26 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Brianzacque, Asst Monza e CNR al tavolo per parlare della qualità dell’acqua MB

Brianzacque, Asst Monza e CNR al tavolo per parlare della qualità dell’acqua MB

19 Giugno 2019

Essenziale per la vita dell’uomo, l’acqua è oggi sempre più al centro dell’interesse pubblico. Sotto indagine non è la quantità, problema fortunatamente risolto alle nostre latitudini, quanto la qualità dell’acqua che scorre nei nostri rubinetti e che quotidianamente beviamo.

“L’Italia è il primo consumatore in Europa e il terzo al mondo per consumo di acque minerali confezionate, ma molte acque potabili sono di gran lunga superiori per qualità alle acque in bottiglia”. Ad affermarlo è Vito Felice Uricchio, Direttore dell’Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR, tra i relatori del convegno sulla ‘Comunicazione della qualità dell’acqua’ che ha avuto luogo ieri presso la sala congressi dell’Ospedale San Gerardo di Monza. Tra queste acque pubbliche di qualità c’è l’acqua “super controllata” che scorre nella rete di Brianzacque, l’azienda pubblica che gestisce industrialmente il ciclo idrico integrato nella Provincia di Monza e della Brianza.

Dati medico-scientifici dimostrano che la qualità dell’acqua condiziona la nostra salute. Il CNR ha individuato ben 1.186 sostanze neurotossiche per l’uomo, tra cui piombo, mercurio, arsenico, DDT, che possono generare gravi malattie, dai disturbi respiratori, visivi e uditivi al ritardo mentale neonatale fino a patologie oncologiche. Tra i contaminanti emergenti, ovvero gli elementi inquinanti delle nostre acque, troviamo farmaci, fitofarmaci, antibiotici, detersivi, droghe, micro e nano plastiche.

È fondamentale, quindi, per la nostra salute che l’acqua che beviamo sia essa stessa in salute, quindi priva di tossicità. Per la rimozione di agenti tossici inquinanti è necessario l’impiego di tecnologie di depurazione all’avanguardia, capaci di rendere l’acqua “buona e sicura”.  È quello che fa Brianzacque, grazie alla collaborazione con IRSA CNR del professor Uricchio. Questa alleanza ha portato alla realizzazione di uno screening di ampio spettro, per cercare di individuare il più possibile quelle sostanze che possono creare problemi alla salute.

“La qualità dell’acqua di rete in Brianza non ha nulla da invidiare all’acqua in bottiglia – ha dichiarato Enrico Boerci, presidente e amministratore delegato Brianzaacque – Avvantaggiata dal fatto che proviene dalla falda acquifera profonda e diffusa della Brianza, l’acqua è calcarea, ovvero ricca di calcio e magnesio, e in assenza di patologie particolari è bevibile senza rischi. È oligominerale e iposodica. È un’acqua buona e soprattutto controllata. Ogni mese vengono effettuati analisi ai pozzi e all’intera rete e ogni mese pubblichiamo il livello e le caratteristiche della nostra acqua. I valori sono così sempre aggiornati”.

Un doppio controllo quello effettuato sulle acque di Brianzacque: uno interno da parte del laboratorio dell’azienda idrica brianzola e uno esterno da parte di ATS. Nel 2018 sono stati 7.551 i prelievi di campioni di acqua per un totale 183.804 parametri analizzati. Un controllo costante per limitare i rischi e rendere l’acqua brianzola sicura per la cittadinanza.

Brianzacque serve 55 comuni della provincia di MonzaBrianza oltre al comune comasco di Cabiate, gestendo un totale di 63 casette dell’acqua, che nel 2019 diventeranno 70, e 21 erogatori nelle scuole e negli enti pubblici. E si apre la possibilità di installare alcuni erogatori targati Brianzacque, già fornitore dell’ASST di Monza, anche negli ospedali dell’azienda sanitaria territoriale.

Considerando solo le casette dell’acqua nel 2018 sono stati 7,7 milioni i litri di acqua erogati da Brianzacque, equivalenti a 5,1 milioni bottiglie di plastica da un 1,5 litri risparmiate. Un risparmio che fa bene all’ambiente ma non solo: costa 5 centesimi al litro l’acqua dei chioschi pubblici di Brianzacque e ciò si è tradotto in 1,3 milioni di euro risparmiati dalle famiglie della Brianza.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi

Agrate, trovata positiva al Coronavirus dipendente di un’azienda

La donna è residente in un Comune della Martesana milanese. 

Coronavirus: bar di Carate Brianza infrange il “coprifuoco” e resta aperto dopo le 18.00

Non rispetta l’orario di chiusura imposto dalle misure anti Covid-19. I Carabinieri chiudono il bar a Carate Brianza.

Lissone shock: dalle sterpaglie spunta il cadavere di un 38enne

Trovato cadavere di un uomo di 38 anni tra le sterpaglie di via Toti in frazione Bareggia di Lissone. Indagini in corso per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Coronavirus: furto al Famila di Nova Milanese? La testimonianza

Almeno secondo i dipendenti del supermercato in via Brodolini. "Non era un anziano e non sappiamo con certezza se abbia realmente rubato. Lo starnuto? Forse c'è stato, forse no: ma non rimandiamo tutto al Coronavirus".

Enpa scrive ad Amazon: rimuovete dal catalogo gli stivaletti antigraffio per gatti

"Il tuo gatto si fa le unghie sui mobili o sui tappeti? Nessun problema: basta chiudere le sue zampe ben strette in appositi cilindri di silicone e così i tuoi arredi saranno al sicuro". ENPA non ci sta, scatta la segnalazione ad Amazon.