22 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Monza, 27° edizione delle Giornate FAI di Primavera: 1100 siti da visitare

Monza, 27° edizione delle Giornate FAI di Primavera: 1100 siti da visitare

15 Marzo 2019

“Monza, le emozioni che non ti aspetti”. Sono queste le parole che racchiudono il senso dell’incontro avvenuto quest’oggi, venerdì 15 marzo, all’interno della sala giunta del Comune. “Un evento nazionale – ha spiegato Elena Colombo, presidente del comitato FAI Brianza – che ci porta a riscoprire e a valorizzare il nostro patrimonio storico, artistico e culturale“.

È all’interno della sala giunta del Comune che è stata presentata la 27^ edizione delle “Giornate FAI di Primavera”, una manifestazione nazionale dedicata alla riscoperta a alla valorizzazione del patrimonio storico culturale. “Quest’anno – ha dichiarato Elena Colombo – apriremo 1100 nuovi siti, sparsi in 430 diverse località di cui 4 in Brianza”. Numeri da record, insomma, resi possibili grazie al costante impegno dei volontari. Ben 100 quelli della delegazione FAI Monza. Ed in occasione del primo weekend di primavera, sabato 23 e domenica 24 marzo, risponderanno all’appello la Cappella Espiatoria a Monza, villa Zendali a Vedano al Lambro, villa Gallarati Scotti a Oreno e, a Cavenago di Brianza, Palazzo Rasini.

“Quello delle Giornate di Primavera del FAI – ha dichiarato l’assessore alla Cultura di Monza Massimiliano Longo – è un weekend diverso da tutti gli altri. E si capisce subito: centinaia di persone escono di casa alla scoperta di luoghi insoliti fuori dai circuiti turistici della propria città, facendosi trasportare da un senso di sorpresa che deriva dall’inaspettato, dal ritrovarsi ad ammirare bellezze di cui forse si ignorava l’esistenza o di cui si era solo sentito parlare”. Ecco spiegato il senso del titolo dal nome programmatico. “L’emozione che non ti aspetti”, quella, per l’appunto, di (ri)scoprire le radici della nostra storia. “Il senso di questa iniziativa – ha poi concordato Renato Meregalli, sindaco di Vedano – è far capire che le città non sono solo un insieme di strade, ma un luogo dove poter sviluppare la propria personalità tramite degli stimoli culturali“.

Conoscere il passato per conoscere se stessi. Questa l’idea che sta alla base del progetto portato avanti dal FAI. Imparare ossia, a conoscere il proprio patrimonio culturale. Quello che, nella ricca Brianza, spopola con le così dette ville di delizia.

“Monza – ha sottolineato Longo – è la città delle emozioni inaspettate, le “unexpected emotions”, secondo il concept della nuova campagna di promozione turistica che abbiamo lanciato all’inizio dell’anno.

La primavera del FAI porta emozioni inaspettate in tutti i sensi. Soprattutto per i più giovani. “Le Giornate FAI di Primavera – spiega Elena Colombo – coinvolgono ogni anno gli Apprendisti Ciceroni©, studenti delle scuole secondarie di II grado che partecipano alla conduzione delle visite culturali”.  Sono infatti 5 le scuole brianzole (Il Mosè Bianchi, l’ Olivetti e il liceo classico Dehon di Monza, il liceo scientifico Enriques di Lissone e l’Istituto M. Bassi di Seregno) per un totale di 70 studenti coinvolti nel progetto.

Quando la cultura incontra le città. Quando, dichiara il primo cittadino di Monza Dario Allevi, “con la conoscenza una comunità si riappropria di quella identità storica e culturale indispensabile per una piena partecipazione alla vita civile”.

 

 

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Quando Monza aveva il suo castello: ecco la sua storia

Fatto erigere da Galeazzo I Visconti nel XIV secolo e completamente distrutto nell'ottocento, il castello di Monza fu protagonista di numerosi eventi storici.

Carnevale Monza e Brianza: sfilate, maschere e tanti coriandoli

Tantissimi gli eventi in programma questo fine settimana e il prossimo.

Coop apre a Monza in via Marsala e assume

Al via la campagna di assunzioni per la nuova Coop a Monza. In vista dell’apertura del nuovo supermercato di via Marsala.

La Monza più bella è su Rai 1: la nostra città in onda a “Linea Verde Life”

Il prossimo sabato 22 febbraio la città di Monza sarà su Rai 1, alla trasmissione "Linea Verde Life". Al centro della puntata il complesso della Villa Reale e del Parco di Monza, ma anche i temi della sostenibilità ambientale. Tutti i dettagli.

Monza: minaccia con una chiave il titolare di un’ottica e si fa consegnare 300 euro

Rapina a Monza, in pieno pomeriggio. E' successo giovedì 20 febbraio: a finire nel mirino del malvivente a volto scoperto, il negozio di ottica situato al civico 8 di via Risorgimento.