12 Agosto 2020 Segnala una notizia
39° Master della Brianza: incoronati i campioni. Titoli a Germiniasi, Garghentini e Tagliaferri

39° Master della Brianza: incoronati i campioni. Titoli a Germiniasi, Garghentini e Tagliaferri

30 Settembre 2019

Mauro Aldo Germiniasi, Stefano Garghentini e Ginevra Tagliaferri. Sono i nomi dei tre vincitori del 39° Master della Brianza, che si è concluso sui campi del Tennis Villa Reale di Monza, di nuovo casa di un Circuito (il più longevo d’Italia) che è stato ancora capace di raccogliere numeri importanti e ritagliarsi un ruolo di primo piano nel tennis lombardo. L’ha confermato un sabato di fuoco che in campo maschile ha incoronato due dei giocatori più attesi alla vigilia, in particolare il 17enne Germiniasi, che nel tabellone di Terza categoria si è confermato una spanna sopra a tutti gli avversari. Il giovane del Tc Villasanta, che alterna racchette e studi e sogna un futuro nel tennis che conta, si era messo in evidenza nel corso della stagione vincendo proprio la tappa di Monza, e al ritorno sui campi a due passi dall’Autodromo più famoso d’Italia ha vinto di nuovo, lottando fra quarti e semifinale prima di dominare la finale contro uno sfortunato Alessandro Ceccarelli, condizionato da una nottata difficile a causa di una colica renale. Ha voluto esserci comunque e ci ha provato fino in fondo, ma non è riuscito ad andare oltre il 6-2 6-3 finale, che ha consegnato il titolo a Germiniasi. “È stata comunque una finale complicata – ha detto il vincitore –, contro un avversario che sbaglia poco. Sono felice del successo: ultimamente sto giocando molto bene e speravo di andare in fondo per raccogliere altre vittorie in vista dell’obiettivo stagionale di passare in seconda categoria. Il tennis per me è vita: da piccolo dormivo con racchette e palline. Spero di continuare di questo passo”.

Insieme a Germiniasi, ha fatto festa nel maschile anche Stefano Garghentini, uno che la soddisfazione di trionfare al Master della Brianza la conosce bene. Il 48enne agente di commercio monzese, tesserato proprio per il Tennis Villa Reale, aveva vinto fra i Quarta categoria anche nel 2018, e dodici mesi più tardi ha fatto il bis in casa, spuntandola in finale per 6-3 6-4 su Francesco Scotti. “Vincere un Circuito frequentato da così tanti ottimi giocatori – ha detto – è un grande motivo d’orgoglio. Partecipo sempre molto volentieri, mi diverto e sono felice di aver vinto di nuovo. È stata una finale combattuta, decisa da pochissimi punti”. Quella del tabellone femminile, di finale, è stata invece decisa in partenza a causa dell’assenza di Daniela Chavarria, obbligata a dare forfait per impegni personali. Così, la corona è andata automaticamente a Ginevra Tagliaferri, 31enne comasca del Tennis Grillo di Capiago Intimiano, comunque protagonista di un’ottima stagione. E pensare che la comasca, nella vita dipendente Mediaset, qualche anno fa aveva abbandonato il tennis, poi nel 2016 ha ripreso a giocare e da allora è andata sempre più su. “Questo titolo – ha detto – è la ciliegina sulla torta alla mia stagione. Quest’anno puntavo a mantenere la classifica di 3.5, invece mi trovo a pochi punti dal passaggio a 3.3. Non pensavo di riuscire a entrare al Master finale, invece ce l’ho fatta e sono soddisfatta dei due incontri disputati. Mi spiace per la finale, ma il mio resta un buonissimo torneo”. Come buonissimo, ancora una volta, è il bilancio del Master della Brianza. Con la mente già proiettata al traguardo delle 40 edizioni.

TUTTI I RISULTATI
Master Finale – Tennis Villa Reale Monza (MB)
Terza categoria maschile – Quarti di finale: Ceccarelli b. Ferrario 6-4 6-3, Mottadelli b. Liotta 6-1 6-0, Germiniasi b. Notarianni 6-0 1-4 ritiro, Mazzola b. Bianchi 6-3 6-3. Semifinali: Ceccarelli b. Mottadelli 6-1 6-2, Germiniasi b. Mazzola 7-6 0-6 6-2. Finale: Germiniasi b. Ceccarelli 6-2 6-3.

Terza categoria femminile – Quarti di finale:
Andreoli b. Martucci 6-4 6-2, Chavarria b. Sormani 6-2 6-1, Marcarini b.
Curioni 7-5 6-3, Tagliaferri b. Quaroni 6-2 6-2. Semifinali: Chavarria
b. Andreoli 3-6 6-0 6-3, Tagliaferri b. Marcarini 6-2 6-2. Finale:
Tagliaferri b. Chavarria ritiro.

Quarta categoria maschile – Quarti di finale:
Garghentini b. Ferrari 6-4 7-5, Balconi b. Fumagalli 6-1 6-2, Sebben b. Mesi
7-5 4-6 6-1, Scotti b. Perego 6-3 6-0. Semifinali: Scotti b. Sebben 6-3
3-6 6-0, Garghentini b. Balconi ritiro. Finale: Garghentini b. Scotti
6-3 6-4.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Carate, il Covid miete la 29° vittima. Veggian: “L’emergenza non è terminata”

L’emergenza ad oggi non è terminata. Usa pochi giri di parole il sindaco di Carate Brianza, Luca Veggian, per comunicare ai suoi concittadini la morte per Covid del 29° caratese. 

Gare Master a Cividale del Friuli: 8 tiratori per Brianzascherma

Nella spada femminile Adriana Albini e Sabrina Antonietti hanno ottenuto, nelle rispettive categorie, un eccellente terzo posto, confermando così l’ottima forma già dimostrata nella precedente prova nazionale

Covid-19, perché ogni giorno i nuovi positivi sono così “alti”? La risposta di Fontana

L'andamento del contagio è fortunatamente da parecchie settimane in calo, nella giornata di ieri nella regione si contavano 15.976 (-13) attualmente positivi.

Coronavirus, dall’Avis l’appello: “Non smettete di donare il sangue”

Nelle ultime settimane sono diminuite sensibilmente le donazioni per il timore del virus.

Covid-19, truffa dei buoni spesa Esselunga: 500 euro tramite Whatsapp

Dopo la truffa dei buoni spesa "generici" dei supermercati, ecco spuntare un nuovo messaggio Whatsapp che promette buoni spesa in regalo firmati Esselunga. Purtroppo, anche in questo caso non c'è nulla di vero.