28 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Primo maggio, sindacati in piazza: "Più sicurezza sui luoghi di lavoro"

Primo maggio, sindacati in piazza: “Più sicurezza sui luoghi di lavoro”

2 Maggio 2019

L’occasione è stata la festa dei lavoratori, il primo maggio. Si è parlato di sicurezza, ultimamente tema caldo considerando le 14 morti avvenute nell’ultimo periodo, e di Europa. Lo scenario è stato quello di piazza Roma a Monza. Ad intervenire CGIL, CISL e UIL.

Il convegno organizzato dalla delegazione dei sindacati, purtroppo, è stata un’altra occasione per ribadire, soprattutto per denunciare, come sul lavoro manchi la sicurezza. Manca in tutto il territorio nazionale. Manca anche in Brianza, che da inizio anno ha avuto 5 morti bianche. Un triste epilogo che ha portato i sindacati a dichiarare che “di isole felici, qui non ce sono”. Servirebbero allora più controlli e ispezioni. Servirebbero, per l’appunto, perché in questo caso il condizionale ha un senso ben specifico. Solo la provincia di Monza e Lecco conta diverse migliaia di imprese, ma i controlli che verificano l’effettiva applicazione delle norme antinfortunistiche, si limitano a qualche centinaio. Tolto il condizionale, servono più controlli.

Una necessità che ha caratterizzato la manifestazione del Primo Maggio monzese: il raduno di CGIL, CISL e UIL ha soprattuto costituito parte di un percorso di mobilitazione e sensibilizzazione “perché è inutile cercare di giustificare le morti sul lavoro con fattori come fatalità e imponderabilità” ha specificato Rita Pavan, segretaria Cisl Monza Brianza Lecco, che è salita sul palco insieme ad Angela Mondellini, segretaria Cgil Monza Brianza, Abele Parente, segretario Uil Monza Brianza e Valerio D’Ippolito, responsabile di Libera Monza e Brianza.

La segretaria CISL ha quindi posto l’accento su tre parole: “lavoro, diritti e Stato sociale”. Tre parole che entrano in un unico grande insieme, quello dell’Europa, “la nostra Europa – ha precisato Rita Pavan -, a cui è dedicato il Primo Maggio in tutta Italia”. Un insieme, quello presentato dai sindacati, in cui “in questo territorio abbiamo deciso di aggiungere una parola, la più importante di tutte”. La parola in questione è sicurezza. Una questione, più che una parola,  sempre al centro delle iniziative sindacali confederali. Diversi, infatti, gli appuntamenti segnati sul calendario. Partendo dall’attivo dei delegati e dei rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza in programma lunedì 20 maggio a Monza, a quello previsto per venerdì 7 giugno. Una manifestazione, quest’ultimo appuntamento, che dalla sede dell’Inail arriverà davanti alla Prefettura. Le parole su cui porre la massima attenzione saranno lavoro e sicurezza.

La manifestazione è stata anche l’opportunità per parlare del mondo del lavoro. Un’opportunità per ribadire come spesso il lavoro manchi a troppe persone o che spesso si basa sul precariato. Un mondo oggi sempre più “difficile” insomma.  E al fianco della Pavan, rispettivamente in rappresentanza di Cgil, Cisl e Uil, sono intervenuti anche Said Samir, Dennis Marelli e Antonio Varrella. La segretaria CISL ha poi evidenziato la necessità di una lotta senza quartiere all’illegalità. “Il nostro territorio non è purtroppo esente dalle mafie né all’evasione fiscale, uno scandalo da 120 miliardi di euro ogni anno”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Riapertura delle scuole: la Lombardia decide nel weekend

Per sapere se lunedì 2 marzo sarà possibile tornare a scuola bisognerà attende il fine settimana. Le dichiarazioni del presidente Fontana e del vice Sala.

Primo caso in Abruzzo: è un impiegato di banca di Brugherio

La famiglia è tenuta in isolamento domiciliare fiduciario e nessuno dei componenti presenta al momento sintomi.

Coronavirus, le buone notizie dalla Brianza: la dipendente di Agrate ricoverata, torna a casa

Coronavirus, buone notizie dalla Brianza: è tornata a casa la donna positiva al test, che lavora ad Agrate ed è risultato negativo il presunto contagiato, ricoverato in isolamento all'ospedale di Carate.

Valanga, Giovanni Ripamonti atleta del Monza Marathon Team muore in Iran

Giovanni Ripamonti, 67 anni, sposato con Elisabetta, era accompagnato dal figlio e da una guida.

Ministero Beni Culturali: concorso per 500 custodi. Titolo di studio: Licenza media

Le figure ricercate dal Ministero sono: operatori alla custodia, vigilanza e accoglienza da assumere a tempo pieno e indeterminato.