18 Settembre 2019 Segnala una notizia
San Gerardo: nuovi percorsi di presa in carico per epatite C e tumori gastro-enterici

San Gerardo: nuovi percorsi di presa in carico per epatite C e tumori gastro-enterici

18 Marzo 2019

Nuovi interessanti prospettive per l’immediato futuro si aprono per i pazienti affetti da epatite C e forme neoplastiche gastro enteriche. Si tratta di due modelli di assistenza integrata che prevedono la costruzione di un rapporto di correlazione e compartecipazione tra medici ospedalieri e quelli di medicina generale, nella cura e nella gestione del paziente, dalla diagnosi, all’eventuale ricovero con o senza intervento, sino al follow up post degenza. Entrambi i modelli, sviluppati dai professionisti della ASST di Monza, puntano a un’integrazione sempre più solida tra ospedale e territorio.

Modello di presa in carico del paziente unico al mondo

L’obiettivo di entrambi i modelli di presa in carico è quello di ‘fare rete con i Medici di medicina generale’.

‘Con questo progetto che l’Ordine dei Medici di Monza e Brianza sposa in pieno, si realizza l’effettiva presa in carico del paziente con queste problematiche croniche specifiche – spiega il presidente OMCeO MB, Carlo Maria Teruzzi – così come ben declinato dalla riforma sanitaria di Regione Lombardia. E questo grazie alla collaborazione per la reale integrazione tra le cure specialistiche e le cure territoriali’.

‘Un altro aspetto importante da sottolineare è che la regione Lombardia, grazie a questo nuovo sistema, passa di fatto dall’offrire una prestazione alla presa in carico globale del paziente. Nel resto del mondo al momento non esiste un modello simile al nostro. Non solo, la provincia di Monza e Brianza è la prima della regione Lombardia per numero di soggetti cronici presi in carico’.

‘Si tratta di eccellenti esempi di realizzazione di percorsi dedicati ai nostri pazienti – sottolinea il direttore generale dell’ASST di Monza, Mario Alparone – che danno attuazione alla strategia di coniugare l’eccellenza clinica al territorio, grazie alla collaborazione con i medici di Medicina Generale’.

‘E per agevolare questi percorsi di presa in carico dei pazienti – ha aggiunto il direttore generale – stiamo agendo su due fronti: da un lato aumentando la disponibilità delle prestazioni che l’ASST di Monza metterà a disposizione delle cooperative, dall’altro puntando alla condivisione dei contenuti clinici dei piani assistenziali individualizzati con i medici di Medicina Generale’.

Modello per pazienti affetti da Epatite C

‘Partendo da un quadro generale dello stato di cura dell’Epatite C, possiamo dire che dal 2014 abbiamo a disposizione nuovi farmaci rispetto a quelli del passato – spiega il Prof. Pietro Invernizzi – che hanno un’efficacia nel 99% dei casi. Si assumono per bocca e sono praticamente privi di effetti collaterali. L’ASST del San Gerardo si occupa della patologia da molti anni e ora ha preso parte al programma internazionale di eradicazione totale dell’infezione. In questo scenario, il nuovo modello di presa in carico dei pazienti affetti da Epatite C si pone l’obiettivo di portare alla luce la totalità dei casi sommersi. A tal proposito da diversi mesi abbiamo attivato un sistema che permette ai medici di Medicina Generale di inviare in ospedale tutti quei malati che per varie ragioni non sono ancora entrati in contatto con una struttura specializzata. Il percorso prevede che il medico di Base prescriva al paziente esami ematici e strumentali, e poi tramite canali preferenziali, ci invii la persona da trattare. La nuova organizzazione consentirà di evitare visite inutili e di conseguenza ridurrà i tempi d’attesa. Non solo il vantaggio sarà duplice: da un lato i medici potranno lavorare al meglio, dall’altro i pazienti potranno ottenere il corretto supporto, in tempi ragionevoli’.

Modello per pazienti affetti da cancro gastro enterico

 

Al centro del nostro progetto, che si incentra sulle neoplasie gastro enteriche, c’è il paziente. Gli obiettivi principali – spiega il Prof. Braga – sono fondamentalmente due: la presa in carico diretta del malato e il completamento diagnostico in tempi rapidi. Solitamente si tratta di percorsi lunghi soprattutto se il paziente deve organizzarsi autonomamente. Vorremmo anche risolvere quella dicotomia spesso presente tra medico ospedaliero e medico di famiglia che fa soffrire il paziente, aumentando la sinergia tra queste due figure. In futuro vorremmo estendere questo modello anche ai pazienti affetti da altre forme tumorali’.

In entrambi i percorsi di presa in carico è prevista l’istituzione di numeri telefonici e di caselle di mail ‘dedicate’ per fornire risposte immediate, migliorando così la comunicazione tra medici di Medicina Generale e ospedale, e accorciando di fatto i tempi che contribuiscono ad aumentare il grosso stress emotivo dei pazienti.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

Scoperta officina abusiva: all’interno auto usate da rapinatori e spacciatori

i “titolari”, padre e figlio, sono stati denunciati, mentre per altre tre persone è stato proposto di foglio di via. Arrestato un quinto uomo

Il Calcio Monza schiacciasassi, ma tra buche e code alla biglietteria

La squadra è una potenza, ma per i tifosi non è così facile accedere allo stadio: tre i maggiori problemi che abbiamo individuato che presto dovranno essere risolti.

Desio, 32enne precipita dall’ecomostro di via Volta: gravissima

Ancora in corso la ricostruzione di quanto accaduto, che riporta alla luce la questione relativa alla sicurezza dell'area

Monza, un anno di Ponte Colombo chiuso. A breve la gara per la demolizione

I costi previsti per la demolizione e ricostruzione della passerella sono di circa 750mila euro

Monza, scoppia la guerra del verde fra giunta municipale e giardinieri del Comune

Le aziende titolari della manutenzione lamentano servizi non pagati per 1,6 milioni, ma il vice sindaco Villa evidenzia numerosi inadempimenti.