22 Aprile 2021 Segnala una notizia
Fondo di garanzia, a Monza una dipendente vince causa contro l’Inps

Fondo di garanzia, a Monza una dipendente vince causa contro l’Inps

2 Maggio 2019

“Se qualcosa può andare male, lo farà”. Questa è la ben nota legge di Murphy. Che spiega, in modo anche umoristico, quello che molti di noi possono appurare: gli eventi negativi, per quanto improbabili, prima o poi capitano. Figuriamoci, allora, nel caso si perda il proprio lavoro.

La possibilità che il datore di lavoro non corrisponda ai propri dipendenti la retribuzione e/o il trattamento di fine rapporto è piuttosto frequente. E, purtroppo, accade anche abbastanza spesso che l’Inps rigetti la domanda, presentata dal lavoratore, di intervento del Fondo di garanzia. Che è stato istituito in Italia, in caso di insolvenza del datore di lavoro, nel 1982 per il trattamento di fine rapporto e nel 1992 per le ultime tre mensilità non retribuite, sulla base di una Direttiva europea del 1980.

Insomma per chi ha perso il posto di lavoro, al contrario di quanto spesso succede quando si cita la legge di Murphy, c’è poco da ridere. Sicuramente non poteva essere felice la lavoratrice che si è rivolta all’Ufficio Vertenze della Cgil Monza e Brianza e al loro legale di riferimento dopo il fallimento dell’azienda di cui era dipendente.

La donna, avendo ottenuto l’ammissione dei suoi crediti al passivo, aveva presentato all’Inps domanda di intervento del Fondo di garanzia per il pagamento del Trattamento di fine rapporto e delle ultime tre mensilità. Ma si era vista respingere la sua richiesta dall’Istituto di previdenza.

“In questi giorni una sentenza del Tribunale di Monza ha condannato l’Inps al pagamento delle retribuzioni richieste al Fondo di garanzia – spiega Giovanna Piccoli (nella foto in alto), Responsabile dell’Ufficio vertenze della Cgil Monza e Brianza – la domanda della lavoratrice era stata respinta con riferimento ai crediti relativi alle mensilità, sulla base della motivazione che i crediti retributivi non risultavano ammessi nello stato passivo perché non era stato specificato il riferimento ai crediti di cui al D.Lgs. 80/92, vale a dire le ultime tre mensilità”.

“Il giudice ha dichiarato destituito da fondamento il diniego opposto dall’Inps in quanto basato essenzialmente su un dato parziale che non ha tenuto conto della disamina della domanda di ammissione al passivo del fallimento – continua – nonché della documentazione prodotta dalla curatela dalla quale risultava evidente il diritto della lavoratrice di vedersi corrisposto il credito relativo alle ultime tre mensilità dal Fondo di garanzia”.

Tribunale di Monza

Se questa vicenda si è conclusa positivamente per chi ha perso il proprio impiego, resta la difficoltà di molti ad accedere a quanto spetterebbe di diritto. “Il lavoratore che si trovi in questa situazione deve affrontare un lungo iter prima di poter recuperare il proprio credito – afferma Piccoli – per accedere al Fondo di garanzia il lavoratore dovrà dimostrare di avere esperito ogni utile tentativo di recuperare il proprio credito nei confronti del datore di lavoro e dovrà, pertanto, compiere una serie di atti giudiziali propedeutici all’eventuale intervento del Fondo di garanzia”.

I tempi si allungano ulteriormente anche nella fase di presentazione della domanda all’Inps. “Le domande di intervento del Fondo di garanzia non sempre vengono definite dall’Istituto previdenziale nei termini stabiliti dalla legge, cioè in 60 giorni decorrenti dalla data di presentazione della documentazione – sostiene  la Responsabile dell’Ufficio vertenze della Cgil Monza e Brianza – spesso i ritardi sono determinati dalla produzione di documentazione che l’Inps richiede ad integrazione delle domande”.

“I tempi di definizione, inoltre, variano molto a seconda delle sedi Inps di competenza che viene individuata sulla base della residenza del lavoratore – continua – a ciò si aggiungano i casi di respinta delle domande o di superamento dei termini previsti dalla legge per la conclusione del procedimento amministrativo da parte dell’Inps, che comportano la necessità di intraprendere delle cause nei confronti del’Istituto, onde evitare la decadenza dell’azione”.

Insomma un procedura altamente burocratica, a tratti cervellotica. Che, tra l’altro, è molto più comune di quanto si possa pensare. Con conseguente, possibile, danno per chi già è in difficoltà perché privo di un impiego.

L’Ufficio vertenze legale della Cgil assiste frequentemente i lavoratori interessati a queste procedure in quanto le vertenze che hanno ad oggetto il recupero dei crediti, cioè dovute al mancato pagamento delle competenze ad essi spettanti da parte del datore di lavoro – afferma la Piccoli – superano il 50% dell’attività vertenziale, con un recupero diretto del credito dal datore di lavoro insolvente, di circa il 20%”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi