13 Aprile 2021 Segnala una notizia
Pensioni di cittadinanza, Cgil MB: “Escluse persone in condizioni di povertà”

Pensioni di cittadinanza, Cgil MB: “Escluse persone in condizioni di povertà”

7 Maggio 2019

La cittadinanza è una parola che ha una storia e un significato ben più profondo di quanto si possa comunemente pensare. Dietro di essa, infatti, si nasconde un mondo ampio come quello dei diritti civili e politici.

Ecco perché quando si affronta un tema come le pensioni di cittadinanza, che sono l’altra faccia, quella meno conosciuta, del reddito di cittadinanza (Manuale), in realtà si toccano aspetti umani molto importanti. Che vanno al di là di un sussidio economico rivolto ad una fascia debole della popolazione. Perché in ballo ci sono le vite e la dignità di persone in difficoltà.

Per tutti questi motivi, allora, l’efficacia della pensione di cittadinanza, misura inserita nella Legge di Bilancio 2019, è un obiettivo da conseguire con priorità assoluta, perché non resti un’operazione monca o, peggio, uno spot elettorale. Ma per il momento non tutto sembra stia andando per il verso giusto.

Alla perplessità che, sul tema previdenziale, investe già la famigerata Quota 100 e l’operato dell’Inps (leggi l’articolo), si aggiungono, infatti, i primi numeri di un bilancio comunque ancora parziale sulla pensione di cittadinanza.

Se in Lombardia, su oltre 2 milioni e mezzo di pensionati un quinto circa riceve un’indennità al di sotto dei 750 euro al mese, la platea che potrebbe aspirare al nuovo sussidio economico è piuttosto ampia. E, invece, fino ad ora solo il 14% ha presentato la propria domanda all’Inps. E, tra quelli che l’hanno fatto, il 30-40% si è visto respingere la richiesta dall’Istituto nazionale di previdenza.

“Un aspetto controverso riguarda la composizione del nucleo familiare – spiega Davide Carlo Cappelletti (nella foto in alto), Direttore Provinciale del Patronato Inca della Cgil Brianza – è necessario che tutti i componenti abbiano almeno 67 anni, salvo la presenza di una persona con disabilità che può avere anche meno di 67 anni”.

In attesa di valutare, con dati effettivi, il numero degli assegni inferiori a 780 euro e le pensioni di cittadinanza che verranno erogate nel nostro territorio, il sindacato di via Premuda continua a fare la sua parte per cercare di fornire ai cittadini un servizio migliore anche su questo fronte. “Nel quotidiano – afferma Cappelletti – Inca supporta pensionati con rate mensili che sfiorano i 500 euro tra vecchiaia, invalidità, reversibilità, assegno sociale”.

“Dal mese di maggio, le persone che si rivolgono alle sedi Cgil in Lombardia per chiedere assistenza in fatto di pensione di cittadinanza, sono indirizzate agli uffici del Patronato Inca– continua – il Caaf Cgil (Centro autorizzato di assistenza fiscale) continuerà invece ad assistere lavoratori e cittadini per la predisposizione della Dsu (Dichiarazione sostitutiva unica)-Isee e per l’invio del più famoso reddito di cittadinanza”.

C’è poi anche il capitolo delle distorsioni determinate dalle norme in vigore. Per cui, ad esempio, chi percepisce la pensione di cittadinanza, non pagandovi le tasse, arriva ad avere un assegno superiore del 6%, a parità di importo, rispetto a chi riceve una pensione frutto esclusivamente di anni di contribuzione lavorativa.

Insomma il finale della storia incentrata sulla pensione di cittadinanza è, forse, ancora tutto da scrivere. “I numerosi paletti per accedere alla pensione di cittadinanza sono molto rigidi e la platea sarà la stessa che attualmente richiede l’assegno sociale – sostiene il Direttore Provinciale del Patronato Inca della Cgil Brianza – pare inevitabile l’esclusione dal sussidio di molte persone in situazione di grave difficoltà e in condizioni di povertà assoluta”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi