24 Settembre 2020 Segnala una notizia
Monza, stop ai monopattini. Assessore Arena: 'Via dalle strade in 24 ore'

Monza, stop ai monopattini. Assessore Arena: ‘Via dalle strade in 24 ore’

4 Settembre 2019

Dopo il recente stop di Milano, anche Monza dice no ai monopattini. L’amministrazione comunale fa partire una diffida nei confronti della società ‘GoVolt’: sarà costretta a rimuovere i mezzi elettrici dalle strade della città. Secondo l’assessore alla mobilità, Federico Arena, ‘la micromobilità deve essere sicura, ordinata e utile’. I monopattini dovranno quindi sparire dalle strade della città entro 24 ore. Intanto l’opinione pubblica, sui social, si divide.

La diffida

La diffida che il Comune invierà tra oggi e domani alla ‘GoVolt’, l’azienda che offre monopattini elettrici in condivisione, vieta alla società di continuare l’attività di noleggio dei mezzi finché non sarà pronto il necessario bando e saranno posizionati i cartelli previsti dalla legge. La medesima linea è stata già adottata da altri Comuni capoluogo.

Sì alla Sharing mobility ma in sicurezza

Sulla questione l’assessore Federico Arena ha chiarito: ‘Siamo convinti che la sharing mobility debba diffondersi in città, ma lo debba fare in modo sicuro, ordinato e utile. La micromobilità elettrica è un’opportunità importante, complementare e sinergica al trasporto pubblico locale e alle altre forme di mobilità sostenibile. Ma non dobbiamo dimenticarci che questi mezzi non sono un giocattolo e l’utilizzo deve essere subordinato a regole chiare e precise, nel rispetto del codice della strada’.

A Monza una fase di sperimentazione

Secondo il decreto sulla micro-mobilità elettrica firmato lo scorso giugno dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, i monopattini potranno circolare in ambito urbano su aree e percorsi pedonali, piste ciclabili, zone ZTL e aree con limite a 30 chilometri l’ora.

Ciò può avvenire solo in aree individuate dai Comuni. Pertanto in assenza di uno specifico atto comunale che avvii la fase di sperimentazione restano in vigore le regole del codice della strada e chi utilizza i monopattini va incontro a sanzioni amministrative. Per questo il Comune di Monza ha intenzione di promuovere una fase di sperimentazione in un’area di test che potrebbe coinvolgere la stazione ferroviaria, il centro storico, il parco e l’autodromo.

A tal proposito Arena ha aggiunto: ‘L’obiettivo è quello di giungere quanto prima alla fase di sperimentazione in vista di un possibile inserimento dei mezzi di micromobilità elettrica nella legislazione nazionale e nel codice della Strada. Nelle prossime settimane metteremo nero su bianco con un atto le regole per Monza’.

Intanto i social fanno rumore

Intanto su Facebook c’è chi ha lanciato il sasso per vedere cosa pensano i cittadini monzesi, della possibile introduzione dei monopattini per le vie della città. In molti affermano di averli già trovati in uso in diverse città europee: ‘ Visti a Parigi… A me piacciono! Certo le strade parigine sono molto larghe… Comunque approvo innovazione e modernità‘; c’è chi incalza sottolineando proprio il fatto che le strade di Monza non sono certo come quelle della metropoli francese: ‘… Ben venga pensare all’innovazione e alla mobilità sostenibile ma servono adeguamenti di legge e di strutture‘.

C’è poi chi teme di essere investito per le vie del centro e chi, rassegnato, sostiene che alla fine andranno a invadere le carreggiate per evitare i tombini e le buche. Non manca infine chi ironizza: ‘Basta che non finiscano nel Lambro…’, facendo riferimento alle bici ritrovate nel letto del fiume.

Insomma, il dibattito è certamente acceso. Ora non resta che vedere come si evolveranno i fatti e se la sperimentazione a Monza avrà un esito positivo.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

Dramma a Lazzate: 47enne muore per strada per un malore improvviso

I soccorritori, intervenuti tempestivamente sul posto, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo.

Commercio: bando di 100 mila euro per negozi e PMI di Villasanta, Arcore, Macherio, Biassono e Vedano

La domanda può essere presentata entro e non oltre le ore 17.00 del 10 novembre 2020. I fondi sono stati stanziati da Regione Lombardia.

Tumore al pancreas: intervento chirurgico unico nel suo genere a Vimercate

Attualmente la paziente, residente in un comune del vimercatese, è in buone condizioni generali di salute; ha ripreso una discreta capacità di movimento e si alimenta senza particolari criticità.

Covid, test rapidi per studenti e insegnanti: ecco come fare

A Monza, da ieri, il tampone si fa al Drive trough presso ospedale vecchio San Gerardo, con ingresso da Via Magenta.  

Besana in Brianza, straordinaria raccolta delle nocciole. La Regione punta ad una filiera

L’azienda agricola di Giacomo Citterio ha fatto il suo primo raccolto dopo 5 anni di attesa. Un vero successo l'iniziativa.