22 Ottobre 2019 Segnala una notizia
Monza, gli animalisti dicono "basta" ai fuochi di San Giovanni

Monza, gli animalisti dicono “basta” ai fuochi di San Giovanni

27 Giugno 2019

Gli animalisti brianzoli si schierano contro i fuochi di San Giovanni. Mentre l’amministrazione comunale di Monza stila un primo bilancio della tradizionale manifestazione dedicata al santo patrono, al termine della quale sono state registrate fra le 40 e le 50 mila presenze, il movimento in difesa degli animali e Leidaa Monza e Brianza hanno diramato un comunicato stampa col quale chiedono che per il futuro lo spettacolo pirotecnico venga sostituito da qualche latro evento meno traumatico.

Gli animalisti hanno sollevato due ordini di problemi. Il primo è determinato dai botti. “Quanti animali ieri hanno abbandonato nidi e tane, quanti sono morti d’infarto – hanno spiegato gli animalisti -? Non c’è rispetto della fauna selvatica che popola il Parco e i giardini della Villa e degli animali domestici che vivono nelle loro vicinanze. Quanti cavalli si sono spaventati e feriti? I fuochi sono stati sparati a poche centinaia di metri dalle scuderie. Una distanza inaccettabile per il loro benessere”.

Il secondo, invece, è l’inquinamento. “Quale quantità di polveri sottili sono state disperse nell’ambiente in una delle città più inquinate d’Italia – hanno aggiunto gli animalisti -? I fuochi d’artificio concorrono al peggioramento della qualità dell’aria, producendo inquinanti nocivi, con livelli importanti di potassio, stronzio, bario, magnesio, alluminio, zolfo, titanio, manganese, rame, bromo, piombo”.

Gli animalisti hanno quindi deciso di prendere carta e penna per scrivere all’amministrazione e al sindaco, Dario Allevi. “Come responsabili del Movimento animalista e di Leidaa Monza e Brianza ci chiediamo, ancora una volta, perché non si possa prendere in considerazione un’alternativa per festeggiare il nostro patrono, con un evento che non sia così impattante su ambiente e animali – hanno scritto -.  Nel mese di febbraio 2019, come Movimento Animalista, abbiamo inviato una mail indirizzata a sindaco, all’assessore Martina Sassoli e all’assessore Massimiliano Longo, nella quale chiedevamo loro di considerare soluzioni differenti, come spettacoli con droni che si muovono a ritmo di musica, fontane danzanti, giochi di luce. Non esiteremo a riproporre la nostra visione”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Cimitero, riesumati 100 bambini all’insaputa dei genitori. Sindaco: “Fatto gravissimo”

I resti di circa 100 bambini riesumati all'insaputa dei genitori. Il fatto è accaduto al campo numero 8 del cimitero di Monza.

Monza, oltre sei mesi per avere il passaporto. In consiglio si accende la polemica

Le ragioni sarebbero da imputare alla carenza di organico presso la Questura del capoluogo brianzolo.

Diluvio sulla Brianza: traffico in tilt e incidenti in tangenziale

Due incidenti hanno fermato il traffico in tangenziale est in entrambi i sensi di marcia, mentre vari allagamenti hanno di fatto paralizzato varie città della Brianza.

Trenord, cambiamenti in vista per i pendolari della linea Canzo-Asso

Attenzione: per chi viaggia con gli S4 da Camnago-Lentate la partenza del treno potrebbe essere anticipata di cinque minuti a partire dal prossimo mese.

Ritrovato a Massa Carrara il 40enne scomparso a Limbiate

Da sabato 12 ottobre non si avevano più notizie poi la chiamata alla famiglia.