17 Aprile 2021 Segnala una notizia
Monza, libri in corsia: proposto il progetto di una biblioteca in ospedale

Monza, libri in corsia: proposto il progetto di una biblioteca in ospedale

3 Aprile 2019

Arrivare da lontano per trovare un parente o un amico ricoverato all’ospedale può essere molto impegnativo, soprattutto se si è costretti a fermarsi per alcuni giorni. Fra i servizi di cui i parenti dei malati ricoverati all’ospedale di San Gerardo di Monza potrebbero godere fra non molto compare anche una biblioteca dedicata interamente a loro.

Il progetto è stato lanciato all’associazione Amici della Biblioteca e dal consigliere comunale del Pd, Francesca Pontani.

In passato se ne era già parlato. D’altro canto, la possibilità di offrire uno spazio ai parenti dei malati, o anche ai malati stessi, dove poter scegliere un libro o leggere qualche pagina in tranquillità è un servizio al quale l’amministrazione ha già pensato. Non a caso, erano stati anche trovati gli spazi, un centinaio di metri quadrati a Villa Serena. Tuttavia, l’operazione è stata abbandonata perché avrebbe penalizzato le associazioni di volontariato presenti all’interno della struttura. In ogni caso, l’assessore ai Servizi bibliotecari, Pierfranco Maffé, sembra intenzionato a condurre in porto il progetto.

A breve dovrebbe esserci un contatto fra l’amministrazione comunale e la direzione del nosocomio. L’idea per risolvere il nodo della location potrebbe essere quella di utilizzare parte degli spazi della Fondazione per il bambino e la mamma.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi