02 Agosto 2021 Segnala una notizia
Vimercate, al Banfi torna la notte nazionale del liceo classico

Vimercate, al Banfi torna la notte nazionale del liceo classico

30 Dicembre 2019

Il Liceo scientifico e classico “Antonio Banfi” di Vimercate si sta preparando alla Notte nazionale del Liceo Classico e lo fa con una tavola rotonda aperta anche alla cittadinanza.

La ricorrenza fissata per il 17 gennaio, coinvolgerà almeno altri 400 Licei Classici italiani e ha lo scopo di promuovere la cultura classica e la sua tradizione.

In particolare a Vimercate, presso l’auditorium di via Adda, dalle ore 18 alle ore 21.30, esperti si confronteranno sul tema: “Scienza e archeologia: i risultati di una proficua collaborazione”.

Al tavolo dei relatori ci saranno due studiosi di fama internazionale, Cristina Cattaneo dell’Università degli Studi di Milano e Fabrizio Slavazzi dell’Università degli Studi di Milano, che dialogheranno con Mauro Reali professore del Liceo Banfi.

I due studiosi presenteranno alcuni esempi della collaborazione tra scienza e archeologia, alla luce di recenti esperienze che li hanno visti lavorare insieme. Ad esempio, lo studio del sarcofago e dei resti di Santi Ambrogio, Gervaso e Protaso, conservati nella basilica di Sant’Ambrogio a Milano; oppure le indagini relative agli abitanti della Milano romana (Mediolanum) e al sepolcreto della Ca’ Granda (oggi Policlinico di Milano) sotto la cripta della Chiesa della Beata Vergine Annunciata.

Il tutto in un contesto che prevederà musica, recitazione, danza e… buffet! L’iniziativa, oltre che ai docenti, agli studenti e alle loro famiglie, è aperta alla cittadinanza.

GLI ESPERTI

Cristina Cattaneo è medico e antropologo, professore ordinario di Medicina Legale all’Università degli Studi di Milano e direttore del Labanof, il Laboratorio di antropologia e odontologia forense, presso la stessa Università. La professoressa è forse l’anatomopatologa più famosa d’Italia, perché coinvolta in casi di cronaca che hanno emozionato la pubblica opinione, e per il suo instancabile impegno nel dare un nome ai “migranti senza nome” morti nel Mediterraneo in questi ultimi anni. Da sempre, però, ha manifestato anche interesse per l’archeologia perché, come lei stessa ha scritto, l’umanità si manifesta “con la sua storia e la sua dignità” parimenti “dalle ossa di una matrona romana rinvenuto in un sarcofago, di un bambino morto di tubercolosi nel Medioevo, oppure dai resti di un senzatetto accoltellato dieci anni fa, di una prostituta fatta a pezzi e gettata in un lago, dallo scheletro di un anziano malato di Alzheimer allontanatosi da casa o, infine, dai resti di un migrante morto in mare nel tentativo di raggiungere l’Italia (C. Cattaneo, Naufraghi senza volto. Dare un nome alle vittime del Mediterraneo, Raffello Cortina Editore, Milano 2018, pp. 10-11).

Fabrizio Slavazzi è archeologo, professore ordinario di Archeologia romana presso l’Università degli Studi di Milano. Grande esperto di statuaria, pavimenti e mosaici, nonché raffinato conoscitore della storia della tradizione classica, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Ha condotto scavi in varie località del Mediterraneo (tra gli altri, quelli nell’area della Villa di Tiberio a Sperlonga, e nella città greco-romana di Gortina sull’isola di Creta) e studia da anni il materiale archeologico reperito nella Villa Adriana di Tivoli. Ha già partecipato ad altre edizioni della “Notte nazionale del Liceo Classico” presso il “Banfi” di Vimercate.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Simona Sala
Simona Sala tra i fondatori nel 2008 di MB News, responsabile marketing e social manager. La mia passione sono i viaggi e la fotografia, passioni che vanno a braccetto. Ma quando per questioni di tempo non posso andare dove vorrei leggo, leggo, leggo meglio se diari di viaggio o storie di Paesi lontani. Mi piacciono la chiarezza, le persone genuine e la buona cucina.


Articoli più letti di oggi