15 Luglio 2019 Segnala una notizia
Blister in plastica, in Lombardia il prodotto è al 100% made in Italy e km 0

Blister in plastica, in Lombardia il prodotto è al 100% made in Italy e km 0

11 Luglio 2019

C’è un prodotto che è nelle mani dei consumatori tutti i giorni. Sugli scaffali dei supermercati, negli espositori da banco dal farmacista, nei negozi di elettronica. In quasi tutti gli esercizi commerciali le persone entrano in contatto con i blister. Ossia con i contenitori in plastica trasparente, come scatoline, vaschette o valigette in plastica, che racchiudono oggetti di ogni dimensione e che li proteggono confezionati in involucri sicuri e resistenti.

Il blister è un prodotto che, proprio per la sua stragrande diffusione e per l’utilizzo in ogni settore del mercato, rappresenta un anello delicato e sensibile e che quindi deve garantire una qualità ai massimi livelli. Qualità garantita anche e soprattutto dal marchio made in Italy che rappresenta un controllo capillare per quanto riguarda le materie prime utilizzate e le procedure di fabbricazione.

In Lombardia il blister viene realizzato praticamente a km 0. Esiste infatti un’azienda, Gruppo Niada, che in provincia di Varese progetta e produce i blister, anche personalizzati, al 100% in Italia. Realtà evidentemente non comune soprattutto per quanto riguarda le materie plastiche che spesso e volentieri vengono realizzate in stabilimenti all’estero.

“In un mercato in cui molte aziende delocalizzano in paesi a basso costo di manodopera e materie prime per una strategia di contenimento dei costi- ha spiegato Mario Niada, CEO del Gruppo Niada- la nostra azienda negli oltre 40 anni di presenza sul mercato anni ha deciso di sostenere il valore del prodotto realizzato totalmente in Italia, progettando e producendo ogni blister nelle nostre sedi produttive di Malnate, in provincia di Varese, a ridosso del confine svizzero”.

L’azienda di produzione e confezionamento di blister copre una superficie totale di 12000 m²  e comprende uffici, produzione, magazzini e officina progettazione stampi. Il Gruppo Niada si occupa di termoformatura sottovuoto e di tutte quelle attività inerenti al packaging della plastica termoformata, dei blister bivalva e sfilabili, delle vaschette termoformate e dei vassoi termoformati.

“L’intero ciclo produttivo dei blister – ha precisato Mario Niada CEO del Gruppo Niada- è totalmente italiano. L’approvvigionamento delle materie prime avviene nelle immediate vicinanze per assicurare un’ottima qualità e minor emissione di Co² nell’atmosfera, riducendo il traffico dei mezzi pesanti. Le materie prime sono vergini e riciclabili secondo gli standard internazionali e la progettazione degli stampi e di ogni termoformato avviene nell’officina interna così come la produzione”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Il Monza Calcio ospite a Villa Gernetto: Silvio Berlusconi vuole la serie A

Il Calcio Monza approda in villa Gernetto per parlare del suo futuro assieme al patron Silvio Berlusconi e a tutto lo staff dirigenziale

Europei Under 23, Gobbo trafitto da un listello di legno. Polmone perforato

Il 16enne brianzolo, tesserato con il GB Junior Team, è caduto durante lo scratch venendo perforato da un  listello lungo oltre mezzo metro.

Polizia Locale, giro di vite contro il degrado in Brianza. In arrivo droni e telecamere

Una ventata hi tech per alzare l'asticella della sicurezza, che costerà a Regione Lombardia, solo nella Provincia di Monza e Brianza, 125.300 euro.

Brianza, trasporti pubblici: la nuova tariffazione unica c’è ma non i biglietti

Inizia oggi la rivoluzione biglietto unico, ma nelle biglietterie Trenord ancora non sono state aggiornate le tariffe: si paga 2,50 per il passante più 2 euro per metro, al posto di 2,80

Stragi del sabato sera, controlli sulla strade brianzole: 79 fermati, 19 ubriachi

Maxi servizio della Polizia Stradale. A 17 persone è stata ritirata la patente a una anche l'autovettura: aveva un tasso superiore al 2,50