Ambiente

Legambiente, il 4 maggio un’escursione gratuita alla scoperta del fiume Lambro

I partecipanti scopriranno la zona della Cascinazza tra essenze autoctone e aree boscate dove vivono gli animali selvatici

parco-fiume-lambro

Il circolo Alexander Langer di Monza organizza, per sabato 4 maggio, un’escursione sulla sponda del fiume Lambro nell’area Cascinazza, per conoscere da vicino un intervento di rinaturazione svoltosi anni fa all’interno del parco sovraccomunale. L’iniziativa ha il titolo di “Due passi lungo il Lambro sconosciuto” perché, nonostante la zona sia molto vicina al centro, sono in molti a non conoscerla.

L’area è stata piantumata ormai 20 anni fa, con il contributo dei ragazzi della scuola Buonarroti e degli allievi della Scuola Agraria del Parco di Monza, su iniziativa del circolo Legambiente di Monza. Durante l’escursione si potrà notare come un argine che era diventato brullo dopo essere stato sottoposto a un trattamento di consolidamento delle sponde, è rinato ed è stato “rinaturalizzato” con la piantumazione di oltre 100 essenze autoctone, che ora, 20 anni dopo, sono belle e rigogliose. Un’utile area boscata in cui gli animali selvatici possono nascondersi, cibarsi e riprodursi in tutta tranquillità.

Ricordiamo che quest’area è entrata ufficialmente nel nuovo Parco della Media Valle del Lambro. Si tratta di oltre 6,5milioni di metri quadri di territorio sottratti alla speculazione edilizia, di cui molti da recuperare (come la roggia Lupa, di cui Legambiente peraltro si prende cura periodicamente con pulizie e piantumazioni). Tutta l’area è inserita nel corridoio ecologico del fiume Lambro.

Tutto il territorio lungo il fiume è stato studiato, grazie al Progetto CONNUBI finanziato dalla Fondazione Cariplo, per definirne le qualità e valutarne il possibile recupero naturalistico.

RITROVO

L’appuntamento è alle ore 10,00 in via Ghilini, angolo via Timavo, a Monza

Si raccomanda un abbigliamento adatto. Tutti saranno coperti da assicurazione. L’iniziativa è gratuita. E’ gradita la prenotazione via e-mail. In caso di maltempo l’iniziativa sarà annullata. Per informazioni contattare il responsabile del progetto alla mail: Atos Scandellari atos.scandellari@tiscali.it