Quantcast
L’hamburger perfetto: i consigli per il panino definitivo e gli errori da evitare - MBNews

L’hamburger perfetto: i consigli per il panino definitivo e gli errori da evitare

Ecco i consigli principali per la scelta carne per crearne uno perfetto a casa.

hamburger-perfetto-carne-italiana

Chissà quante volte ci sarà capitato di sognare ad occhi aperti (e con l’acquolina in bocca) i giganteschi hamburger americani: una vera e propria leggenda che, spesso, cerchiamo di replicare qui da noi. Le soluzioni sono sostanzialmente due: o ci si accontenta dei micro-hamburger delle note catene di fast food, oppure possiamo cercare di crearne uno davvero perfetto in casa.

Preparare un hamburger con i fiocchi non è poi così difficile, in questo modo potremo creare una ricetta 100% made in Italy che valorizza le eccellenze nostrane. Basta seguire qualche suggerimento, scegliere le materie prime giuste, ed evitare qualche errore purtroppo comune.

Dai consigli principali alla scelta della carne

Si deve obbligatoriamente iniziare proprio dalla selezione delle materie prime, e nel nostro caso della carne, ovviamente. Sì, perché un hamburger degno di questo nome non potrebbe mai fare a meno della presenza di un trito di assoluta qualità. Per prima cosa, si consiglia di optare per la migliore carne italiana presente in alcune catene di supermercati, come Aldi ad esempio, che offrono prodotti di qualità e dalla filiera controllata.

Un’altra regola è che per un ottimo hamburger non va mai scelta della carne magra, perché bisogna creare un trito con una percentuale di grasso compresa fra il 20% e il 30%. Inoltre, è sempre opportuno chiedere al macellaio di macinare la carne in quel momento: è un’opzione migliore rispetto all’acquisto delle carni già macinate. Altro consiglio utile: mai rinunciare alla freschezza, perché in caso contrario l’hamburger non saprebbe di nulla, dando un tono molto anonimo al panino.

Poi è il caso di spostarci su qualche suggerimento importante per la preparazione. Intanto è utile permettere all’interno dell’hamburger di riscaldarsi, lasciandolo a temperatura ambiente almeno per 10 minuti prima della cottura. In secondo luogo, è il caso di cuocere la carne in padella senza utilizzare l’olio, perché basta il grasso della carne. La cottura a fuoco medio o lento è da preferire, perché in caso contrario la cottura della parte esterna sarebbe troppo veloce, e dentro rimarrebbe crudo. Infine, si chiude con la scelta del pane: meglio che sia morbido, sì, ma molto compatto, per evitare fastidiosi sbriciolamenti.

Gli errori più comuni da evitare

Per prima cosa, mai salare la carne prima degli impasti, perché il sale andrebbe a danneggiare le proteine del trito rendendo l’hamburger sfatto e appiccicoso. Inoltre, si consiglia di evitare i condimenti eccessivi, e – come detto – di non comprare carne magra. E se avete deciso di preparare gli hamburger alla griglia, è bene che questa sia pulita alla perfezione, perché in caso contrario l’hamburger potrebbe attaccarsi. Per la griglia, invece, non vale la regola della cottura a fuoco lento (anzi, è un errore). Infine, mai schiacciarli, perché così si disperdono i succhi della carne.