24 Maggio 2019 Segnala una notizia
Associazione Diritti Insieme, un 5x1000 per l’accoglienza e l’integrazione

Associazione Diritti Insieme, un 5×1000 per l’accoglienza e l’integrazione

19 Aprile 2019

Oggi costruire ponti e non muri sembra un gesto fuori moda. Dai porti chiusi alle barriere costruite in giro per il mondo per difendersi da pericoli esterni più o meno reali, la politica internazionale e l’opinione pubblica sembrano andare sempre di più verso la strada dell’esclusione e dell’autarchia sociale.

Eppure, come affermava il sociologo polacco Zygmunt Bauman nel suo saggio “Stranieri alle porte”, l’umanità e il Pianeta su cui abitiamo sono unici. E non ha senso fare battaglie in nome di differenze fondamentalmente di parte. Un concetto applicabile anche, soprattutto nella nostra epoca, al fenomeno dell’emigrazione. Che, come sottolinea lo stesso Bauman, è sempre esistita perché risponde all’esigenza imprescindibile dell’uomo di trovare condizioni migliori di vita e fuggire da guerre e persecuzioni.

Per tutti questi motivi, nonostante chi respinge gli altri e punta sui distinguo, ci sono ancora persone/associazioni che si dedicano all’accoglienza e all’integrazione. A Monza e in Brianza, tra coloro che non chiudono le porte allo straniero c’è l’Associazione Diritti Insieme. Che dal 2012 promuove la tutela dei diritti delle persone senza distinzioni e contro ogni forma di discriminazione, attraverso la solidarietà, l’accoglienza e la convivenza pacifica.

Associazione Diritti Insieme

“La prima schiavitù è la frontiera. Chi dice frontiera, dice fasciatura. Cancellate la frontiera, levate il doganiere, togliete il soldato, in altre parole siate liberi. La pace seguirà”. Victor Hugo.

Публикувахте от Diritti Insieme в Четвъртък, 8 ноември 2018 г.

Nata dall’esperienza dell’Ufficio immigrazione della Cgil di Monza e Brianza, l’associazione ha come primo obiettivo la creazione di percorsi di inclusione tra i cittadini stranieri e le comunità ospitanti, attraverso iniziative territoriali e servizi di supporto scolastico. Nel corso degli anni, le finalità e gli ambiti di intervento si sono estesi per far fronte alle mutate esigenze dei cittadini con back-ground migratorio. Una varietà e una complessità di tematiche da affrontare che hanno bisogno di un sostegno esterno. Perché anche chi offre aiuto ha bisogno di risorse, soprattutto in questi tempi nei quali la spesa sociale è ai minimi storici.

Così “Diritti Insieme” ha avviato, una nuova campagna di sensibilizzazione sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione legata al 5×1000 (Campagna comunicazione). Che permette di destinare una quota dell’Irpef ad enti, associazioni, onlus che si dedicano ad attività di interesse sociale.

L’iniziativa è progettata e realizzata da sei giovani, quattro ragazze e due ragazzi tra i 18 e i 26 anni, volontari del Servizio Civile all’interno di “Diritti Insieme”. “Con il 5×1000 potremo comprare il materiale scolastico per i corsi di lingua italiana destinati a cittadini stranieri e  potenziare il servizio di assistenza nella gestione delle pratiche complesse connesse all’ottenimento e mantenimento dei titoli di soggiorno” spiega Maria Grazia Magro, presidente dell’associazione legata alla Cgil Monza e Brianza.

“Inoltre sarà possibile anche progettare iniziative culturali, di integrazione culturale e sociale – continua -come il progetto di Comunità della Salute (in collaborazione con CVS Sovico, Caritas, Auser e altri) e il progetto al Villaggio SNIA a Cesano Maderno”.

“Poi potremo finanziare progetti formativi come le attività di doposcuola e di supporto allo studio – prosegue – e continuare a organizzare i corsi di facilitazione linguistica per lo studio del manuale di patente B”. In questi anni l’attività di “Diritti insieme” ha riguardato i problemi dei migranti ad ampio raggio.

“Il primo grande progetto realizzato è stata la scuola di italiano per stranieri, possibile grazie all’adesione di molti volontari che hanno dedicato tempo ed energie e hanno permesso agli studenti di raggiungere una conoscenza solida della lingua anche in vista dell’ottenimento della certificazione linguistica richiesta da alcuni tipi di permesso” ricorda Magro.

A volte anche la legge indirizza positivamente il corso degli eventi. “L’obbligatorietà dell’esame d’italiano, paradossalmente, è stata per certi versi un bene – spiega Luciana Spagnoli, ex presidente dell’associazione e oggi volontaria nella sede di Cesano Maderno – ha fatto sì che le donne uscissero da casa, per iniziare a frequentare i nostri corsi d’Italiano. Senza quella forzatura non sarebbero mai venute a scuola”. A volte, le grandi conquiste partono da piccoli gesti ed azioni quotidiane.

DONA IL TUO 5×1000
CODICE FISCALE: 94622510157

DOVE TROVARCI:

Via Premuda, 17 – 20900 Monza

e-mail: dirittiinsieme@virglio.it

Tel: 039 2731271

Account Instagram: @dirittiinsieme

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Sparatoria a Varedo: ferito un 34enne trasportato al Niguarda

Colpi di pistola a Varedo: ferito un 34enne. E’ accaduto questa mattina, giovedì 22 maggio, nel piazzale della stazione.

Brianza, truffe ‘a domicilio’: attenti a quei finti Carabinieri

Nuova allerta in Brianza: falsi Carabinieri e tecnici dell'acqua si introducono negli appartamenti con delle scuse, per poi spruzzare spray urticanti e derubare i malcapitati. Le testimonianze.

Meda, avevano in casa una bomba e la usavano come schiaccianoci

L'ordigno della Seconda Guerra Mondiale era a casa di una coppia di ignari anziani. È stato recuperato e fatto brillare

Anas, dal 27 maggio chiusa la SS36 per il varo del ponte di Annone Brianza

La strada verrà riaperta alle 6 di giovedì 30 maggio. La viabilità deviata sulla rete locale

Brugherio, nel box nascondeva due Toyota C-HR rubate: 35enne nei guai

Le due macchine erano state rubate a Brugherio il 14 e il 15 maggio. L'uomo è stato deferito a piede libero per ricettazione