13 Luglio 2020 Segnala una notizia
Cab Polidiagnostico, sovrappeso e obesità: "la prevenzione comincia dai bambini"

Cab Polidiagnostico, sovrappeso e obesità: “la prevenzione comincia dai bambini”

9 Dicembre 2019

Dati alla mani il problema dell’obesità è grave, più di quanto si possa immaginare. Sulla base dei dati statistici dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)*, risulta che la prevalenza dei casi di obesità nel mondo è raddoppiata rispetto al 1980: l’11% degli uomini e il 15% delle donne è obesa; mentre il 38% della popolazione maschile e il 40% della popolazione femminile è in sovrappeso. Sono 42 milioni i bambini sotto i 5 anni in sovrappeso od obesi, pari a circa il 6% della popolazione di riferimento.

E in Italia, dove la dieta mediterranea dovrebbe farla da padrone, la situazione è purtroppo speculare: il 45,8% degli adulti e il 26,5% tra bambini e adolescenti è in sovrappeso od obeso. 

A livello globale sono circa 3,4 milioni gli adulti che ogni anno muoiono per cause correlate all’eccesso ponderale (sovrappeso e obesità). Le principali patologie correlate sono: ictus, cardiopatie, ipertensione, asma, dislipidemia/ipercolesterolemia, malattie del fegato, sindrome metabolica, diabete di tipo 2, osteoartrosi, varici e ulcere venose e alcune forme di cancro (per es. cancro del colon e cancro della prostata).

Da questi pochi dati statistici risulta evidente quanto sia importante tenere sotto controllo il proprio peso e curare o prevenire eccessi ponderali pericolosi. 

La determinazione dell’eccesso ponderale e dei rischi di salute ad esso associati, non può essere accertato solo con il peso corporeo, occorre infatti prendere in considerazione anche l’Indice di Massa Corporea (IMC), che viene calcolato rapportando il peso all’altezza (IMC=kg/m2), unitamente alla misura della circonferenza addominale. Sulla base dell’indice di massa corporea, l’OMS considera in sovrappeso od obesa una persona con valori superiori rispettivamente a 25 e 30. Tuttavia, non ci si può limitare a questa misurazione, può accadere infatti che anche chi è da considerarsi normopeso secondo l’IMC, sia comunque fortemente a rischio di patologie tipicamente associate all’obesità qualora presenti una circonferenza addominale superiore alla misura considerata soglia, cioè 88 cm per le donne e 102 cm per gli uomini. Quindi, anche in presenza di un livello di indice di massa corporea sotto la soglia di 30, occorre prestare attenzione al giro vita perché una misura oltre i livelli indicati è indice di obesità viscerale (grasso localizzato tra gli organi interni e il tronco) che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, diabete e altre patologie.

Affinché la determinazione degli eccessi ponderali rappresenti un valido strumento per risolvere, ma soprattutto prevenire, situazioni critiche, è necessario che coinvolga sia adulti che bambini. Generalmente, un adulto obeso è stato un bambino in sovrappeso: infatti l’obesità da piccoli porta con sé un carico pesante da adulti.

Occorre sottolineare che nonostante l’utilità dei parametri sopracitati, la misurazione dell’eccesso ponderale nei bambini è tanto necessaria quanto complessa e articolata, in quanto deve ovviamente tenere conto dell’evoluzione continua della fisicità dei soggetti coinvolti.

Nei primi 3 anni di vita la convivenza con genitori in eccesso di peso è una delle maggiori cause di obesità infantile, e purtroppo la madre in sovrappeso è solita non percepire il medesimo problema nei propri figli. Successivamente, la persistenza dell’obesità in età infantile, pur tenendo conto dell’aumento fisiologico dell’adiposità e dell’indice di massa corporea, diventa un fattore determinante per lo sviluppo di obesità nell’adolescenza e nell’età adulta. 

Sulla base di quanto appena evidenziato, le condizioni della popolazione italiana in età infantile proiettano una luce ancor più preoccupante sull’evoluzione futura della problematiche determinate dall’eccesso ponderale: il 20,9% dei bambini/ragazzi è in sovrappeso, il 9,8% è obeso (di cui il 2,2% grave).

Il periodo adolescenziale rappresenta un momento ugualmente delicato e critico per l’insorgenza e/o la persistenza di sovrappeso/obesità già sviluppati negli anni precedenti. Infatti, proprio in questa fase della vita le abitudini alimentari variano, i pasti diventano irregolari, l’attività fisica viene ridotta o abbandonata, la dieta predilige alimenti grassi e può includere l’uso e l’abuso di alcolici.

Sempre nel periodo adolescenziale, il ricorso periodico a diete sbilanciate e drastiche produce ripetute oscillazioni di peso, tipiche di questa fascia d’età, che provocano una ridistribuzione del grasso corporeo a favore dell’accumulo di adipe e a scapito della massa magra. In questa fascia d’età diventa quindi più difficile controllare il peso.

Il sovrappeso e l’obesità sono condizioni generalmente prevedibili ed evitabili: infatti, i principali fattori che le determinano (abitudini alimentari scorrette, uno stile di vita sedentario e l’inattività fisica) rappresentano allo stesso tempo le variabili su cui agire per fare prevenzione tra gli adulti, ma soprattutto tra i bambini. 

Se è vero che una cura efficace richiede una diagnosi precoce, allora una diagnosi precoce significa anche fare prevenzione. Ma prevenzione non significa solo scoprire in tempo utile di essere malati, significa soprattutto creare le migliori condizioni per evitare l’insorgere della malattia stessa. La prevenzione richiede quindi informazione e conoscenza. I dati appena esposi parlano da soli, tutte le informazioni sono a nostra disposizione. Ora occorre fare prevenzione, occorre adottare un punto di vista nuovo: se dieta significa scegliere uno stile di vita salutare, basato su un’alimentazione varia, completa, ma senza eccessi, da associare sempre ad una buona dose di attività fisica, allora forse è arrivato il momento di mettere a dieta i nostri figli, per il loro bene. E per farlo consigliamo di rivolgersi a degli esperti, perchè  studiare una dieta non è cosa facile e deve essere fatta ad personam. Nei centri Cab Polidiagnostico è possibile trovare tutte le risposte che servono per ritrovare una qualità della vita che altrimenti metterebbe a rischio la nostra salute.  

 

* dati 2013-2014

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Nubifragio sulla Brianza: piante cadute, grandine e vento fortissimo. Strade e cantine allagate

La coda di un fronte atlantico ha raggiunto la Brianza determinando un peggioramento repentino del tempo a suon di piogge e temporali.

Monza e Brianza 3 contagi nelle ultime 24 ore. L’aggiornamento dei sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza nelle ultime 24 ore sono tre i nuovi pazienti Covid. 

Lombardia, aumentano ancora i guariti. Ecco i dati al 12 luglio

In Lombardia ulteriore importante aumento dei guariti. A Lodi, Pavia, Sondrio e Varese zero contagi. Nella provincia di Monza e Brianza si registrano sette nuovi positivi. 

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia all’11 luglio

I dati di oggi si caratterizzano per un sensibile aumento delle persone guarite (+192 rispetto a ieri) e per il  continuo calo dei ricoveri nei reparti dei nostri ospedali che attualmente ospitano 173 pazienti, 17 in meno di ieri.

Covid, 3 nuovi casi in Brianza. L’aggiornamento dei sindaci

Il Lombardia nella giornata di ieri si sono registrati 135 nuovi casi positivi, 72 sono conseguenti alla positività al test sierologico.