23 Maggio 2019 Segnala una notizia
Cavenago, fiaccolata per Gabriele, morto sul lavoro. "Fermare queste tragedie!"

Cavenago, fiaccolata per Gabriele, morto sul lavoro. “Fermare queste tragedie!”

11 Maggio 2019

Il centro cittadino di Cavenago ha preso vita. Ieri sera, venerdì 10 maggio, esattamente a un mese dal misfatto. Centinaia i presenti, tra adulti e giovanissimi, che hanno preso parte alla fiaccolata in memoria di Gabriele. Lui, il più giovane, che fa parte di quei 5 brianzoli che dal luogo di lavoro non sono ritornati a casa.

E allora c’è prima di tutto il ricordo, ancora lucido. Vivo e forte. Quello di Gabriele Di Guida, che esattamente lo scorso 10 aprile, a Sulbiate, ha perso la vita sul posto di lavoro. Poi ci sono Massimo ed Ester, i genitori di Gabriele. Ma soprattutto c’era una piazza gremita di persone. Ognuno con in mano una candela. La luce di Gabriele che ancora non si è spenta. Del resto è nella memoria che si continua a vivere. Nel cuore di chi, con forza, ricorda e poi sorride. E allora i ricordi, quelli degli amici e della fidanzata soprattutto, affiorano vividi come se Gabriele fosse lì. Assieme a loro a “vivere e sorridere dei guai”.

Presenti alla fiaccolata, assieme ad una rappresentanza dei Sindacati, il sindaco di Cavenago Francesco Maria Seghi e il sindaco di Sulbiate, Della Torre Carla Alfonsa.

“Non è possibile perdere la vita andando al lavoro. È giunto il momento di fermare  queste tragedie”. Questo, oltre a celebrare il ricordo del giovane Gabriele, il senso della fiaccolata, che partita da piazza Parini ha percorso via Besana, via 8 Marzo, via Roma e via xxv Aprile, per poi tornare al punto di partenza, sede del Comune di Cavenago.

E quando altre parole non servono, Ester, la mamma di Gabriele, con una forza sincera e con il sorriso negli occhi ringrazia. “Grazie e ancora grazie. Tutte queste persone presenti – commenta – sono fantastiche. Per noi è un’emozione fortissima”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Meda, avevano in casa una bomba e la usavano come schiaccianoci

L'ordigno della Seconda Guerra Mondiale era a casa di una coppia di ignari anziani. È stato recuperato e fatto brillare

Tamponamento a quattro sulla Milano-Meda: Suv finisce sopra un’auto

Nessuno dei conducenti è rimasto ferito in maniera grave, mentre gravi sono le ripercussioni sul traffico

Monza Visionaria al via con il concerto in Duomo “A Love Supreme”

Si apre oggi il festival musicale firmato Musicamorfosi che per 5 giorni coinvolgerà la città in un mix travolgente di concerti, notturni e luci e suoni.

Brianza, truffe ‘a domicilio’: attenti a quei finti Carabinieri

Nuova allerta in Brianza: falsi Carabinieri e tecnici dell'acqua si introducono negli appartamenti con delle scuse, per poi spruzzare spray urticanti e derubare i malcapitati. Le testimonianze.

Monza eliminato dai play off: il 3 a 1 con l’Imolese non basta

La corsa per andare in B è rimandata all'anno prossimo. Purtroppo non è bastato il risultato positivo di questa sera per passare il turno.