Quantcast
Elezioni presidente della Provincia, la Lega dice no al voto balneare - MBNews
Politica

Elezioni presidente della Provincia, la Lega dice no al voto balneare

Secondo la legge Delrio il voto dovrebbe avvenire ad agosto, gli esponenti del Carroccio hanno chiesto uno slittamento a settembre.

consiglieri-Lega-con-Giorgetti-(1)

I consiglieri provinciali della Lega hanno chiesto al sottosegretario Giancarlo Giorgetti di posticipare l’elezione del presidente della Provincia a settembre. Secondo le indicazioni contenute nella legge Delrio le elezioni per il nuovo presidente dovrebbero essere convocate tra la fine di luglio e la fine di agosto, un periodo decisamente poco indicato per una consultazione, che per ovvi motivi non favorisce la partecipazione degli elettori.

Martedì sera, così, a margine di un incontro avvenuto a Bovisio Masciago, gli esponenti del Carroccio hanno presentato al sottosegretario una richiesta di spostamento.

“A poche settimane di distanza dall’elezione per il consiglio provinciale, ci troviamo ancora a parlare di elezioni per la Provincia – hanno spiegato gli esponenti della Lega -. Questo accade perché secondo la riforma Delrio, solo un sindaco può ricoprire il ruolo di presidente”.

Il nocciolo della questione è dato anche dalla situazione particolare che sta vivendo la Provincia brianzola. Il prossimo 26 maggio Roberto Invernizzi, attuale sindaco di Bellusco, terminerà il suo secondo mandato e non sarà più ricandidabile, di conseguenza decadrà anche da presidente della Provincia. ”

“I tempi e le prescrizioni dettate dalla legge Delrio, prevedono che le elezioni per il nuovo presidente siano convocate tra la fine di luglio e la fine di agosto, in un periodo poco indicato per una consultazione e che non favorisce la partecipazione del corpo elettorale – hanno aggiunto i leghisti -. Oltre ad avere mortificato il ruolo delle Province, chi ha scritto questa legge non ha nemmeno tenuto conto di alcune questioni di buonsenso che portano ad avere questo cortocircuito”.