18 Settembre 2019 Segnala una notizia
Cavallera chiusa, i cittadini passano alle maniere forti: scrivono al Prefetto

Cavallera chiusa, i cittadini passano alle maniere forti: scrivono al Prefetto

13 Maggio 2019

Il Comitato Degli Amici del Bruno non si arrende. A una settimana dalla chiusura della Strada Comunale della Santa, per la sua trasformazione da carrabile a ciclopedonale, e dall’inizio della mobilitazione, oggi, lunedì 13 maggio, partirà una missiva scritta dal gruppo di residenti, firmata da centinaia e centinaia di cittadini che non sono d’accordo con la decisione dell’Amministrazione Vimercatese. Destinazione: la Prefettura.

LA LETTERA AL PREFETTO

Si tratta di un nuovo tentativo di mettere la parola fine a questa storia, nella speranza che il Prefetto intervenga per fermare i lavori.Ai cittadini di Vimercate viene tolta la disponibilità dell’unica strada istante sul territorio di Vimercate per recarsi in centro città e usufruire dei servizi di cui hanno diritto” si legge nella lettera. E ancora: “La decisione di chiudere la Strada della Santa costituisce uno sfregio per generazioni di brunesi che per anni e decenni l’hanno percorsa per raggiungere l’asilo dei figli, la propria scuola, l’ospedale e tutti i servizi essenziali“.

La delusione nel gruppo di residenti è tanta: come già raccontato nel nostro precedente articolo, infatti, Cascina del Bruno è divisa tra il Comune di Arcore e Vimercate, di cui fanno parte 79 persone. Alcuni di loro, insieme agli amici arcoresi, si sono incontrati sabato mattina, 11 maggio, presso Trattoria del Bruno per raccontare quanto sta accadendo alla stampa. Presente anche Dario Biffi, dell’omonima azienda agricola, che gestisce i campi che circondano la Cavallera, in parte di proprietà della Contessa Gallarati Scotti.

I PROBLEMI DEGLI AGRICOLTORI

«Un anno e mezzo fa – ha raccontato – ci è stato chiesto di cedere due metri di terreno, uno a destra e uno a sinistra, per la piantumazione di due filari di alberi. Abbiamo chiesto che le piante venissero posizionate a 7 metri l’una dall’alta e che si trattasse di varietà piramidali, in maniera da poter accedere ai campi con i mezzi agricoli». Ma a lavori iniziati, ecco la sorpresa: «Abbiamo sottoscritto un accordo, per la cessione della parte che ci è stata chiesta, ma non ci era stato detto che la strada sarebbe poi stata chiusa alle auto. Quando hanno chiuso per iniziare i lavori, abbiamo saputo che la sede sarebbe passata a 3 metri di ampiezza: ma così, i mezzi agricoli non passano. Abbiamo allora chiesto un incontro urgente, in cui ci è stato assicurato, per ora a parole, che ci sarà una banchina dolce, che garantirà lo spazio per passare e che gli alberi, da un lato all’altro, saranno alla distanza minima di 5 metri».

LE PREOCCUPAZIONI DEI CITTADINI

Oltre alla rimozione di una naturale via di collegamento con Vimercate, che li fa sentire parecchio isolati, altre questioni preoccupano i cittadini. La sicurezza prima di tutto. Per esempio: se un ciclista si sentisse male lungo la via, come farebbero i mezzi di soccorso ad accedere, dal momento che a inizio e fine strada ci sarebbero delle stanghe le cui chiavi sarebbero affidate solo ai proprietari o a chi gestisce e cura i terreni? Oppure: dal momento che la strada è stata declassata, quando si dice che potranno passare solo i mezzi dei frontalieri, si intende solo trattori, o anche auto di chi, magari, possiede solo un piccolo orto? Se fosse possibile, qualora un’auto facesse un incidente con un ciclista o un pedone, sarebbe in contravvenzione?

I cittadini, nell’ultimo incontro avuto con il sindaco Francesco Sartini hanno avanzato alcune proposte alternative: che la strada diventi un senso unico o che i residenti a Cascina Del Bruno possano avere un pass. Nessuna di queste è stata accolta. Una posizione irremovibile, quella di Sartini, che fa pensare a qualcuno che ci sia qualcosa sotto: c’è chi pensa addirittura che sia un escamotage per fare in modo che i residenti chiedano al Comune di Arcore di accoglierli, passando così da essere cittadini vimercatesi ad arcoresi.

Nel frattempo, contro la chiusura della Cavallera si è mobilitato anche il centrosinistra di Vimercate: PD e Vimercate Futura hanno chiesto un Consiglio comunale urgente e aperto alla cittadinanza, con la partecipazione anche di Sindaco e Amministrazione comunale di Arcore. E soprattutto che, fino a quella data, venga disposta la sospensione dei lavori. Per ora, durante la riunione dei capigruppo di venerdì 10 maggio, l’Amministrazione pentastellata ha preso tempo.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Eleonora D'Errico
Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.


Articoli più letti di oggi

Desio, 32enne precipita dall’ecomostro di via Volta: gravissima

Ancora in corso la ricostruzione di quanto accaduto, che riporta alla luce la questione relativa alla sicurezza dell'area

Scoperta officina abusiva: all’interno auto usate da rapinatori e spacciatori

i “titolari”, padre e figlio, sono stati denunciati, mentre per altre tre persone è stato proposto di foglio di via. Arrestato un quinto uomo

Il Calcio Monza schiacciasassi, ma tra buche e code alla biglietteria

La squadra è una potenza, ma per i tifosi non è così facile accedere allo stadio: tre i maggiori problemi che abbiamo individuato che presto dovranno essere risolti.

Monza, un anno di Ponte Colombo chiuso. A breve la gara per la demolizione

I costi previsti per la demolizione e ricostruzione della passerella sono di circa 750mila euro

Monza, scoppia la guerra del verde fra giunta municipale e giardinieri del Comune

Le aziende titolari della manutenzione lamentano servizi non pagati per 1,6 milioni, ma il vice sindaco Villa evidenzia numerosi inadempimenti.