19 Giugno 2021 Segnala una notizia
Besana, il book sharing conquista tutte le frazioni grazie all’impegno di cinque donne

Besana, il book sharing conquista tutte le frazioni grazie all’impegno di cinque donne

21 Ottobre 2019

Conoscete il book sharing? Si tratta di un’iniziativa che permette il libero scambio di libri, un’idea molto apprezzata soprattutto dagli amanti della cultura come lo sono le cinque donne besanesi che, spinte proprio da questo amore comune, hanno deciso di avviare un bel progetto: creare sei casette dei libri da donare alle rispettive frazioni di Besana Brianza, cioè Montesiro, Calò, Villa Raverio, Zoccorino, Valle Guidino e Cazzano.

Nuovi luoghi di scambio che andranno ad unirsi ad Ipazia, la casetta che si trova proprio in centro a Besana da alcuni anni e gestita da un intero gruppo di persone, Gli Amici della Casetta, che se ne prende cura.

Queste cinque donne sono Ellen Barlow e Francesca Sironi (Besana4future), Francesca Sanvito (PD) e Susanna Citterio (Besanattiva), con l’aiuto, all’interno del consiglio Comunale, di Giovanna Tettamanzi (PD): diverse per professione ed età che portano avanti l’idea di un’opposizione coesa che intende rendere tangibile il proprio operato, lasciare il segno.

Primo obiettivo? Coinvolgere bambini e ragazzi

Il progetto è nato proprio durante la stesura del programma elettorale alle passate Amministrative e, da lì a poco tempo, si è subito costituito il tavolo di lavoro e oggi il progetto è pronto a realizzarsi: “La scorsa settimana si è fatto avanti Alessandro Fumagalli, cittadino besanese titolare di un’azienda di Sovico che realizza serramenti e infissi (Dueffe) e che ha costruito anche la prima casetta di Besana, Ipazia – spiegano – Grazie al suo intervento potremmo avere la prima casetta entro Natale e le successive entro la fine del 2020.”

Ora Barlow, Sironi, Sanvito, Citterio e Tettamanzi sono pronte per presentare il lavoro svolto confidando nella disponibilità dell’amministrazione a concordare i punti delle frazioni che potrebbero accogliere le casette e a gestire, attraverso il servizio manutenzioni, il posizionamento con mezzi opportuni.

“Ci piacerebbe che la prima casetta fosse posizionata a Montesiro, davanti all’Oratorio San Giovanni Bosco e alla Scuola dell’Infanzia Gianfranco Prinetti. Vorremmo che avesse una vocazione particolare e cioè fosse dedicata ai bambini e ai ragazzi – affermano – Stimolare ed educare alla lettura da piccoli ha un grande valore e noi vorremmo contribuire con questo semplice gesto. Se fosse possibile ci piacerebbe inoltre che i bambini della scuola materna decidessero il nome della casetta, un’amica che speriamo accompagnerà il loro percorso”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi