03 Giugno 2020 Segnala una notizia
Chiusa in casa, picchiata e minacciata per due anni dopo un aborto spontaneo

Chiusa in casa, picchiata e minacciata per due anni dopo un aborto spontaneo

26 Aprile 2019

L’aveva segregata in casa, impedendole di uscire da sola se non per andare al lavoro. Controllava tutti i suoi movimenti, il suo utilizzo di Internet e del telefono. E poi la picchiava, la maltrattava, fisicamente e psicologicamente, minacciava di morte lei e la sua famiglia, accusandola di tutto, anche di un aborto spontaneo avvenuto nel 2017. E proprio dal giugno di quell’anno sono iniziate le angherie della donna, terminate solo quando, agli inizi di aprile 2019, l’uomo ha tentato di soffocarla, costringendola a rifugiarsi in auto: solo allora la donna ha trovato il coraggio di chiedere aiuto.

Mercoledì 24 aprile, così, i Carabinieri della Stazione di Bernareggio hanno dato esecuzione all’ordinanza di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna e di allontanamento dalla casa familiare nei confronti dell’aguzzino, un cittadino egiziano di 27 anni, residente a Bernareggio, nullafacente e incensurato. Un’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Monza, a fronte delle risultanze investigative emerse.

L’uomo, dunque, non potrà avvicinarsi alla moglie, una 43enne italiana, che in due anni ha costretto a violenze di ogni sorta. Una volta erano gli insulti, con epiteti e frasi profondamente ingiuriosi e offensivi, ma il più delle volte erano aggressioni, violenze e minacce: «Se parli ancora vengo a casa e riempio di botte te e tutta la tua famiglia del c….», «Quando vengo ti spacco la faccia», «Te lo giuro sulla mia famiglia quando vengo a casa ti riempio di botte», «Tanto io non ho un c…. da perdere, in carcere ci vado volentieri, per una m…. come te ci vado».

A febbraio, dopo un litigio sorto per via di una chat intrattenuta dall’indagato con un’altra donna e scoperta dalla moglie, il 27enne ha colpito la donna con un calcio al ginocchio e con pugni e sberle, offendendola pesantemente. Non era servito chiedere la separazione. Sempre a febbraio, aveva sì firmato i documenti ma li aveva poi strappati, per poi insultarla e minacciarla, fino a colpirla al braccio con una mensola. Poi, afferrato un coltello, glielo aveva puntato alla gola: «Ti sgozzo», l’aveva minacciata.

Il culmine all’inizio di aprile, quando ha ordinato alla moglie di consegnargli il telefono e al suo rifiuto le ha cinto una mano attorno al collo, tanto da provocarle un mancamento, inducendola a rifugiarsi in auto. È stato allora che la 43enne, tra le urla furibonde del marito, «me la paghi, ti ammazzo», ha richiesto l’intervento dei Carabinieri, che giunti sul posto l’hanno trovata chiusa in macchina. Soccorsa, ha trovato la forza di raccontare quanto accaduto e poi di denunciare due anni di terribili violenze.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Eleonora D'Errico
Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.


Articoli più letti di oggi

Insospettabile mobiliere di giorno, violentatore di notte: 39enne in manette

E' finito in carcere un uomo di 39 anni, che di giorno era un'insospettabile mobiliere, mentre di notte si trasformava in uno stupratore. Cinque gli episodi contestati in giro per la Brianza.

San Gerardo, ambulatorio post Covid-19: “300 pazienti nei prossimi 3 mesi”

Apre al San Gerardo un ambulatorio innovativo, dedicato allo studio e alla gestione post Covid-19 dei pazienti. Il coordinatore, prof. Paolo Bonfanti: "Visiteremo 300 pazienti in 3 mesi".

Ondata di maltempo in Brianza, pioggia e grandine. Temperature in calo

Un'ondata di maltempo si sta scatenando in queste ore in Brianza. Pioggia, grandine, raffiche di vento e un brusco calo delle temperature caratterizzano il meteo brianzolo. 

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 1° giugno

Nella regione Lombardia i casi positivi registrati al 1° giugno sono 89.018 dall’inizio dell’epidemia. I nuovi casi positivi sono 50 (1,4% rapporto con i tamponi giornalieri).

Monza e Brianza, i positivi totali sono 5.521. Ecco l’aggiornamento fornito dai sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza i positivi totali sono 5.521 (+3).