entro e non oltre le ore 17.00 del 10 novembre 2020. I fondi sono stati stanziati da Regione Lombardia.