29 Maggio 2020 Segnala una notizia
Morti sul lavoro, i sindacati: 'Serve più prevenzione e maggiori investimenti'

Morti sul lavoro, i sindacati: ‘Serve più prevenzione e maggiori investimenti’

21 Maggio 2019

Le morti sul lavoro sono una piaga che affligge ancora il nostro quotidiano: a livello nazionale, ad oggi, sono stati 248 gli incidenti mortali, un dato che sale a 505 se si comprendono anche i morti in itinere, ossia avvenuti nel tragitto casa-lavoro e viceversa.

Puntando la lente di ingrandimento sulla Brianza, sono 5 i lavoratori che hanno perso la vita sul proprio luogo di lavoro. Sono i dati emersi nel corso dell’incontro organizzato al Binario 7 di Monza da Cgil, Cisl e Uil, al quale hanno partecipato numerosi rappresentanti dei lavoratori della sicurezza (Rls).

In nome dell’hashtag #bastamortisullavoro, le tre sigle sindacali hanno evidenziato gli interventi da attuare con urgenza, affinché più nessuno debba piangere la scomparsa di un proprio caro.

 

‘La democrazia non può essere per pochi – spiega Giulio Fossati segretario Cgil – per questo noi dobbiamo diventare i protagonisti delle battaglie per affermare i diritti civili. La sicurezza sul lavoro è una questione fondamentale che va affrontata immediatamente. E’ fondamentale migliorare le condizioni di lavoro, ecco il perché di questo incontro e della manifestazione che abbiamo organizzato per il 7 giugno. Cgil, Cisl e Uil brianzole unite dai medesimi obiettivi, si riuniranno per la marcia degli Rls, che partirà nella mattinata dalla sede Inail per concludersi davanti alla prefettura di Monza’.

‘Lo scorso anno si sono verificate 7 morti sul lavoro, quest’anno siamo già a 5 infortuni mortali: 25 febbraio a Desio, 26 febbraio a Lentate sul Seveso, 26 marzo a Meda, 8 aprile a Lissone e 10 aprile a Sulbiate’, ha aggiunto il segretario.

Questo scenario evidenzia le diverse lacune dell’attuale mondo del lavoro che andrebbero colmate al più presto: esiste la necessità di incrementare la formazione del personale, sviluppare la cultura della prevenzione e aumentare i controlli nelle aziende, che al momento sono decisamente limitati.

‘La percentuale di ispezioni nei luoghi di lavoro da parte dell’ATS non supera il 5% – precisa Giulio Fossati – ciò significa che un’azienda potenzialmente viene controllata una sola volta ogni 20 anni. Per fortuna, a migliorare leggermente il dato in Brianza ci pensa la nostra ATS, che raggiunge sul territorio di competenza l’8%’.

A sottolineare l’importanza dei controlli più massicci è Pierluigi Rancati, membro della segreteria regionale della Cisl: ‘In Lombardia le ispezioni hanno interessato 30mila aziende su 480mila, serve un sistema più organizzato’.

Anche alcuni provvedimenti del Governo hanno contribuito a complicare la situazione, di fatto ostacolando le attività di contrasto agli infortuni sul lavoro. Il Decreto ‘Sblocca cantieri’, per esempio, ha ampliato la possibilità del subappalto dal 30% al 50%. Non solo, il taglio delle tariffe Inail per tre anni ha ridotto la premialità delle aziende che investono di più in sicurezza.

‘Non possiamo più ricevere notizie di vite spezzate sul lavoro. Sia che accada in fabbrica o cantiere, quello che ne scaturisce è dolore e sconcerto. Il problema è prima di tutto culturale – spiega Firmino Di Barbora di Anmil – per questo continuiamo ad andare nelle scuole e nelle aziende a raccontare cosa è successo a noi rappresentanti. Attraverso le nostre esperienze cerchiamo di far capire l’importanza delle norme sulla sicurezza e l’utilizzo di strumentazioni e dispositivi specifici al fine di protegge la vita dei lavoratori, sempre’.

‘Perché il lavoro è vita, dignità, riscatto sociale. Non può mai essere morte o mutilazione’, ha concluso Di Barbora.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

A Monza e Brianza 5.466. Ecco l’aggiornamento dei sindaci

La provincia di Monza e Brianza dall’inizio dell’emergenza conta: 5.466 (+6)

Area Migranti Cgil Monza Brianza: al via le consulenze per la “Regolarizzazione 2020”

In due giorni oltre 200 consulenze telefoniche e 75 appuntamenti per il perfezionamento delle richieste.

Brugherio, incendio nella pizzeria Lo Stregone: evacuate 3 famiglie

Notte di fuoco a Brugherio. Intorno alle 4.00, un incendio è divampato all'interno della pizzeria Lo Stregone. Nessun ferito, tre famiglie evacuate residenti ai piani superiori.

La risposta rosa al Covid-19, in Confimi Monza e Brianza nasce il progetto “Con-diVision”

All'iniziativa, promossa dalla Lisa Fumagalli, collaborano Paola Marras (Niklas), Simona Ronchi (Silap) e Laura Parigi (NPI Italia). Obiettivo: produrre dispositivi di protezione. Con un nuovo modello di business.

Paura a Monza, 13enne si chiude in camera e non risponde. Stava dormendo

Paura nella notte, a Monza: un ragazzino di 13 anni, chiuso nella sua cameretta, continuava a non rispondere alle telefonate dei genitori. I Vigili del Fuoco, intervenuti, hanno scoperto che stava solo dormendo.