20 Novembre 2019 Segnala una notizia
Monza, un residente: "Basta spaccio al 'Parco 80', situazione insostenibile"

Monza, un residente: “Basta spaccio al ‘Parco 80’, situazione insostenibile”

18 Giugno 2019

È di un residente della zona di Parco 80 la denuncia che è giunta alla redazione di MBNews. Il cittadino monzese (che ha chiesto di rimanere anonimo) ha voluto segnalare quella che, secondo lui, è una situazione che sta diventando insostenibile. Si riferisce ai ragazzi che tutte le sere si incontrano nella ‘piazza’ di Parco 80 per fumare erba o droghe simili.

«Ho deciso di chiamare la vostra redazione per descrivervi quello che succede qui, quasi tutte le sere. Abitando in zona posso dire di passare ogni sera davanti a Parco 80. In questa piazza, da un certo orario in poi, c’è una forte presenza di consumatori di droghe leggere. La quiete pubblica, a volte, è anche disturbata da urla, schiamazzi. Poi c’è la questione dello sporco che lasciano» ci racconta il residente amareggiato. Ci spiega anche come, dopo aver osservato per qualche sera il movimento della piazza, secondo lui, le droghe arriverebbero indisturbate in quella che è una zona da tutti conosciuta per la sua tranquillità e bellezza, essendo a ridosso delle mura del Parco di Monza.

«La piazza- continua l’intervistato- è frequentata solo dai consumatori, che sono ragazzi giovani. Una o due volte durante la serata gli spacciatori fanno un salto ‘alcuni personaggi’ che, secondo me, sono lì per approvvigionarli, se così si può dire, e se ne vanno senza correre rischi. Ma l’odore di erba si può facilmente sentire anche solo camminando sotto i portici o nelle vicinanze».

«Le forze dell’ordine, tramite la polizia locale, sono venute a controllare l’area ma, a mio avviso, non è stato fatto abbastanza. La situazione è rimasta invariata ed io mi auguro a protezione dei residenti, delle attività commerciali, ma anche dei ragazzi stessi che intervengano maggiormente l’amministrazione, la Questura e le forze dell’ordine per aiutare noi ‘persone normali’, che paghiamo le tasse a non dover essere assediati da questi spacciatori che rovinano le nostre piazze».

I Carabinieri, dal canto loro, monitorano costantemente la zona. Effettuano controlli periodici (anche coordinandosi con le altre forze). I militari, inoltre, invitano i cittadini a recarsi in caserma per le segnalazioni, in un’ottica di collaborazione tra residenti e forze dell’ordine.

 

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Marta Migliardi
Sono una giornalista e scrittrice con la valigia in mano, i piedi ben piantati a terra e lo sguardo, ogni tanto, verso il cielo. Vivo tra l’Africa (Zanzibar) e l’Italia, in eterno movimento. Monza è la mia casa, ovunque mi trovi. Bisogna sempre avere un posto in cui tornare. Amo gli animali e amo scrivere. Il resto è di passaggio.


Articoli più letti di oggi

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Pop Up Restaurant: a Monza apre il primo Temporary Week Restaurant d’Italia

L’inaugurazione avverrà nel weekend del 23 e 24 novembre in Via Appiani 20.

Controlli anti prostituzione e scambismo al Colleoni: 50 persone identificate

Oltre 50 persone e circa 35 veicoli controllati, diverse contravvenzioni rilevate: è il bottino dei controlli mirati e straordinari messi in atto, durante il weekend, dai Carabinieri.

L’appello, aiutatemi a trovare casa: “Siamo in 4 e mio padre ha l’alzheimer”

Una situazione difficile con una famiglia con un reddito, ma che si vede continuamente chiudere le porte in faccia.

Monza, zona Boscherona: ma cosa sta succedendo ai cartelli stradali?

Nel quartiere a nord della città i cittadini denunciano numerosi casi di segnali manomessi, obsoleti e danneggiati. E chiedono un intervento più efficace dei tecnici del Comune.