22 Maggio 2019 Segnala una notizia
Omicidio La Rosa: chiesto ergastolo per la madre e il figlio

Omicidio La Rosa: chiesto ergastolo per la madre e il figlio

9 Aprile 2019

Ergastolo per Raffaele Rullo e la madre Antonietta Biancaniello, accusati di aver ucciso l’ex calciatore del Brugherio calcio, Andrea La Rosa, scomparso il 14 novembre 2017, la cui salma fu ritrovata cadavere in un fusto di combustibile nascosto nel bagagliaio dell’auto della donna, fermata sulla Milano-Meda un mese dopo. È quanto hanno chiesto stamane il procuratore aggiunto di Milano Eugenio Fusco e il pm Maura Ripamonti. Madre e figlio sono anche imputati per il tentato omicidio della moglie dello stesso Rullo.
I due, secondo le indagini, avrebbero premeditato il delitto. Quando Biancaniello è stata intercettata dai carabinieri sulla Milano-Meda con nel bagagliaio il bidone contenente il corpo di La Rosa, “con freddezza” ha dichiarato contenesse gasolio.  Madre e figlio, secondo gli inquirenti, si apprestavano a sciogliere il cadavere dell’ex calciatore usando 24 flaconi di acido, sequestrati dai militari in un garage di Seveso, usato da Rullo, facendolo prima a pezzi con una motosega. Le indagini dei carabineri erano partite immediatamente dopo la scomparsa di La Rosa. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, dopo essersi incontrati in un Mac Donald’s di viale Certosa La Rosa e Rullo,  l’ex calciatore era arrivato con ottomila euro nei calzini da prestare all’amico, al quale aveva già prestato 30mila euro, mai restituiti. I due avrebbero dovuto incontrarsi nel pomeriggio a Brugherio, ma Rullo aveva posticipato l’appuntamento dicendo all’amico di volergli presentare sua madre e parlargli di una presunta relazione tra la sua fidanzata e il suo ex, convincendolo poi a seguirlo a Quartoggiaro a casa di Biancaniello. Lì il delitto.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Monza, trans sfonda il cranio di un “collega” con il tacco della sua scarpa

In manette un transessuale brasiliano di 42 anni, che dopo il tentato omicidio si è tradito inviando un messaggio vocale a un amico

Tamponamento a quattro sulla Milano-Meda: Suv finisce sopra un’auto

Nessuno dei conducenti è rimasto ferito in maniera grave, mentre gravi sono le ripercussioni sul traffico

Freddo di primavera. Asili al freddo e bambini malati. Condomini al gelo

Scuole di Vimercate al gelo, condomini a Monza e Lissone con temperature ben al di sotto dei 20 gradi. Molte le persone che si sono mobilitate. Negli istituti per l'infanzia sono stati riaccesi i caloriferi, diverso lo scenario nei condomini.

Da Monza e da Seregno la solidarietà alla professoressa sospesa

La prof.ssa Rosa Maria Dell'Aria è stata sospesa per "omissione di vigilanza" sui suoi studenti. Molti studenti e docenti brianzoli non sono d'accordo. Il racconto dallo Zucchi di Monza e dal Parini di Seregno.

Monza, 22enne morto sulla SS36: investitore positivo all’alcool test

Si tratta di un seregnese di 35 anni, accusato di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza