22 Aprile 2021 Segnala una notizia
Novità sul riscatto della laurea, Cgil MB: “Un provvedimento a carico dei giovani”

Novità sul riscatto della laurea, Cgil MB: “Un provvedimento a carico dei giovani”

22 Marzo 2019

Chi oggi è nella fascia tra i 30 e i 40 anni d’età ormai lo afferma quasi come un modo di dire: “La pensione? Io non ci penso, chissà se e quando ci andrò”. Un tentativo di esorcizzare il futuro? Non proprio. Forse più un forte timore. Che rischia seriamente di diventare presto una certezza. Basti pensare che in Italia, seconda al mondo dietro al Giappone come età media della popolazione, il peso del sistema pensionistico sulle casse dello Stato è destinato ad incrementarsi nei prossimi decenni.

Ecco perché, a livello governativo, si stanno cercando sin da ora possibili soluzioni o, almeno, facilitazioni per rendere meno amara la pillola da ingerire. E, così, mentre, riguardo al tema pensioni, i fari sono accesi soprattutto sulla famigerata quota 100 (leggi l’articolo), nel cosiddetto Decretone, ancora in discussione in Parlamento, ci sono anche il riscatto di periodi non coperti da contribuzione e quello ad un costo agevolato della laurea.

Su quest’ultimo argomento, che potrebbe accendere l’entusiasmo proprio di chi non è entrato da molto nel mercato del lavoro, negli ultimi giorni c’è stata un’importante novità rispetto alle prime disposizioni. Che riservavano la possibilità di riscattare gli anni universitari solo agli under 45 (vedi la Circolare Inps).

Ora, invece, anche chi oggi ha più di 45 anni, se le modifiche al Decretone saranno confermate in Parlamento, potranno presentare nel triennio 2019-2021 la propria domanda. E pagare “soltanto” 5.241 euro per ognuno degli anni universitari, ma anche di quelli delle specializzazioni post-laurea o del dottorato di ricerca, in cui si è studiato. Soldi da versare, se si preferisce, anche in 60 rate mensili. Quindi nel corso di 5 anni.

Come spesso capita, però, c’è un ma. Lo sconto del riscatto della laurea è riservato a chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996 e, quindi, rientra completamente nel sistema contributivo. Questo paletto, a parte i casi di chi si è iscritto tardi all’Università o ha conseguito il titolo accademico dopo molti anni di studi, esclude di fatto chi oggi ha più di 45 anni.

Il provvedimento, quindi, al di là degli effetti tutti ancora da valutare, apre più di qualche scenario di perplessità. “Si è tanto discusso della pensione di garanzia per i giovani e si approva un provvedimento il cui costo è a totale carico dei giovani contribuenti, sempre più spesso precari con laurea, dando incentivi fiscali per indorare la pillola” afferma Davide Carlo Cappelletti (nella foto in alto), Direttore Provinciale Patronato Inca Cgil Brianza .

“Mi sembra un provvedimento pensato per fare cassa, che non migliora la scarsa fiducia dei giovani rispetto alle tematiche pensionistiche – continua -crea ulteriore confusione dal punto di vista previdenziale e non coglie affatto le priorità di questa materia”.

Per il sindacato di via Premuda a Monza le domande che deve farsi chi sta valutando se riscattare gli anni universitari sono tre. “Andrò prima in pensione? Avrò un incremento della rata pensionistica se riscatto? Ho a disposizione altre forme di risparmio previdenziale? – spiega Cappelletti – è complicato valutare il reale beneficio pensionistico di un ipotetico riscatto”.

Il consiglio, insomma, allo stato attuale della questione, non può che essere di procedere con molta cautela. E aprirsi, sin da ora, altre opportunità che possano garantire un futuro pensionistico in ogni caso più sereno. “Nel sistema a ripartizione i contributi versati ogni anno dai lavoratori attivi sono utilizzati per pagare le pensioni dei lavoratori a riposo e andrebbero valutate tutte le possibilità offerte dal panorama previdenziale, come la previdenza complementare (Guida previdenza complementare) e i fondi pensione complementare previsti dal proprio CCNL” sostiene il Direttore Provinciale Patronato Inca Cgil Brianza.

“Il sistema previdenziale complementare (clicca qui) è maggiormente flessibile – continua – prevede molteplici possibilità di anticipazione, ad esempio per spese sanitarie e acquisto prima casa, di riscatto o di anticipo pensionistico con il sistema RITA – Rendita Integrativa Temporanea Anticipata”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi