21 Novembre 2019 Segnala una notizia
Il Politecnico di Milano studia la Cascina San Fedele

Il Politecnico di Milano studia la Cascina San Fedele

1 Aprile 2019

Cascina San Fedele sotto la lente di ingrandimento del Politecnico di Milano. Venerdì scorso (22 marzo) gli studenti del “Laboratorio di Restauro” (“Architectural Preservation Studio”) della Facoltà di Architettura e Società hanno iniziato le analisi sulla Cascina all’interno del Parco di Monza.

Il laboratorio

Gli studenti, una trentina provenienti da tutto il mondo, dalla Cina e dalla Polonia, dalla Serbia e dall’India, dal Ghana e dalla Georgia, oltre che naturalmente dall’Italia, stanno conducendo rilievi geometrici e fotografici per studiare le caratteristiche dei materiali e della struttura dell’edificio, nonché il livello di degrado e dissesto.

L’obiettivo è insegnare agli studenti le metodologie preliminari alla stesura di progetti di conservazione degli edifici storici, attraverso l’analisi di dati e informazioni raccolti sul posto, e definire strategie e ipotesi di intervento per il riuso compatibili con le caratteristiche dell’edificio. I rilievi proseguiranno venerdì 3 e venerdì 10 maggio.

Un patrimonio informativo prezioso

“Ho incontrato un gruppo di studenti preparati e appassionati – racconta l’Assessore all’Istruzione Pier Franco Maffé – Ragazze e ragazzi provenienti da diversi Paesi, da Stati europei o dall’estremo Oriente, entusiasti di trovarsi a contatto con la storia e la cultura italiana. Per la sua posizione e per il ricco apparato decorativo Cascina San Fedele è uno dei luoghi più affascinanti del Parco di Monza. Ma non ha solo un valore storico e architettonico. È, infatti, anche uno spazio pubblico che ospita colonie estive e attività didattiche. Il lavoro degli studenti del Politecnico ci darà informazioni preziose sull’edificio che potremo utilizzare nel caso di futuri interventi“.

Il gotico secondo Canonica

Cascina San Fedele sorge su un’altura naturale che permette di spaziare su un vasto panorama verso Villa Mirabello, con il viale dei carpini e l’area dell’ex ippodromo. L’edificio, ispirato alla moda del Gothic Revival, fu progettato nel 1809 da Luigi Canonica, “archistar” della Corte napoleonica, in posizione idealmente contrapposta alla torre neogotica dei Giardini Reali, progettata dallo stesso architetto.

Il prospetto principale, arricchito da bifore con cornici marmoree e colonne tortili, fu realizzato utilizzando alcuni reperti provenienti dalla Chiesa di Santa Maria di Brera, chiusa al culto nel 1808 per volere di Napoleone e destinata a divenire il primo nucleo della nascente Pinacoteca di Brera.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Monza, grave perdita d’acqua in centro: traffico deviato e disagi

Alle h 7.00 di oggi, 21 novembre si è verificata una grave perdita d'acqua che fuoriesce dal manto stradale in via Visconti altezza di via Cernuschi, in centro a Monza.

Pop Up Restaurant: a Monza apre il primo Temporary Week Restaurant d’Italia

L’inaugurazione avverrà nel weekend del 23 e 24 novembre in Via Appiani 20.

Monza e Brianza che fare questo weekend? Ecco gli eventi scelti per Voi!

Feste, spettacoli teatrali, concerti, mostre...ecco la nostra selezione di eventi!

Monza, zona Boscherona: ma cosa sta succedendo ai cartelli stradali?

Nel quartiere a nord della città i cittadini denunciano numerosi casi di segnali manomessi, obsoleti e danneggiati. E chiedono un intervento più efficace dei tecnici del Comune.