19 Gennaio 2020 Segnala una notizia
I regali aziendali perfetti per Natale: le Borracce termiche personalizzate

I regali aziendali perfetti per Natale: le Borracce termiche personalizzate

26 Novembre 2019

Mai come nel 2019 l’ambiente è stato al centro dell’attualità. Dopo i grandi scioperi globali per il clima, il 15 marzo e il 24 marzo, in settembre si è tenuta la più grande manifestazione per l’ambiente mai organizzata, con circa 2.500 eventi organizzati in 150 nazioni diverse, con ben 160 città italiane attraversate da un’ondata green. Ma non si è trattato solamente di moti popolari. Anche le altre sfere della politica, spinte dal basso, hanno deciso di fare qualche passo in più in direzione della sostenibilità: il Parlamento europeo ha infatti approvato una nuova legge che, a partire dal 2021, vieta l’uso di articoli di plastica usa e getta come piatti, cannucce, posate e bastoncini colorati. Non sarà di certo questo provvedimento a salvare il Pianeta, ma si è fatto senz’altro un passettino in avanti. E se il 2019 è stato un anno all’insegna dell’ambiente, quale gadget scegliere come regalo aziendale per Natale, se non una borraccia personalizzata di qualità? In questo articolo ti spieghiamo perché un regalo di questo tipo può essere estremamente apprezzato dai tuoi clienti e dai tuoi collaboratori.

Perché una borraccia termica personalizzata: perché è sostenibile
Si parte dal motivo più ovvio, ovvero dalla motivazione ambientale. Gli oceani sono pieni di materiali plastici, e quindi di un materiale prodotto dall’uomo non biodegradabile, che negli ultimi decenni ha invaso il nostro pianeta. Ogni singolo grammo di plastica creato dalle nostre industrie è ancora presente sulla Terra, e non stupiscono dunque le stime per le quali, tra pochi decenni, in mare ci saranno più tonnellate di plastica che di pesce. Tonnellate e tonnellate di plastica vengono usate ogni anno per produrre bottigliette di plastica per l’acqua usa e getta, e purtroppo, come è noto, solo una parte di queste vengono riciclate. Ma perché perseverare con questa pratica senza senso, quando distribuendo delle borracce termiche personalizzate è possibile troncare del tutto questo circolo vizioso? Una borraccia può essere usata migliaia di volte, in qualunque situazione, dall’ufficio al camping, passando per il mare e la biblioteca, senza inquinare e senza spendere un solo centesimo per l’acqua. Semplice, no? Vediamo ora perché le borracce personalizzate costituiscono un ottimo regalo aziendale.

L’idea come regalo aziendale: ecco perché
Perché fare un regalo aziendale? E ancora prima, perché donare qualcosa? Un regalo ha motivo d’essere per fare felice il destinatario. È dunque sempre necessario scegliere qualcosa che possa essere apprezzato e utilizzato da chi lo riceverà. In questo senso la borraccia termica è l’ideale, perché si tratta di un oggetto che può essere utilizzato praticamente da tutti: lo studente universitario, l’impiegato, l’operaio, lo sportivo, tutti hanno bisogno di una pratica riserva d’acqua per idratarsi durante la giornata!
Bisogna sottolineare, inoltre, che il regalo aziendale, come del resto tutti i gadget aziendali, riflette l’immagine dell’azienda. Una borraccia è un oggetto che trasmette sensazioni positive, che riflette la sostenibilità dell’azienda, la sua attenzione per il futuro, nonché per la salute dei propri clienti e collaboratori.
Non è tutto qui: pur essendo utile, la borraccia non è banale, e non lo è soprattutto se di qualità. Esistono infatti borracce in acciaio inossidabile e con chiusura antigoccia, borracce con moschettone e borracce in tritan, e borracce con tanti altri optional diversi.
La scelta dell’acciaio come materiale, anche se meno economico dell’alluminio, comporta molti vantaggi: maggiore resistenza e quindi durata, maggiore igiene,  e la possibilità di venire a contatto con sostanze acide come té e succhi di frutta senza rischiare di opacizzarsi o ossidarsi.
L’isolamento termico permette di mantenere la temperatura della bevanda per molte ore, quindi può essere utilizzata sia in estate con bevande fresche, che durante i mesi freddi con un buon té o tisana caldi. Inoltre pensateci, se i destinatari dei regali aziendali riceveranno più borracce, preferiranno poi l’uso della vostra borraccia termica rispetto alle altre, e le altre più economiche verranno messe da parte.
Infine, questo regalo aziendale vanta un’area di stampa generosa, ed è perfetto per una personalizzazione che, pur essendo presente e sempre sotto gli occhi del cliente, non è mai invadente.
Per tutti questi motivi, una borraccia personalizzata può essere decisamente il primo dei regali aziendali da prende in considerazione per il Natale del 2019.

*redazionale 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Brianza, tasso PM10 alle stelle: ecco la classifica dei peggiori comuni

Polveri sottili alle stelle in Brianza, grazie a dati Arpa, ecco la classifica di dove si respira peggio e "meglio"

Briosco, nei boschi la macabra scoperta: una volpe legata ad un albero

Si riapre un vecchio dibattito: caccia sì, caccia no? Fanno preoccupare le foto di una brioschese.

Le travagliate vicende di Marianna De Leyva, la Monaca di Monza

La vera storia di uno tra i personaggi riusciti ad entrare maggiormente nell'immaginario collettivo monzese, grazie soprattutto alla letteratura postuma.

I gatti più belli del mondo in mostra ad Agrate Brianza

Collateralmente all'Expo Felina vi sarà la mostra "Reptilia Expo: l'affascinante mondo dei rettili"

Seregno. Abbandona i rifiuti davanti ad un’abitazione. Il proprietario vede… e li getta più in là

Beccati sul fatto grazie alle telecamere, i due hanno dovuto pagare una multa di 400 euro