24 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Arcore, rotta la carrozzina dell'azzurro Mattia Muratore. Lo sfogo

Arcore, rotta la carrozzina dell’azzurro Mattia Muratore. Lo sfogo

19 Agosto 2019

Brutta disavventura per Mattia Muratore, ex capitano della Nazionale di hockey in carrozzina, al termine delle sue vacanze in Norvegia. Il campione di Arcore si è imbattuto nell’amara scoperta di ritrovare la sua preziosa carrozzina rotta. 

La vedete quella nella foto? È la mia carrozzina all’aeroporto di Amsterdam (scalo per Malpensa).  E lo vedete quel tubo di acciaio all’interno del cerchio rosso? È storto.  A Bergen (aereoporto di partenza) era dritto. Cosa diavolo sia successo nel mentre non si sa. Di certo c’è che, per riuscire a stortarlo così, ci vuole proprio un bell’impegno. Forse durante il volo l’aereo ha preso un tombino tra le nuvole.  O forse, chissà, qualche idolo assoluto l’ha lanciata nella stiva come fosse un quarterback dell’NFL. O magari, ancora, per farcela stare meglio, più comoda, l’hanno presa un po’ a calci. Sta di fatto che ora non si apre più.  È rotta, inutilizzabile” queste le parole di sfogo del campione azzurro di Arcore.

Cosa sia accaduto non è chiaro, fatto sta che, come testimoniato dalla foto scattata dallo stesso Muratore, il danno causato è ingente. 

“Ma ci vuol tanto a capire che una carrozzina non può essere trattata alla stregua di un qualsiasi bagaglio?
Ci vuol tanto a capire che finché ti si rompe un trolley con dentro due giacche e tre maglioni sì, ti girano un po’ le palle, ma la tua vita bene o male continua…e se invece a rompersi è la tua carrozzina, sei ben più nella merda? Ci vuol tanto a capire che non puoi usarne un’altra a caso? Che hai bisogno della tua, della tua misura, con la tua postura, con tutti gli accorgimenti necessari di cui hai bisogno. Ci vuol tanto a capire che non è come cambiare un paio di scarpe? Adesso sono qui, seduto male sulla mia vecchia carrozzina, scomoda, piccola, mezza sfasciata”.

Mattia Muratore è indignato e affida alle pagine di Facebook il suo sdegno per il mancato riconoscimento della sua dignità: “Sono a chiedermi quanto tempo ancora bisognerà aspettare affinché i disabili non vengano trattati come sacchi di patate da spostare qua e là. A chiedermi cosa ancora si dovrà fare per vedersi riconosciuta un po’ di quella dignità che sembra ancora troppo, troppo poca. A chiedermi come si possa, ancora oggi, permettere una roba simile. Amici Avvocati, tenetevi pronti perché ci sarà da divertirsi”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Coronavirus: ecco tutte le misure attivate a Monza

Allevi:“Niente panico ma attenzione massima”. Chiusi al pubblico anche i musei, gli spazi espositivi, la Villa Reale, le biblioteche cittadine, cinema, teatri e gli altri luoghi della cultura.

Monza, ospedale San Gerardo: ecco le disposizioni per l’emergenza Coronavirus

Il San Gerardo di Monza fa fronte all'emergenza Coronavirus. Data l'evoluzione di queste ore il nosocomio cittadino ha disposto con decorrenza immediata alcuni importanti provvedimenti. 

Coronavirus, controlli nella famiglia del 78enne di Sesto. I nipoti vivono a Lissone

Tutti i familiari del paziente sono dunque sottoposti alla procedure per verificare la loro condizioni di salute.

Coronavirus. Regione Lombardia: “112 casi, 2 morti. Scuole, cinema e pub chiusi”

Nei prossimi 7-15 giorni limitare la socialità. Gallera: "Abbiamo disposto la chiusura dalle ore 18 dei luoghi commerciali di intrattenimento o svago, non i ristoranti, quindi pub e discoteche".

Coronavirus: positivo un paziente di Crema, ricoverato al San Gerardo

L'uomo giunge da Crema dove era stato ricoverato per crisi respiratoria e dove test era negativo.