15 Luglio 2020 Segnala una notizia
Monza, Natale non è per tutti: la ricerca Auser sulla solitudine degli anziani

Monza, Natale non è per tutti: la ricerca Auser sulla solitudine degli anziani

24 Dicembre 2019

In fondo ci sono anche degli elementi che potrebbero essere considerati positivi. Ma, in questi giorni di festa, in cui il Natale regala gioia e compagnia, colpisce, come un pugno nello stomaco, sapere che c’è chi soffre di solitudine. Come, d’altro canto, tutto il resto dell’anno.

Almeno a giudicare dall’indagine dell’Auser (AUtogestione SERvizi) Monza e Brianza. Che, concentrandosi su alcuni quartieri della città di Teodolinda, ha condotto 638 interviste telefoniche conoscitive per capire i bisogni di chi ha più di 75 anni (qui la news).

Per il momento la ricerca condotta dall’associazione di volontariato e promozione sociale, costituita nel 1989 dalla Cgil e dal Sindacato dei pensionati Spi-Cgil, ha dato i primi risultati definitivi  su Sant’Albino e San Donato. Con l’analisi delle risposte di 150 intervistati (Rilevazione completa).

E, su tutti, spicca un dato: il 36% degli ultra 75enne residenti in queste zone di Monza vive solo. A questo si aggiunge che il 20% esce solo se accompagnato, il 18% lo fa poco e il 6% preferisce restare nelle mura della propria casa. Ma, soprattutto, desta una certa impressione che, per il 39% degli anziani, il problema principale è proprio la solitudine. Che, in questa particolare classifica, è superata solo dalla salute (44%).

“Auser, nella sua attività di accompagnamento/trasporto, rivolto alle persone anziane o con problemi di mobilità, ha rilevato come il problema della solitudine è uno dei più sentiti dalla popolazione anziana – afferma Tosco Giannessi (nella foto in alto), presidente di Auser Monza e Brianza dal 2015 – i dati confermano come il fenomeno sia diffuso e serio perché va tenuto presente che il campione è stato scelto solo con il parametro dell’età, senza conoscere alcun dato sullo stato di salute e sulle condizioni familiari”.

Per fortuna, molti degli anziani monzesi oltre i 75 anni non hanno a che fare solo con l’essere soli. E, almeno, possono contare su un elevato livello di autonomia. Basti pensare che il 70% deambula e il 58% non è assistito da nessuno. Anche perché il 76% è ancora capace di prepararsi i pasti autonomamente. Poi, se proprio c’è bisogno di una mano, il 70% delle persone che è ormai piuttosto in là con l’età si rivolge ai figli.

Sarà anche per questi elementi che il 76% degli intervistati dall’indagine dell’Auser Monza e Brianza, che conta su oltre 500 volontari e 4500 iscritti, dichiara di non volere la chiamata di compagnia. Una possibilità offerta dai volontari dell’associazione, che da 30 anni è impegnata sul fronte dell’invecchiamento attivo e per la valorizzazione del ruolo degli anziani nella società. Il 30% di chi ha risposto al sondaggio, invece, sarebbe interessato al servizio di trasporto.

Se queste sono le premesse, è ancora presto per dare giudizi complessivi e, magari, dal tono definitivo, su come vivono gli ultra 75enni a Monza. La ricerca dell’Auser, infatti, sta ancora analizzando le risposte di 488 intervistati. “E’ il numero degli anziani di Cederna che siamo riusciti a sentire telefonicamente – spiega Giannessi – in questo caso è stato utilizzato anche il canale della biblioteca di quartiere, che è stata valutata come una delle opportunità di promozione sociale per gli anziani”.

I risultati definitivi dell’indagine Auser dovrebbero essere pronti entro fine gennaio 2020. Per allora il Natale sarà già un ricordo lontano. Ma, mai come nel caso degli anziani, sarebbe bello se si riuscisse a rendere una festa tutti gli altri loro giorni. A partire dal prossimo anno.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Rottamazione ed ecobonus, come usare gli incentivi del Decreto rilancio

Esistono portali web che forniscono tutte le informazioni necessarie sui nuovi contributi auto, come Rottamazione 2020.

Lombardia, mascherina all’aperto ma solo se non c’è distanziamento

La decisione giunge dopo che il governatore lombardo ha recepito le indicazioni del comitato tecnico scientifico riunitosi questo pomeriggio.

Meda piange la 18°vittima. Santambrogio: “Notizia terribile, manteniamo alta la guardia”

Il comune brianzolo, sul fronte dell'emergenza sanitaria, da tempo era caratterizzato da buone notizie e sensazioni

Monza, incendio nella notte: fiamme nell’area ex Scotti

Intervento dei Vigili del Fuoco nella notte, a Monza per un incendio divampato a Villa Azzurra, situata nell’area ex Scotti, sul viale Cesare Battisti. Nessun ferito.

Lissone, trancia il lucchetto e si allontana con la bici rubata: 33enne in manette

Grazie a un minorenne che ha assistito in diretta al furto, i Carabinieri sono potuti intervenire in tempo per bloccare l'uomo e impedirgli di fuggire insieme alla bici appena rubata.