19 Gennaio 2020 Segnala una notizia
Muggiò subaffitti "a catena" in un appartamento: denunciate 5 persone

Muggiò subaffitti “a catena” in un appartamento: denunciate 5 persone

2 Dicembre 2019

A Muggiò, scoperto un appartamento teatro di subaffitti irregolari “a catena”. E’ quanto emerso da un controllo effettuato dai Carabinieri di Muggiò, in un’immobile di via San Rocco. Denunciati 5 cittadini marocchini, 2 donne e 3 uomini per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato.

La catena dei subaffitti irregolari

La vicenda trova origine in un altro fatto di cronaca: una donna marocchina di 26 anni aveva denunciato di recente il suo ex fidanzato, uno spacciatore, per violenze e maltrattamenti. Grazie alla nuova procedura “codice rosso”, l’uomo è stato arrestato dai Carabinieri, mentre stava tentando di fuggire lanciandosi dalla finestra.

Nel corso dell’indagine i militari hanno effettuato un’ispezione nell’appartamento della vittima ed è qui che hanno scoperto i subaffitti irregolari.

L’appartamento era formalmente in mano alla 26enne marocchina, ma la giovane aveva subaffittato l’immobile, senza alcun contratto di locazione e senza provvedere ad alcuna formalità di legge, a una sua connazionale 19enne, residente in provincia di Verona, attualmente lì domiciliata.

La vicenda non si esaurisce però, con un solo subaffitto.

Con grande sorpresa, all’interno dell’appartamento, posto al terzo piano, i militari hanno trovato altri tre cittadini marocchini, di 19, 24 e 25 anni, tutti irregolari sul territorio e privi di documenti di identità. Alla domanda dei Carabinieri hanno replicato di trovarsi in quell’appartamento in qualità di ospiti a pagamento della 19enne.

Subaffitti a catena dunque, senza alcuna regolarità, per questo gli uomini dell’Arma hanno proceduto denunciando i 5 protagonisti dell’illecito per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. I tre irregolari sono stati accompagnati presso la Questura di Monza per le previste operazioni di allontanamento del territorio nazionale.

Foto di repertorio MBNews

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

Brianza, tasso PM10 alle stelle: ecco la classifica dei peggiori comuni

Polveri sottili alle stelle in Brianza, grazie a dati Arpa, ecco la classifica di dove si respira peggio e "meglio"

Briosco, nei boschi la macabra scoperta: una volpe legata ad un albero

Si riapre un vecchio dibattito: caccia sì, caccia no? Fanno preoccupare le foto di una brioschese.

Le travagliate vicende di Marianna De Leyva, la Monaca di Monza

La vera storia di uno tra i personaggi riusciti ad entrare maggiormente nell'immaginario collettivo monzese, grazie soprattutto alla letteratura postuma.

I gatti più belli del mondo in mostra ad Agrate Brianza

Collateralmente all'Expo Felina vi sarà la mostra "Reptilia Expo: l'affascinante mondo dei rettili"

Seregno. Abbandona i rifiuti davanti ad un’abitazione. Il proprietario vede… e li getta più in là

Beccati sul fatto grazie alle telecamere, i due hanno dovuto pagare una multa di 400 euro