12 Agosto 2020 Segnala una notizia
Misinto: scoperto il capannone delle auto rubate e smontate

Misinto: scoperto il capannone delle auto rubate e smontate

11 Dicembre 2019

E’ stato scoperto in Brianza, un capannone in cui finivano decine di auto rubate. Qui venivano smembrate e poi i pezzi più richiesti venivano rivenduti sul mercato nero. L’intero traffico, partito da Milano e terminato a Misinto, è stato portato alla luce da un’articolata operazione condotta dalla Polizia. All’interno del capannone sono state rinvenute 29 auto smontate: fermati tre uomini e arrestati i due autori materiali dei furti.

 

Operazione Dabol-iu

La Polizia di Stato di Milano, nell’ambito dell’operazione denominata “Dabol-iu”, svolta in collaborazione con la Polizia stradale brianzola, è approdata nel capannone abusivo di Misinto seguendo il segnale di un Gps installato su un’auto rubata.

A tradire i malviventi, il ripetersi puntuale del medesimo modus operandi: rompevano il deflettore posteriore, entravano nell’abitacolo, sostituivano la centralina, spaccavano il bloccasterzo, mettevano in moto e andavano.

I furti avvenivano sempre a Milano, nei parcheggi ATM di San Donato e Cascina Gobba. Secondo le ricostruzioni, i malviventi arrivavano su una Fiat Panda Beige nei parcheggi, giravano in ricerca delle Volkswagen, una volta individuate, in un solo minuto le rubavano. Modificavano le targhe usando del nastro adesivo nero e poi fuggivano via.

Durante tutto il tragitto attivavano un Jammer per inibire il gps dell’auto. Subito dopo le abbandonavano nel parcheggio di un condominio in via Abruzzi, in zona Redecesio a Segrate (Mi). Solo dopo alcuni giorni, le portavano via.

I poliziotti hanno quindi piazzato un loro gps su una T-Cross, ritrovata lì con il finestrino spaccato e richiuso con della plastica. Dopo alcuni giorni, come da copione, il gps ha iniziato a dare segnali. Grazie a quell’operazione gli agenti sono stati “accompagnati” dritti all’interno del capannone.

Gli arresti

Gli agenti della Stradale hanno arrestato a Segrate, in flagranza di reato gli autori dei furti, due fratelli italiani, un 51enne di Grezzago e un 56enne di Carvico: sono stati sorpresi mentre stavano modificando la targa a un’auto rubata.

Durante il blitz nel capannone, i poliziotti hanno scoperto un’autentica centrale di smistamento di componenti di auto rubate: hanno rinvenuto 29 motori, alcuni dei quali già imballati su pallet, pronti per essere spediti in Polonia. E’ questa l’ipotesi ricostruita dagli investigatori.

Durante le perquisizioni, gli agenti hanno ritrovato e sequestrato anche un disturbatore di frequenze utile per inibire gli antifurti satellitari, svariate centraline, attrezzi da scasso e 1.500 euro in contanti, frutto dell’attività criminale. Inoltre sono stati sequestrati i capi d’abbigliamento con cui i due fratelli hanno effettuato i furti.

Fermati anche tre cittadini stranieri per riciclaggio e ricettazione: due cittadini marocchini di 41 e 30 anni e un cittadino polacco di 62 anni.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

ATS Brianza: quali regole valgono per il rientro dall’estero?

Per le persone di cui è consentito l’ingresso vi è l’obbligo di comunicare immediatamente al Dipartimento di Prevenzione il proprio ingresso in Italia.

Escort Advisor: nel post lockdown crollano le tariffe. Brianza controtendenza: +6%

Sono le rilevazione di Escort Advisor, il sito di recensioni di escort più visitato in Europa, che vanta oltre 2 milioni e 300 mila utenti mensili solo in Italia.

Monza, 200 mila euro per tre spazi verdi a San Biagio, a Cazzaniga e a Triante

"Prendersi cura della città, di ogni spazio e, soprattutto, ripartire dai più piccoli è fondamentale, perché attraverso loro possiamo raccontare un mondo diverso in cui il gioco e l’aggregazione diventano parte essenziale di un percorso di crescita, spiega il Sindaco Dario Allevi.

Monza, la storia di Francesco Cingi, barista dell’Auchan in cammino sulla via Francigena

Ceetrus, la società che gestisce la galleria commerciale, ha ricomprato gli scarponi rubati al monzese. Il Direttore Corrado Stivanin: "Vogliamo sostenerlo in questo suo percorso diventando una sorta di assicurazione contro eventuali disagi o momenti di difficoltà che potrà trovare lungo il cammino".

Tinder: come cambia l’app di incontri ai tempi del Covid-19

Una delle novità introdotte è la funzione delle videochiamate in-app.