07 Agosto 2020 Segnala una notizia
Special Olympics, "Lissone applaude i suoi atleti mondiali"

Special Olympics, “Lissone applaude i suoi atleti mondiali”

25 Marzo 2019

“Lissone applaude i suoi atleti mondiali”. Sfondo azzurro e bordo tricolori: con 80 manifesti affissi su tutto il territorio comunale, la Città di Lissone accoglierà i tre lissonesi che hanno partecipato ai Campionati Mondiali Special Olympics di Abu Dhabi 2019, protagonisti di una straordinaria avventura di sport inclusivo culminata con la conquista di tantissime medaglie.

Nomi, volti e immagini di Marco Cerulo (ginnastica), dell’atleta partner Giorgia Parma (pallacanestro unificata) e del tecnico Moreno Gualtieri (bocce) saranno i protagonisti di una campagna di comunicazione che precederà nel mese di aprile un riconoscimento ufficiale da parte dell’Amministrazione Comunale ai tre atleti mondiali, portacolori della bandiera italiana nella manifestazione Special Olympics.
Marco, Giorgia e Moreno sono i nostri atleti mondiali, un orgoglio di cui la Città di Lissone va giustamente fiera – commenta Concettina Monguzzi, sindaco di Lissone – per questo motivo, abbiamo voluto celebrare i loro Mondiali con manifesti affissi in tutta la città. È un modo per far conoscere lo sport inclusivo, i valori che incarna e il senso della partecipazione prima ancora che della vittoria”.

Nei mesi scorsi, l’Amministrazione Comunale aveva scelto di aderire all’iniziativa «Adotta un campione», promossa dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Special Olympics Italia Onlus, destinando un contributo di 4.500 euro per sostenere la partecipazione degli atleti lissonesi ai Campionati Mondiali di Abu Dhabi 2019.
“La Città di Lissone omaggia tre sportivi che con passione, sacrificio e perseveranza hanno conquistato un traguardo straordinario – aggiunge Renzo Perego, assessore allo Sport – con questa campagna di comunicazione, lo sport inclusivo si avvicina alla popolazione, si fa conoscere e si racconta attraverso volti e nomi. A Marco, Giorgia e Moreno, vogliamo consegnare un riconoscimento a nome di tutta la cittadinanza. Accadrà ad inizio aprile, nel corso di una cerimonia istituzionale che ospiteremo in Comune: da loro vogliamo sapere emozioni, aneddoti e curiosità che hanno vissuto in questa splendida avventura”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Monza, la storia di Francesco Cingi, barista dell’Auchan in cammino sulla via Francigena

Ceetrus, la società che gestisce la galleria commerciale, ha ricomprato gli scarponi rubati al monzese. Il Direttore Corrado Stivanin: "Vogliamo sostenerlo in questo suo percorso diventando una sorta di assicurazione contro eventuali disagi o momenti di difficoltà che potrà trovare lungo il cammino".

Lombardia, nessun decesso. In Brianza 7 nuovi contagi

Nessun decesso, due persone uscite dalla terapia intensiva, nessun contagio a Cremona e 152 guariti e dimessi in più. Questi i principali dati di venerdì 7 agosto.

Monopattini a Monza, sventato il primo tentativo di furto. La ditta sporge denuncia

Tentativo di furto sventato dall'Arma dei Carabinieri di Monza a danno della nuova flotta di monopattini della Dott, primo operatore a offrire l’innovativo servizio di sharing nella città di Teodolinda.

Brugherio, una roulotte e un camion avvolti dalle fiamme. Vigili del fuoco in azione

Ieri alle ore 20.45, le squadre del Comando dei Vigili del fuoco di Monza e Brianza sono intervenute nel Comune di Brugherio, in via Quarto, per l'incendio di un camper ed un camion.

Anziana morta, svolta nelle indagini. Il marito confessa: “L’ho strangolata”

Le motivazione del gesto sono ancora da approfondire ma non si esclude l’impeto di ira in un contesto familiare drammatico delineato da tanta sofferenza.