15 Luglio 2020 Segnala una notizia
Monza, via libera al primo oratorio romeno-ortodosso: sarà vicino alla chiesa di San Gregorio

Monza, via libera al primo oratorio romeno-ortodosso: sarà vicino alla chiesa di San Gregorio

2 Aprile 2019

Sta per nascere il primo oratorio romeno-ortodosso di Monza. La giunta di centro destra guidata da Dario Allevi ha dato via libera con una delibera dello scorso 26 marzo alla realizzazione di un nuovo spazio sull’area dell’antica chiesa di San Gregorio di via Guarenti, che da oltre 20 anni è gestita e vissuta dalla comunità ortodosso – romena di Monza, altresì protagonista della rinascita della piccola cappella situata proprio accanto al vecchio stadio Sada.

La piccola chiesa di San Gregorio è una delle più suggestive della città. Venne realizzata alla fine del Seicento su di un area chiamata “il foppone”, utilizzata prima come lazzaretto e poi per seppellire i morti di peste. Proprio di fronte alla chiesa, nel 1810 venne realizzato il nuovo cimitero cittadino, soppresso poco più di mezzo secolo dopo quando l’amministrazione decise di spostarlo in periferia, in fondo a via Ugo Foscolo. Al posto del campo santo venne realizzato il campo da calcio utilizzato dalla società biancorossa fino alla fine degli anni Settanta. Più o meno in quel periodo inizia anche il progressivo abbandono della chiesa che col passare degli anni diventa prima vittima del degrado e poi di sbandati, vandali e tossici.

La svolta arriva nel 2003, quando la comunità romeno-ortodossa locale guidata da padre Nacu Pompiliu, sacerdote della parrocchia “Tutti i santi” di Milano Nord e Monza, ottiene dalla parrocchia di San Carlo, proprietaria dell’edificio, il permesso per celebrare le loro funzioni religiose. Un po’ alla volta la chiesa rinasce. La comunità riqualifica la struttura, tinteggia le pareti, sistema la canonica, rinforza la cancellata e sistema anche il vasto giardino circostante di proprietà del Comune.

La loro, insomma, diventa una presenza fissa e nel 2012 la parrocchia di San Carlo ha anche deciso di ufficializzare la presenza della comunità romena, che oramai a Monza conta oltre 2 mila unità, con tanto di rogito notarle che sancisce il trasferimento della proprietà della superficie per i prossimi 30 anni. La partecipazione alle funzioni è sempre molto numerosa, ma è in occasione della Pasqua ortodossa che i fedeli arrivano ad essere alcune migliaia, molti dei quali bambini.

Così, alcuni funzionari dell’amministrazione comunale, vicini alla comunità romena, hanno deciso di aprire un canale di dialogo fra padre Pompiliu e il sindaco Allevi. Obiettivo: realizzare un oratorio con materiali prefabbricati dove allestire spazi per la società e la formazione dei più piccoli. “Per il momento si tratta di un assenso di massima – spiega il vice sindaco, Simone Villa -, ma posso garantire che non ci saranno problemi. L’approvazione del progetto è il giusto riconoscimento a una comunità che ha saputo integrarsi alla perfezione e che nel tempo ha dato prova di grande affidabilità”.

Sotto il profilo urbanistico, il Piano di governo del territorio prevede per il terreno in questione una destinazione a culto religioso e in Comune è già stato presentato un progetto preliminare del costo di circa 100 mila euro, somma raccolta grazie alla generosità dei fedeli. “La giunta ha dimostrato grande disponibilità – conclude padre Pompiliu -. Stiamo aspettando che vengano ultimati i permessi e non appena saranno pronti partiremo col cantiere. L’oratorio avrà spazi per socializzare, ma soprattutto per la catechesi: il numero di bambini in questi ultimi anni è aumentato notevolmente”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Rottamazione ed ecobonus, come usare gli incentivi del Decreto rilancio

Esistono portali web che forniscono tutte le informazioni necessarie sui nuovi contributi auto, come Rottamazione 2020.

Lombardia, Fontana ha firmato nuova ordinanza: mascherina comunque sempre con sé

Dal 15 luglio, in Lombardia, obbligo di mascherine all’aperto solo nei casi in cui non sia possibile garantire il distanziamento sociale.

Meda piange la 18°vittima. Santambrogio: “Notizia terribile, manteniamo alta la guardia”

Il comune brianzolo, sul fronte dell'emergenza sanitaria, da tempo era caratterizzato da buone notizie e sensazioni

Monza, bufera tra associazioni e l’assessore alla Cultura. Longo: “Preferisco non commentare”

Non si arrestano le polemiche attorno alla frase che l'assessore alla Cultura, Massimiliano Longo, avrebbe pronunciato in occasione di un incontro con le associazioni monzesi.

Monza, incendio nella notte: fiamme nell’area ex Scotti

Intervento dei Vigili del Fuoco nella notte, a Monza per un incendio divampato a Villa Azzurra, situata nell’area ex Scotti, sul viale Cesare Battisti. Nessun ferito.