Quantcast
Provincia di Monza, presentate ai sindaci le linee del Piano mobilità sostenibile - MBNews
Politica

Provincia di Monza, presentate ai sindaci le linee del Piano mobilità sostenibile

Gli obiettivi sono migliorare la qualità della vita e contenere l'inquinamento.

provincia-monza-brianza-sede-viagrigna-mb

La Provincia presenta all’assemblea dei sindaci le linee guida del Pums, il Piano urbano della mobilità sostenibile. Nel quadro generale dei progetti di prolungamento della metropolitana da Milano a Monza e di introduzione del biglietto unico gli uffici di via Grigna hanno messo sul tavolo la necessità di dotare l’area di un sistema viabilistico ecologico, ovvero votato a contenere inquinamento e consumo di suolo: la Brianza con 870 mila abitanti e una densità di 2150 abitanti/Kmq è un territorio con un consumo di suolo tra più alti tra tutte le Province italiane, con una densità di oltre 2.150 abitanti per chilometro quadrato.

“La nostra Brianza ha bisogno di fare un salto di qualità per mantenere la competitività di tutto il sistema  ha spiegato la vice presidente, Concettina Monguzzi -. Noi vogliamo che la redazione del Pums non sia un mero atto formale in risposta alle normative ma una vera occasione di ripensare il territorio anche in vista dei grandi cambiamenti infrastrutturali su cui si sta discutendo da anni. Il tema della mobilità riguarda la quotidianità di ogni cittadino ed è sempre più legato al tema della qualità della vita”.

L’obiettivo è di allestire nuove forme di mobilità, fra le quali compaiono la sharing mobility, la mobilità elettrica, la mobilità dolce e, non ultime, quelle legate alla guida autonoma, sia per il trasporto privato che collettivo. Le aree di interesse dove intervenire sono quattro: efficacia ed efficienza del sistema di mobilità, sostenibilità energetica ed ambientale, sicurezza della mobilità stradale e sostenibilità socio-economica.

“La Provincia – ha aggiunto il vice presidente – ha le caratteristiche per candidarsi a livello regionale quale laboratorio per progetti innovativi. L’ambizione è di creare sinergie tra il Pums e il Ptcp per cui è stata avviata la fase di consultazione preventiva di adeguamento del Ptcp alla soglia regionale di consumo di suolo al 25%”.