19 Agosto 2019 Segnala una notizia
Gattolandia: Bombadil, solo a 14 anni, rimane in gabbia per il dolore.'Non abbandonate gli animali!'

Gattolandia: Bombadil, solo a 14 anni, rimane in gabbia per il dolore.’Non abbandonate gli animali!’

17 Luglio 2019

L’estate è il momento delle vacanze e della spensieratezza, purtroppo però spesso in questi scenari fatti di spiagge, mare e tanto divertimento gli animali di famiglia non compaiono. Se per gli umani è la stagione del divertimento, per gli amici a 4 zampe è quella dell’abbandono. Per farvi comprendere il dolore che un animale prova a essere abbandonato, MbNews ha scelto di raccontarvi la storia di Bombabil, un meraviglioso micio di 14 anni, ancora in salute, che purtroppo ha perso il suo anziano padrone. Per un breve periodo, del gatto si è occupato un nipote, che poi però non ha più avuto modo di tenerlo per via di gravi problemi di salute. Nessuno della famiglia ha potuto prendersi cura di Bombadil, che quindi è finito a Gattolandia. Il cuore d’oro di quest’associazione monzese, che custodisce un vero e proprio gatto parco nel cuore di Sant’Albino, ha subito aperto le porte al gatto senza famiglia. Nonostante l’affetto e le cure dei volontari, per il forte dolore, non esce dalla sua gabbia.

Bombadil si autoinfligge gli ‘arresti domiciliari’

‘Questo gattone è arrivato da noi a Gattolandia, qualche mese fa – racconta Manuela, una delle socie veterane della Onlus – dopo aver trascorso ben 14 anni con il suo padrone. Nella drammaticità della situazione, abbiamo fatto una scoperta al limite tra il goliardico e l’assurdo: ci è stato riferito che si chiamava Pallina, ma poi abbiamo scoperto che era un maschio!’.

‘Al di là di questo aneddoto, il povero micione, è ancora talmente addolorato dalla perdita del suo padrone e della casa in cui era abituato a vivere da sempre, che trascorre tutto il suo tempo all’interno della gabbia che gli abbiamo riservato. Abbiamo volutamente scelto una gabbia grande, cosicché possa sentirsi un po’ libero, ma ovviamente non è mai come essere liberi davvero. Sottolineo che le porticine sono sempre aperte, ma lui non ne vuole sapere di muoversi‘.

Bombadil, nonostante tutto quello che ha dovuto sopportare, è anche piuttosto affabile con gli altri gatti. ‘Quando altri mici entrano nella sua gabbia per mangiare dalle sue ciotole oppure per utilizzare la sua lettiera, lui nemmeno si scompone e non si infastidisce’.

‘Soltanto un giorno settimana scorsa, ha fatto una brevissima fuga dalla gabbia. E’ uscito completamente terrorizzato, con le orecchie basse, gli occhioni spalancati e la coda tra le gambe. Si è addirittura spinto sino al divanetto. Poco dopo è tornato nella sua gabbietta. Chissà che in futuro non riesca a superare tutto quel dolore, anche se siamo convinti che l’unica medicina capace di curare il suo cuore ferito sia l’affetto di una nuova famiglia‘.

‘La storia di Bombadil mi ricorda tanto quella di un altro nostro micio che abbiamo chiamato Rampino, perché con gli umani era piuttosto manesco. Non un gatto semplice dunque, eppure ha avuto la fortuna di essere adottato e ora nella sua nuova famiglia è diventato un gatto meraviglioso e affettuoso’.

L’appello di Gattolandia: ‘Non abbandonate gli animali!’

 

‘Noi ci teniamo a ricordare che la prima cosa da tenere bene a mente, quando si sta pensando di prendere un animale, è che l’impegno non sarà a breve termine. Un gattino può vivere anche 20 anni, per questo è importante riflettere a lungo sulle proprie volontà e reali possibilità. Non si può pensare di abbandonarlo alla prima estate, perché non si sa a chi affidarlo. Anche questo aspetto va considerato prima di portare a casa un cucciolo’.

‘E’ un fatto di responsabilità e consapevolezza: un animale non può mai essere un gioco, un regalo o un divertimento del momento. Un micio c’è quando si è stanchi, quando si hanno problemi importanti, difficoltà economiche e lavorative, quando si cambia casa e quando si rimane incinta. Un gatto può anche ammalarsi e avere bisogno di cure e maggiori attenzioni. Bisogna pensare a tutto questo prima di portarlo a casa. Un gatto saprà donarvi tanto affetto, ma in cambio voi, dovrete offrirgli tutta l’attenzione di cui ha bisogno’.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

“Grazie per il vostro lavoro” e il signor Luigi offre la grigliata ai Vigili del Fuoco di Monza

Ferragosto con un bel gesto di solidarietà. Un uomo sui sessant'anni paga la spesa ai vigili del fuoco. "Se dovesse venire in caserma a trovarci ci farebbe davvero piacere".

Brianza, trasporti pubblici: la nuova tariffazione unica c’è ma non i biglietti

Inizia oggi la rivoluzione biglietto unico, ma nelle biglietterie Trenord ancora non sono state aggiornate le tariffe: si paga 2,50 per il passante più 2 euro per metro, al posto di 2,80

Seregno Calcio, Achille Mazzoleni rassegna le dimissioni

Il Seregno Calcio annuncia di aver ricevuto le dimissioni da parte del coordinatore dell'area tecnica Achille Mazzoleni.

Limbiate, lite in strada nella notte: arrestati due fratelli di 29 e 31 anni

La tempestiva segnalazione da parte dei cittadini e l’immediato intervento dei Carabinieri ha fatto in modo che la situazione non degenerasse

Monza, via Mantegazza: ecco il progetto che interesserà l’area del centro storico

Trecento cinquanta mila euroil finanziamento complessivo previsto. La parte del leone la fanno le risorse comunali.