Quantcast
Motoclub Vimercate: la pioggia condiziona il secondo round della Pirelli Cup - MBNews
Sport

Motoclub Vimercate: la pioggia condiziona il secondo round della Pirelli Cup

Durante il week end del secondo round della Coppa Italia, le “app” per smartphone più consultate da tutti i presenti sul circuito del Mugello erano senz’altro quelle del meteo.

moto club vimercate dario lenticchia

Durante il week end del secondo round della Coppa Italia, le “app” per smartphone più consultate da tutti i presenti sul circuito del Mugello erano senz’altro quelle del meteo.

E se anche le previsioni, per fortuna, non si sono rivelate azzeccate al 100%, quelle della domenica lo sono state, con pioggia, grandine e temperature invernali a martoriare i piloti che, nonostante tutto, sono scesi in pista.

Il maltempo, che ha risparmiato le prove libere del giovedì, ha fatto la sua comparsa il venerdì, mettendo in difficoltà i piloti del team MC7 Corse, specie Federico Murano non avvezzo alla strapotente Yamaha YZF R1 su una superficie così infida; Dario Latrecchina, avendo dalla sua un’esperienza maggiore, ne risentiva in maniera minore, ma comunque i tempi registrati erano ben oltre i due minuti.

La pioggia scemava il sabato mattina e complice il vento e i passaggi delle altre moto, al momento delle qualifiche le traiettorie si presentavano asciutte. Dopo un briefing con il team manager Matteo Colombo, i piloti optavano per gomme da asciutto: Murano spicca un ottimo ottavo tempo, mentre Latrecchina si piazzava in seconda posizione preceduto solo dalla “wild card” Luca Salvadori di oltre due secondi. Ma Salvadori è un ex pilota del mondiale “superstock” 1000 e la differenza di passo non stupisce.

Le condizioni ambientali convincono gli organizzatori a modificare il programma: in luogo della prevista “superpole”, sulla distanza di un giro, optano per un turno di qualifica di 15 minuti valido per la determinazione della griglia di partenza.

Latrecchina supera se stesso e stampa il suo miglior giro di sempre: 1.54.267; ma non basta per la pole: Terziani lo precede di 136 millesimi e Salvadori annichilisce tutti con un tempo da mondiale, 1.52.124. Murano non riesce a ritrovare il feeling della mattina e, pur migliorandosi di oltre cinque secondi, scivola al sedicesimo posto.

Il via della gara (accorciata a sette giri più due di warm up) è dato con pioggia insistente, pista quasi allagata e temperatura di nove gradi. Al via i piloti del team vimercatese partono benissimo: Federico Murano brucia otto concorrenti, altri due scivolano alla curva della S. Donato ma, alla curva sei, paga la sua inesperienza cadendo a sua volta e dovendo abbandonare.

Dario Latrecchina con un ottimo spunto supera Terziani e si mette dietro a Salvadori: pur non essendo in grado di tenere il ritmo infernale del battistrada (alla fine doppierà tutti!), controlla gli inseguitori; purtroppo l’appannamento della visiera del casco gioca un brutto tiro al pilota del moto club Vimercate che non riesce a azzeccare la traiettoria giusta e scivola alla S. Donato. Superato da pressoché tutti i piloti rimasti in gara, risale in sella e rimonta sino alla decima posizione quando la corsa viene interrotta dalla bandiera rossa per una caduta.

Piccola consolazione la conquista del terzo posto nella categoria superbike.

Alla fine i piloti che non hanno terminato la gara sono stati dieci su ventitré partenti, a testimonianza delle durissime condizioni ambientali.

Il terzo round si terrà a Vallelunga l’8 e 9 giugno prossimi.