10 Luglio 2020 Segnala una notizia
Besana, il centro cinofilo "la Maggiolina" chiude e cerca una nuova casa per cani e gatti

Besana, il centro cinofilo “la Maggiolina” chiude e cerca una nuova casa per cani e gatti

14 Gennaio 2020

“Stiamo cercando una nuova famiglia per i cani e i gatti che abbiamo ospitato fino ad oggi nelle nostre strutture”, l’appello arriva da Silvia Sonino, titolare del centro cinofilo “La Maggiolina“, con sede nella frazione Calò di Besana in Brianza.

La struttura da fine marzo sospenderà ogni attività. Una decisione difficile e comunicata ad inizio anno: “dopo tanti anni di grande impegno dobbiamo chiudere– spiega Silvia Sonino – Non sappiamo ancora se sarà una sospensione definitiva o se, in una nuova sede, riprenderemo”.

La ricerca si sta focalizzando su un piccolo posto dove sia possibile aprire un gattile, più complicato invece trovare un luogo dove poter continuare anche l’attività di accoglienza dei cani.

Di recente la struttura è stata venduta e vi è stato un cambio di proprietà. L’immobile ha bisogno di grossi interventi strutturali non più procrastinabili e che l’associazione non può sostenere: si parla di una struttura con 900 metri quadrati di capannone e circa 700, tra gattile e uffici.

Molto dispendiosa anche la stessa gestione: il centro infatti si è sempre sostenuto con le pensioni estive e con le donazioni fatte al momento delle adozioni. Non poche le spese sostenute, dal momento che sono presenti anche diversi animali disabili che necessitano di un costante intervento. Per questo motivo all’interno del centro lavoravano anche tre dipendenti part time, affiancati ogni giorno dai numerosi volontari, circa 25, che coccolavano, incarrellavano e portavano a passeggio gli animali nei prati circostanti.

LA STORIA

Attivo sul territorio del 2007 il Centro cinofilo in questi anni è diventato un punto di riferimento per il territorio, un luogo in cui sono passati centinaia di animali: “solo lo scorso anno abbiamo allattato, svezzato e pre affidato 150 gattini – spiega Silvia Sonino – altrettanti gatti sono stati accolti in pre e post operatorio, in seguito alle sterilizzazioni effettuate dall’Asl”.

Si tratta di gatti adulti, selvatici che vengono catturati nelle colonie per essere sterilizzati e poi rimessi in libertà. Il centro in questi anni però ha accolto anche numerosi cani: in alcuni casi si tratta di animali disabili, paralizzati, ma in questo centro venivano accolti anche cani provenienti dal Sud Italia o dall’Albania, allontanati da allevamenti lager o luoghi dove venivano maltrattati.

Per tutti ora si cerca una nuova famiglia, anche se non è semplice e serve una particolare attenzione: “i cani normodotati non sono aggressivi, ma sono traumatizzati e necessitano di una maggiore attenzione – spiega la titolare – serve una certa esperienza per trattare con loro.  Ai cani con disabilità invece serve una persona che abbia voglia di imparare a gestire un animale carrellato. Speriamo di trovare loro una casa perchè non vorremmo venissero sballottati in altre strutture, traumatizzandoli ulteriormente”.

Scritto da Silvia Moreschi

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi

Vedano al Lambro è Covid free. L’aggiornamento dei sindaci brianzoli

Finalmente la notizia che in tanti aspettavano: dopo Correzzana, Carnate e  Renate, ora Vedano al Lambro vede il dato dei positivi azzerato.

Monza, abbandonano in piena notte 300 kg di rifiuti per strada: 2 denunce

Sono 2 cittadini di origine egiziana, residenti a Monza e Muggiò, i responsabili dell'abbandono dei rifiuti per strada. Entrambi sono stati denunciati e obbligati e ripulire l'area.

Monza, imbarazzante distrazione in diretta: durante il fuori onda scappa l’insulto…

La tecnologia in questa situazione non è stata amica dell'assise cittadina. A smorzare il clima generato dalla imbarazzante distrazione è stato presidente del Consiglio, Filippo Caratti.

Icmesa, diossina, 10 luglio: gli eventi per ricordare il disastro di Seveso

Sono passati 44 anni dal disastro di Seveso: il territorio sembra essere tornato nuovamente sano, anche in superficie. Sarà davvero così? Nel frattempo incombe la minaccia di Pedemontana...

Ospedale San Gerardo chiude la terapia intensiva del 4° piano: “Ritorno alla normalità”

“Oggi è un momento importante che segna il ritorno ad una dimensione di normalità – sottolinea il Direttore Generale della ASST Monza Mario Alparone.