26 Luglio 2021 Segnala una notizia
Aggressione a Monza: 15enne rapinato e preso a calci e pugni in pieno centro

Aggressione a Monza: 15enne rapinato e preso a calci e pugni in pieno centro

7 Gennaio 2020

Baby gang in azione in pieno centro storico a Monza, nella serata di ieri lunedì 6 gennaio: un ragazzino di 15 anni di origine egiziana, mentre stava passeggiando con un amico, è stato accerchiato all’altezza di via San Martino angolo via Teodolinda, da tre giovanissimi, presumibilmente connazionali, che lo hanno rapinato e malmenato.

Secondo le prime ricostruzioni della vicenda, la baby gang ha spintonato il 15enne e poi per intimorirlo gli ha mostrato dei piccoli coltelli. I tre lo hanno quindi intimato di consegnare loro tutto quello che aveva: il telefono, una cassa acustica portatile per la musica e 20 euro.

A un certo punto hanno invitato l’amico della vittima ad andarsene, subito dopo la banda ha aggredito il malcapitato, prendendolo a calci e pugni su tutto il corpo, uno di loro si è accanito contro la testa.

Immediato l’intervento sul posto dei soccorritori del 118 con un’ambulanza. Il 15enne dopo i primi soccorsi, è stato trasferito per accertamenti in codice verde all’ospedale San Gerardo di Monza.

In corso le indagini per rintracciare gli autori della rapina che – come reso noto da via Montevecchia – potrebbero essere dei giovani già identificati dalla Polizia.

Foto: Wikipedia

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi