20 Aprile 2019 Segnala una notizia
Monza-Rimini. Tre gol e bel gioco fanno tornare il sorriso ai biancorossi

Monza-Rimini. Tre gol e bel gioco fanno tornare il sorriso ai biancorossi

15 Aprile 2019

Le reti di Marconi, Ceccarelli e Brighenti condannano alla sconfitta i romagnoli, rimasti in dieci dal 25′
del primo tempo per l’espulsione di Alimi.

E’ un Monza brillante quello che ha sconfitto il Rimini domenica al Brianteo, al termine dell’incontro
valido per la 35esima giornata di ritorno del Campionato di Serie C, Girone B. In un pomeriggio
plumbeo, dalle temperature invernali, i ragazzi di Brocchi hanno piegato i romagnoli grazie alle reti di
Marconi e Ceccarelli nel primo tempo, e Brighenti nella ripresa.

Un tre a zero rotondo che rilancia le ambizioni di alta classifica dei biancorossi (Ora quinti con 54 punti)
e affievolisce ulteriormente le speranze di salvezza di un Rimini (ancora ultimo a parimerito con il Fano
a 34) che oggi, onestamente, non è parso all’altezza dell’avversario.
Pronti via, e i brianzoli vanno in rete all’8′ con il difensore Marconi pronto a deviare di testa un corner
battuto dalla destra da Lepore. Si vede subito che il Monza è in palla, tanto che in breve il conto dei
corner a favore sale: sono già 4 al 24′, legittimando così il vantaggio biancorosso fino a questo punto.
Al 25′ l’episodio chiave della partita: l’arbitro infatti espelle Alimi per seconda ammonizione (La prima
l’aveva rimediata al 12′ per fallo su Grandi) a causa di un intervento scomposto su Reginaldo. Il Rimini,
già in difficoltà, ora si trova anche in inferiorità numerica.

Al 34′ seconda rete del match, firmata da Ceccarelli. Un vero eurogol: il giocatore prende palla sulla
destra e si accentra lasciando partire un tiro dai trenta metri che si insacca nell’angolino alla sinistra di
Scotti.
La strada verso la vittoria ormai è tutta in discesa. Il Rimini fatica, mentre il Monza continua a macinare
gioco. Non è un caso che al 45′ Reginaldo servito da Ceccarelli lasci partire un tiro che s’infrange sulla
traversa. Niente gol e, subito dopo, squadre negli spogliatoi.
Nella ripresa, nonostante le tante sostituzioni, la musica cambia di poco. I conti li chiude Brighenti al 18′
che, servito dal solito Ceccarelli, segna di testa la terza rete.
In sala stampa il mister ospite, Mario Petrone, non cerca scuse: «Abbiamo approcciato male la partita –
afferma – Ora dobbiamo trovare la concentrazione giusta per battere la Sambenedettese sabato prossimo
in casa, perché è tra le mura amiche che ci giocheremo la salvezza. Complimenti al Monza e un grosso in
bocca al lupo per la Serie B».
Soddisfatto, naturalmente, mister Brocchi: «Abbiamo fatto una partita importante – dichiara – Ma quando
loro sono rimasti in dieci abbiamo commesso ancora qualche sbavatura che, contro avversari di altro tipo,
avrebbe potuto costarci cara. Comunque, ribadisco che qui stiamo facendo qualcosa di importante, anche
se qualcuno non la pensa ancora così. Personalmente so da quando sono arrivato che la società vuole la B:
il nostro mercato di gennaio è stato straordinario, ma i giocatori non bastano, per rodare i meccanismi
infatti ci vogliono mesi di lavoro che noi, contrariamente agli avversari, non abbiamo avuto. In ogni caso
sono contento di essere ora quinto in classifica e, contemporaneamente, in finale di Coppa Italia. A
proposito, sabato a Bergamo, contro l’Albinoleffe, faremo senz’altro un po’ di turnover in vista della finale
contro la Viterbese».
La vittoria contro il Rimini ha riacceso la luce, ora il futuro è tutto nelle mani dei ragazzi di mister
Brocchi che, comunque vada, stanno scrivendo una bella e ricca pagina di storia biancorossa.

Giovanni Falco

Il tabellino
MONZA: Guarna; Lepore (32′ st De Santis), Marconi, Negro, Anastasio (22′ st Tentardini); Armellino
(25′ st Lora), Galli, Palazzi; Ceccarelli (22′ st Chiricò), Brighenti (32′ st Marchi), Reginaldo. (A disp.
Sommariva, Fossati, Tomaselli, Bearzotti, Adorni, Di Paola). All. Brocchi
RIMINI: Scotti; Bandini (19′ st Guiebre), Ferrani, Marchetti, Petti (20’st Brighi); Kalombo, Montanari,
Alimi, Candido (1′ st Palma); Volpe (39′ st Buonaventura), Piccioni (1′ st Badjie). (A disp. G. Nava,
Cicarevic, Arlotti, Viti, Osayande). All. Petrone
Arbitro sig. Guida di Salerno, assistenti Parrella e Mansi
Marcatori: 9′ Marconi (M), 34′ Ceccarelli (M), 17′ st Brighenti

Espulso: 25′ pt Alimi
Ammoniti: Alimi e Volpe ®; Anastasio (M)
Note: corner 8 a 1 per il Monza. Spettatori 2.118 per un incasso di 9.300,00 euro.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate il 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi

Striscia la Notizia, Tapiro dʼoro a Morgan dopo il pignoramento dell’abitazione

Morgan riceve il Tapiro d'oro da Valerio Staffelli. Il Tribunale di Monza ha pignorato la sua abitazione e messo all’asta l’immobile. Il cantante rivela che dovrà lasciare la casa entro il 30 aprile. 

Dove grigliare in Brianza? Ecco alcuni luoghi dove andare!

Aree attrezzate per picnic e barbecue in Brianza e dintorni. Ecco dove grigliare con l'arrivo della bella stagione.

Pasqua e Pasquetta in Brianza: ecco cosa fare

Ecco qualche idea per trascorrere i giorni che accompagneranno la Pasqua con iniziative per tutti i gusti.

Monza, al posto del vecchio Maestoso nascerà un mercato al chiuso

Lavori in corso nel cantiere dove sorgeva la sala cinematografica. La conclusione è prevista entro il prossimo autunno

I genitori di Gabriele, 25enne deceduto al lavoro: “Non si può morire così!”

In occasione del presidio unitario indetto da CGIL, CISL e UIL Massimo ed Ester, raccontano il giorno in cui sul lavoro è morto loro figlio