19 Giugno 2021 Segnala una notizia
Cgil Monza e Brianza lancia l’allarme: “Carenza di personale, servizi a rischio”

Cgil Monza e Brianza lancia l’allarme: “Carenza di personale, servizi a rischio”

19 Settembre 2019

“Se i tempi di attesa di una prestazione si allungano quando si arriva in un Pronto Soccorso, se si è in fila per l’accettazione o una prenotazione e gli sportelli attivi del Cup sono solo la metà di quelli predisposti, non è opera del destino e neanche il risultato della poca voglia di lavorare: gli operatori in turno sono in un altro luogo a dare assistenza o a trasportare un altro paziente e i numeri non sono sufficienti”.

Le parole di Tania Goldonetto (nella foto in basso), Segretaria generale della Funzione Pubblica della Cgil di Monza e Brianza, scendono nel quotidiano per raccontare una situazione che sta diventando sempre più critica nella Asst (Azienda socio sanitaria territoriale) della città capoluogo.

E il problema numero uno si chiama carenza di personale. Una vera e propria emergenza ormai, secondo il sindacato di via Premuda. Tanto che allo stato di agitazione del personale sanitario, iniziata a giugno di quest’anno (leggi l’articolo), continuano ad aggiungersi appuntamenti.

Il 28 settembre ci sarà una manifestazione cittadina con ritrovo alle 14 davanti all’Ospedale San Gerardo di Monza e corteo fino all’Arengario – annuncia Goldonetto – il 4 ottobre è previsto lo sciopero dei lavoratori della Asst Monza con due presidi dalle 9 alle 13 al San Gerardo e a Desio (clicca qui)”.

“Siamo preoccupati dalla proiezione di uscite causate dalla quota 100, che non è possibile programmare per il 2020, ma anche dalla fuga all’estero dei nostri neo-laureati che non hanno spazio nella nostra sanità pubblica – spiega la Segretaria generale della Funzione Pubblica della Cgil di Monza e Brianza – per questo chiediamo un piano triennale di assunzioni che, oltre alla sostituzione del personale in uscita, preveda l’ingresso di almeno 80 infermieri, 100 operatori sociosanitari e almeno 50 tra tecnici, assistenti sociali, educatori e amministrativi”.

Altre richieste, alla base dell’annunciata mobilitazione sindacale,  sono l’avvio di un confronto su un progetto complessivo di gestione organizzativa del personale, la stabilizzazione dei contratti a termine e di buona parte di quelli “flessibili”. Le conseguenze della carenza di personale alla Asst di Monza non si manifestano soltanto nelle lunghe attese agli sportelli o per una visita specialistiche. L’allarme si estende alla qualità delle prestazioni erogate.

“Aumentano i rischi per la sicurezza degli operatori e dei pazienti e la probabilità di errori a causa dei carichi di lavoro, delle ore di straordinario richieste, della difficoltà a rispettare orari e turnistica, della necessità di saltare riposi, dell’impossibilità di recuperare i giorni di ferie accumulati – afferma Goldonetto – in alcuni casi viene segnalato lo stato inadeguato o vetusto degli strumenti di lavoro e il disagio degli operatori per le crescenti difficoltà nel rapporto con l’utenza”.

A rendere più complicata la situazione è la mancanza di dialogo tra i sindacati e il Direttore generale dell’Asst Monza. “Mario Alparone afferma che il personale attuale è sufficiente – continua –  intanto è notizia di questi giorni l’accorpamento al San Gerardo di tre reparti, Nefrologia, Oncologia e Gastroenterologia, ma non si comprende che spalmare le difficoltà non aiuta a risolverle”.

Di fronte ad una situazione allarmante nella sanità del nostro territorio, la Cgil Monza e Brianza cerca di essere al fianco dei lavoratori del comparto anche in un altro aspetto, quello della tutela delle responsabilità per colpa grave sanitaria.

“Per alcune figure professionali, dall’infermiere all’odontotecnico, dall’ottico alla puericultrice e all’educatore socio sanitario, la legge Gelli ha reso obbligatoria questa forma di tutela” spiega la Segretaria generale della Funzione Pubblica della Cgil di Monza e Brianza.

“Noi abbiamo deciso di includere questo tipo di assicurazione nella tessera di iscrizione – continua – ma le estendiamo anche alle figure sanitarie che non sono obbligate a farla dalla legge Gelli e, sul versante del danno erariale, al comparto pubblico più in generale”.

La Fp Cgil Monza e Brianza ([email protected]) non è impegnata solo sulla sanità, ma su tante altre materie. In questo periodo, in particolare, è attivo lo Sportello previdenza, in collaborazione con Patronato Inca Cgil e Spi Cgil, riservato ai lavoratori pubblici iscritti (per prenotare il servizio, [email protected]).

La categoria della Funzione pubblica sta dedicando molto impegno anche all’Assegno per il nucleo familiare. Che è balzato agli onori della cronaca dopo la decisione dell’Inps di renderlo solo telematico a partire dall’1 aprile del 2019 (leggi l’articolo). “Previo appuntamento (l’indirizzo mail è [email protected]) – afferma Goldonetto – per i nostri iscritti, due volte a settimana, una nostra collega assisterà chi ha bisogno di informazioni per compilare la domanda per l’Assegno per il nucleo familiare”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi